Come cambiano le tariffe dei pedaggi autostradali

Le tariffe autostradali cambieranno volto. L'Autorità di regolazione dei trasporti (Art) ha pubblicato una delibera in cui vengono definiti i nuovi parametri

Le tariffe autostradali cambieranno volto. L'Autorità di regolazione dei trasporti (Art) ha pubblicato una delibera in cui vengono definiti i nuovi parametri per definire il prezzo da pagare al casello. Tutto è partito con il decreto Genova dello scorso autunno. Il decreto di fatto introduce il metodo del prce cap. Gli aumenti saranno legati al "miglioramento del servizio". Come sottolinea il Sole 24 Ore, questo metodo era stato proprosto circa 20 anni anni fa. Poi arrivarono alcune eccezioni. In seguito venne deciso di eliminare il sistema price cap. Nel corso degli anni i gestori avevano anche usato un altro metodo per concordare con l'aumento delle tariffe.

I gestori tendevano a minimizzare gli incassi futuri per ottenere aumenti più consistenti riducendo anche le previsioni sul traffico. Risultato? I pedaggi incassati in più restavano nelle tasche del gestore. Adesso con il nuovo piano si potrebbe tornare ad un aumento o a una definizione delle tariffe con altri parametri che riguardano il singolo gestore analizzando ad esempio i piani finanziari che stabiliscono ogni 5 anni i costi e i ricavi lungo l'asse investimenti-pedaggi. Con il nuovo sistema la vigilanza da parte del ministero verrà affiancata da una nuova agenzia, l'Ansfisa. Adesso bisogna capire se queste nuove regole sulle tariffe porteranno vantaggi o "stangate" nelle tasche di chi viaggia.