Cagliari, rissa tra gambiani: uno accoltellato, in ospedale agente

L’episodio è avvenuto intorno alle 19:30 di mercoledì in pieno centro, mentre le vie ed i negozi di via Roma erano affollati: il gambiano rivolge il coltello contro gli agenti di polizia che intervengono per placarlo. La rissa scoppia nuovamente e ad avere la peggio è stato un agente

Ennesima rissa con protagonisti cittadini stranieri nel pieno centro di Cagliari.

Il tutto mentre via Roma e le zone limitrofe erano affollate da persone alla ricerca di regali nella frenesia dei preparativi per il Natale.

A poco serve la copertura di facciata dei mercatini di piazza del Carmine e del Corso Vittorio Emanuele, incapaci di mascherare una situazione di degrado imperante sotto gli occhi di tutti.

E l’ultimo di una lunga serie di episodi del genere si è verificato ieri poco dopo le 19:30 sotto i portici di via Roma, a breve distanza dal palazzo che ospita il Consiglio Regionale.

Alcuni poliziotti sono stati avvicinati da Assane Pabu, 19enne gambiano, che chiedeva disperatamente il loro aiuto. Il giovane era appena stato accoltellato in via Lepanto da un connazionale, che si era poi lanciato al suo inseguimento. Mostrando la ferita ancora sanguinante, inferta nella parte posteriore della coscia, Pabu ha cercato di segnalare agli agenti il colpevole, spiegando che era ancora armato. Proprio in quel momento sul gruppetto è piombato come una furia il secondo gambiano il quale, urlando, ha tentato di affondare un colpo all’altezza del petto del 19enne con lo stesso coltello utilizzato pocanzi. Poco gli importava che ci fossero di mezzo i poliziotti, lo straniero ha brandito ugualmente l’arma cercando di colpire.

Solo il pronto intervento di uno degli agenti della squadra mobile di Cagliari ha impedito che accadesse il peggio, riuscendo a spostare il 19enne prima che potesse esser centrato dalla lama affilata.

Gli altri uomini in divisa hanno tentato di immobilizzare il folle gambiano, ma quest’ultimo, tutt’altro che intenzionato a collaborare, li ha tenuti sotto scacco e minacciati, rivolgendo ed agitando l’arma in loro direzione.

Solo dopo una estenuante trattativa i poliziotti sono riusciti a convincere il facinoroso a gettare l’arma. Tuttavia, in quel preciso istante, il 19enne da lui aggredito in precedenza gli si è avventato contro, dando luogo ad una nuova colluttazione. Nel tentare di separarli alcuni agenti sono stati colpiti da calci e pugni, ed uno di loro è rovinato a terra, rimanendo, tra l’altro ferito. Portato al pronto soccorso, a causa di un trauma distrattivo e contusivo riportato alla spalla destra, gli sono stati riconosciuti 8 giorni di prognosi.

I due gambiani sono invece stati trasportati negli uffici della questura di Cagliari, dove verranno trattenuti almeno fino all’udienza di convalida del fermo.

Commenti

dagoleo

Gio, 13/12/2018 - 17:15

L'ennesima preziosa risorsa che dà il meglio di sè e della sua cultura per pagarci le pensioni. Fantastico. Dovremmo importarne milioni di questi preziosi esemplari. Grazie Boldri per averci aperto le menti. Un monumento bello grande per la Boldri dentro cui rinchiuderla per eternarne la memoria. Locazione del monumento? Canale di Sicilia, sul fondale marino. Così anche i pesci potranno ammirarlo.

istituto

Gio, 13/12/2018 - 17:40

Suppongo che la situazione in questi giorni natalizi e poi di fine anno e di anno nuovo precipitera' visto che le preziose " risorse" hanno perso per sempre i PERMESSI UMANITARI ( invenzione della Sinistra italiana per far rimanere A TUTTI I COSTI le risorse A VITA IN ITALIA) e la possibilità ( essendo quindi CERTIFICATO che si tratta di CLANDESTINI) di rimanere aggratis serviti e riveriti vita natural durante negli alloggi pagati dai contribuenti italiani.

Macrone

Gio, 13/12/2018 - 18:10

Ma perchè i poliziotti non hanno usato il taser?

Aegnor

Gio, 13/12/2018 - 18:22

A queste notizie gli idioti rossi e la boldra respirano cultura a pieni polmoni