Cannabis per 900mila euro: l'erede della Coca Cola arrestato sul jet privato

Alkiviades David è stato arrestato all'aeroporto Robert L. Bradshaw International per avere trasportato 5mila piante di cannabis a bordo del velivolo

Ha volato con 5mila piante di cannabis, per un valore commerciale di un milione di euro, a bordo del suo jet privato e una volta messo piede a terra è stato arrestato dalla polizia. A finire in manette è stato niente meno che Alkiviades David, l'erede della Coca Cola.

Il miliardario è stato pizzicato dalle forze dell'ordine sull'isola caraibica di Saint Kitts, nel corso di un controllo doganale di routine.

Come scrive Il Messaggero, il facoltoso era in viaggio d'affari con il socio (miliardario) 66enne Chase Ergen, 66 anni, e l'attore Jonathan Rhys Meyers. Il trio è stato trattenuto per diverse ore nello scalo, per essere poi arrestati l'indomani, quando hanno cercato di lasciare l'isola, con l’accusa di possesso di droghe controllate e importazione di un farmaco controllato nella federazione.

L'erede della Coca Cola avrebbe sostenuto che le piante erano tutte di canapa e destinate al lancio di una nuova impresa per sviluppare un business legale della cannabis nei Caraibi.

Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Mer, 15/05/2019 - 14:01

ecche...voleva solo "rinverdire" il parco della sua villa con piante nuove!!!

sparviero51

Mer, 15/05/2019 - 20:47

DICONO TUTTI COSÌ !!!