Cannes? È Genova la vera regina del mare

Intanto Ucina sarà protagonista del convegno «Turismo nautico, ricchezza del Paese» in programma alla Camera il 18 settembre

Motori al massimo, avanti tutta. Ucina, I Saloni Nautici e Fiera di Genova preparano al meglio l'edizione numero 55 della rassegna internazionale che aprirà i battenti il 30 settembre, terzo appuntamento della nuova stagione dopo Cannes e Montecarlo. E sarà, secondo gli addetti ai lavori, un'edizione davvero sorprendente perché Genova intende rafforzare il suo ruolo naturale di capitale del mare. I numeri, ancora approssimativi, confermano l'ottimistica previsione: 29 Paesi coinvolti, 70 giornalisti e 70 tra operatori e buyer che arrivano dall'estero. Grande interesse di media e operatori internazionali, quindi, ma anche una crescita in doppia cifra delle iscrizioni rispetto al 2014, mentre non mancano graditi ritorni di marchi storici della nautica made in Italy . E tutto questo, fanno notare gli organizzatori, grazie «allo straordinario supporto del ministero dello Sviluppo economico, dell'Agenzia Ice, della nuova giunta regionale presieduta da Giovanni Toti e dell'amministrazione comunale».

«Siamo consapevoli - dice Carla Demaria, presidente di Ucina-Confindustria Nautica nonché presidente di Monte Carlo Yachts - della grande responsabilità che accompagna una manifestazione come il Salone di Genova: la nautica è un asset importante per l'economia italiana e per questo sfrutteremo al meglio i fondi del “Piano straordinario made in Italy” accordatici dal ministero dello Sviluppo. Grazie alla sua vocazione internazionale, la rassegna è una straordinaria vetrina delle eccellenze della nautica in Italia e nel mondo. A questo proposito, fondamentale è stato il contributo dell'Agenzia Ice, partner consolidato della rassegna. Portando a Genova il meglio dei media e degli operatori esteri, infatti, ci ha consentito di ampliare in tutto il mondo la visibilità delle realtà, piccole e grandi, presenti al Salone».

Il format 2015 è stato ideato per rafforzare l'appeal della kermesse e per estenderlo a diversi target – aziende e appassionati di nautica – grazie a numerose iniziative. I visitatori, quindi, non saranno attratti solo dalle barche, ma anche da un ricco programma di eventi e appuntamenti che animeranno il Salone: prima fra tutti la celebre Volvo Ocean Race, presente per la prima volta con i suoi equipaggi, ma anche le prove in acqua, il Teatro del Mare e tanto altro ancora. Senza dimenticare «GenovaInBlu», il fuorisalone per eccellenza, che anche quest'anno, grazie alla partnership con istituzioni locali e Camera di Commercio, animerà il cuore della città con una serie di iniziative, di cui forniremo i dettagli nello «Speciale Salone» che sarà in edicola il 30 settembre.

Intanto il 18 settembre - Camera dei Deputati, ore 9,30 - è in programma il convegno «Turismo nautico, ricchezza del Paese». Ucina e parlamentari impegnati, per la prima volta, in una riflessione sul comparto, sul suo valore economico e occupazionale e sul suo rilancio.

«Dopo l'appuntamento istituzionale dello sorso anno in Senato, la Nautica approda ufficialmente alla Camera - aggiunge Carla Demaria - Si tratta di un momento di attenzione e di riflessione molto importante per il nostro settore verso il quale, grazie al lavoro svolto in questi anni non facili da Confindustria Nautica, c'è finalmente una diversa percezione. Il convegno arriva alla vigilia del Nautico e a ridosso della presentazione della legge Finanziaria dalla quale aspettiamo ulteriori norme di sostegno al comparto. La nautica è un'industria con un valore del surplus commerciale superiore a quello di altre grandi produzioni made in Italy - ed è un formidabile volano per la complessa filiera turistica e dei servizi e come tale va considerata e supportata».