Cambia fornitore, "vendetta" Enel: pagate 20mila euro in 10 giorni

La bolletta arrivata ad una gelateria di Vigonza. Errori di calcolo fatti dall'Enel, che però rivuole entro 10 giorni i soldi degli artigiani

Una bolletta enorme, capace di mandare sul lastrico un'attività. Sono 20mila euro che la gelateria "Al Giardinetto" di Vigonza deve pagare all'Enel. La sua colpa? Aver deciso di cambiare fornitore di energia.

Sembra assurdo, ma è così. Quando le titolari hanno deciso passare ad un altro fornitore, dagli uffici dell'Enel sono scattati i controlli sulle bollette passate. E così hanno scoperto di aver sbagliato i calcoli sulle vecchie fatture. Ma invece di chiedere scusa per l'errore e concordare un pagamento rateizzato, Enel ha ben pensato di rivalersi sulla gelateria. Inviando ad inizio agosto una bolletta da 20mila euro per i ricalcoli del 2014 e del 2015.

Non solo. Perché il tempo massimo che hanno a disposizione per mettere insieme la cifra è di solo 10 giorni. "Per fortuna eravamo a casa - ha detto Giulia Pinton al Gazzettino - e siamo riusciti a bloccare la nostra banca prima che accordasse l’addebito, altrimenti ora ci troveremo il conto prosciugato".

"Gli operatori del call center – ha aggiunto – mi hanno detto che effettivamente è stata l’azienda a commettere degli errori nelle bollette precedenti. E che ora, rifacendo i calcoli, risulta un credito nei nostri confronti di 20 mila euro. Un importo che mi pare assolutamente spropositato e che abbiamo deciso di contestare. Intanto ci siamo informati sulla possibilità di rateizzazione e ce ne hanno concessa una di 12 mesi. Una dilazione che non ci comoda assolutamente".

L'artigiana si è rivolta all'Adico per ottenere il ricalcolo del dovuto all'Enel. In effetti le bollette di 250 euro che mensilmente pagava la gelateria erano forse trobbo basse per essere vere. Ma l'errore è stato dell'ente erogatore.

Che non si è fatto scrupoli chiedendo 20mila euro in 10 giorni. Per quello che sembra più di un dispetto.

Commenti

epc

Lun, 21/09/2015 - 18:50

Sulle mie bollette (che però in effetti sono di un altro fornitiore) c'è scritto esplicitamente "I pagamenti precedenti sono tutti regolari. Grazie". Consiglio a questi signori di controllare se c'è una tale dicitura anche sulle loro bollette e, se del caso, farla valere in rribunale.

aredo

Lun, 21/09/2015 - 19:35

Qualcuno si mettesse a fare una bella inchiesta dettagliata su come Enel e gli altri fornitori di energia e rivenditori di energia in Italia gonfiano le bollette ed alterano i dati delle letture che con quelle elettroniche non hanno più alcun controllo e si inventano i numeri lucrando come dannati...

Paolino Pierino

Lun, 21/09/2015 - 19:50

Enel non è un azienda ma una confraternita a delinquere di stampo mafioso classica azienda dello stato ove parcheggiare gli amici con prebende da nababbi truccata da SPA con la licenza di rapinare in classico stile caxxxo comunista renziano .

freud1970

Lun, 21/09/2015 - 20:00

Ma piu' che cambiare fornitore, bisogna cambiare stato.

alfa2000

Lun, 21/09/2015 - 20:12

per "epc" non c'entra nulla la dicitura, il fatto è che non hanno fatturato il dovuto, probabilmente perchè magari hanno ancora un vecchio contatore con letturista che passa una tantum, e quindi sicuramente sulla bolletta c'è scritto, "lettura presunta", quindi in acconto e poi in secondo tempo da conguagliare previa lettura, dunque purtroppo il sistema è eastto

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Lun, 21/09/2015 - 20:14

Se il conto lo hanno sbagliato loro non gli si deve nulla. Sulle bollette c'è scritto il periodo esatto, il consumo e l'importo. Direi che i gelatai devono rispondere a enel che i loro pagamenti erano congrui alle richieste punto e basta. Enel fa sempre troppo spesso mosse a caso, non éuna azienda seria, chi ci lavora è della risma sbagliata.

giosafat

Lun, 21/09/2015 - 20:15

@epc....concordo in pieno col suo ragionamento. Nella mia collezione di bollette la dicitura menzionata appare ben evidenziata con un bel pennarello rosso....e sfido chiunque a venire a rompere gli zebedei con futuri tentativi di estorsione.

Ritratto di drazen

drazen

Lun, 21/09/2015 - 20:20

E' un sistema: quando ho cambiato fornitore di gas mi hanno "aggiunto" 1.000 metri cubi!

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 21/09/2015 - 21:04

Azzz.....gli conveniva stare con Enel.

cgf

Lun, 21/09/2015 - 21:12

@epc pagamenti per quanto emesso è un conto, ricalcolo di quanto addebitato è un altro..

maurizio@rbbox.de

Lun, 21/09/2015 - 21:13

Che il pagamento in blocco sia una porcata è vero, non c'è dubbio. Però quando cambi gestore è anche normale che viene controllato tutto, soprattutto se la lettura del contatore non è stata fatta per diverso tempo. Cioè capita spesso che per un motivo o per un altro l'azienda elettrica non passa a leggere il contatore ma ti addebita secondo il tuo consumo "storico" diciamo maggiorato di un tanto. Se però il tuo consumo esplode ovviamente non paghi subito paghi poi dopo, quando vanno a fare la lettura del contatore. Qui il motivo è sto il cambio di gestione, ed è venuta fuori un'incongruenza. Però un pagamento in 4-5 Rate dovrebbe poter essere possibile. Certo non puoi sperare che il vecchi gestore, mollato per un altro, ti accordi le 360 comode rate mensili.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 21/09/2015 - 21:16

beh se una gelateria non ha 20mila euro ma che vadano a fare un altro mestiere. Ma come ragionano certa gente, ne guadagnao 1000 e ne spendono 1000, se guadagnano 5000 ne spendono 5000 e sul conto hanno poche centinaia di euro?

lento

Mar, 22/09/2015 - 07:58

Difficile controllare la bolletta che arriva, piu' difficile e' risalire alle bollette vecchie !E' tutta una truffa sicuro!I gestori mettono bollette farlocche ,spesso e volentieri per fregare i consumatori,e far quadrare i conti dell'azienda...

giovauriem

Mar, 22/09/2015 - 08:51

ho un piccolo deposito dove ci tengo della roba che in casa non serve e ci svolgo il mio hobby , ci entro il sabato per 3/4 ore . ho un contrato di fornitura enel con dicitura: uso diverso da residenziale , pago mediamente 80 euro al bimestre con un consumo mediamente di un kilowat , se questo non è rubare .

epesce098

Mar, 22/09/2015 - 11:39

Il ricalcolo delle 20000.00 Euro si riferisce solo agli anni 2014-2015. Se la gelateria ha ancora i vecchi contatori e possibile che sia un conguaglio. Mi sembra strano che non abbia i nuovi contatori per mezzo dei quali l'Enel può fare l'autolettura e quindi inserire il giusto consumo.