Il carabiniere si sfoga: "Lo Stato aiuta i ladri"

"37 anni per la strada e tutte le volte che ho arrestato qualcuno il giorno dopo era già fuori". Sebastiano Leone è in pensione da un anno ma rivendica con orgoglio la sua vita al servizio dell’Arma

"37 anni per la strada e tutte le volte che ho arrestato qualcuno il giorno dopo era già fuori". Sebastiano Leone è in pensione da un anno ma rivendica con orgoglio la sua vita al servizio dell’Arma. Al Giorno, il carabiniere che faceva parte del nucleo radiomobile della Toscana si confessa con una velo di amarezza: "Chi deve operare ha paura. Ormai le cose stanno così: uno si chiede se valga la pena oppure sia meglio arrivare a sirene spiegate che, intanto, quelli scappano. Vedo il ladro che scappa, lo rincorro, lo piglio con la refurtiva in mano e poi c’è chi mi viene a chiedere con tono accusatorio: ‘Ma perché l’hai arrestato?’. Vai in tribunale e sembra che l’imputato sia tu. Se uno fa resistenza e cerchi di bloccarlo finisci sotto accusa perché dice che l’hai picchiato. Il tuo operato si mette in dubbio".

E ancora: "Non mi ci sono mai abituato a ritrovarmi davanti persone spaventate, umiliate, in lacrime. Un uomo, non lo posso dimenticare, l’avevano fatto inginocchiare davanti alla moglie puntandogli un cacciavite alla gola". Scene di orrore puro... "Un altro, a Cerreto. L’avevano spaccato di legnate e poi, tutto nudo, l’avevano legato ad una sedia con il fil di ferro. Era massacrato e quando siamo arrivati abbiamo cominciato a levargli il fil di ferro dalla carne. E tutto questo per cento euro. Lui non faceva che raccontare: ‘Mi sono svegliato con una luce negli occhi e non ho capito più niente. Mi sono visto passare la vita davanti agli occhi’". I più feroci sono gli stranieri? "Sono cattivi, molto cattivi. Le organizzazioni dei georgiani, dei russi, dei romeni. Secondo me ci sono molti ex militari o paramilitari che adottano tecniche di guerra. Estremamente pericolosi. E quando entrano nelle case dove ci sono donne... Molte non denunciano per vergogna. Ma noi ci rendiamo conto, quando interveniamo, che ci sono state violenze che non vengono riferite. Non c’è tutela per il cittadino onesto".

Commenti

antipifferaio

Ven, 13/11/2015 - 10:23

A furia di condonare ed essere garantisti ecco che siamo finiti a stendere un tappeto rosso a chi delinque e intimidire le Forze dell'Ordine. Ormai la magistratura sembra sempre più un partito politico e sempre meno un sistema per applicare la giustizia.

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Ven, 13/11/2015 - 10:25

E se ne è accorto adesso? Per 37 anni è stato uso obbedir tacendo reggendo la coda al potere cattokomunista, ora vuole rifarsi una vrginità ideologica? Troppo comodo! Mi ricorda i "partigiani" del 26 aprile: quante tessere del PNF distrutte!

unosolo

Ven, 13/11/2015 - 10:39

lo sappiamo quello che fanno le forze addette alla sicurezza , lo sanno anche i ministri che la usano portandosene dietro diversi anche con 26 auto , la legge permette scappatoie a certi giudici che le usano o per paura di ritorsioni , o per tutelarsi il futuro , questo è quello che appare viste molte sentenze strane e certe carcerazioni altrettanto strane come avviene in questi giorni col Mantovani , come esempio di chi non nuoce e si calca la mano mentre chi spara resta libero ,delinquenti autorizzati da leggi permissive in mano a paurosi tutori o deboli non ci sono spiegazioni , esempio lampante del Giuliani che voleva regalare l'estintore , gli si intitolano vie e si condanna chi si difende , purtroppo è la realtà della interpretazione delle leggi e in mano a chi capitano.,.,il leale ci rimette sempre perche non può nuocere,.,

evuggio

Ven, 13/11/2015 - 10:42

Scriviamo nella PIETRA le ultime parole di questo carabiniere onesto, sincero e con il coraggio di dire le cose come stanno: NO C'E' TUTELA PER IL CITTADINO ONESTO - questa frase andrebbe sostituita in tutti i tribunali al posto di "la legge è uguale per tutti"

Ritratto di ...Cassandra

...Cassandra

Ven, 13/11/2015 - 10:44

politicanti ladri e corrotti che aiutano altri ladri, e dov'è la novità?

Rossana Rossi

Ven, 13/11/2015 - 10:50

Questa è la povera italietta a targa pd pseudo-governata da un bischero pifferaio usurpatore e incapace che sa solo cacciare balle dicendo che va tutto bene che tutto è perfetto, che la povera italietta sta ripartendo, che lui fa le riforme, che è tutto merito suo e bla bla bla bla.........

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Ven, 13/11/2015 - 10:53

Questo Signore fa benissimo ad essere orgoglioso d'aver servito l'Arma. Rappresenta la legalità l'ordine e la giustizia. Certo poi ci sono questi maledetti sinistri con questa magistratura, corporazioni di presunti progressisti ma veri fancazzisti che rubano lo stipendio ed aiutano i propri simili. Correggere queste disfunzioni è possibile basta non votare più i sinistri e sistemare la magistratura che non esercita la giustizia ma la sistematica difesa dei delinquenti. Il Sig. Sebastiano non si abbatta, sa bene che bisogna sempre combattere per una giusta idea e Lui lo ha fatto. Complimenti ancora e grazie.

macchiapam

Ven, 13/11/2015 - 10:58

Forse certi funzionari da scrivania e certi giudici dovrebbero prestare più attenzione a dichiarazioni come quelle, insospettabili, rese dall'egregio ex-carabiniere. Onore a lui e vergogna ai buonisti da salotto.

Jimisong007

Ven, 13/11/2015 - 11:19

Gli togleranno la pensione? Attento a Alfano...

Ritratto di charry_red_wine

charry_red_wine

Ven, 13/11/2015 - 11:26

Notare come a parlare è un carabiniere.. chi dovrebbe parlare, e cioè il generale o il colonnello, invece tace.. ahimè.. hanno delle comode poltrone da difendere o da raggiungere.. cittadini rassegnatevi al vostro destino triste.. il carabiniere per parlare ha dovuto aspettare la pensione.. nel frattempo, problemi vostri se Alfano veglia si di voi

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 13/11/2015 - 11:52

anche un grande cuoco se cucina con prodotti scadenti-farà dei piatti mediocri-i fatti di cronaca ci spingono a contestare spesso i giudici -ma i giudici fanno quello che possono-se il nostro codice penale fa schifo-i giudici non possono far miracoli- chi può cambiare il codice penale? -risposta facile-i politici- chi elegge i politici?-risposta facile-siamo noi- quindi la colpa di tutto questo è nostra che non riusciamo a trovare politici all'altezza della situazione- e non parlo solo di politici di sinistra-anche quelli di destra hanno avuto tempo ed occasioni per modificare le cose-ma anche loro hanno fallito miseramente-le sparate elettorali e populiste che fa oggi salvini- le faceva pari pari bossi anni fa-film già visto-non conviene comprare il biglietto--

tonipier

Ven, 13/11/2015 - 11:56

" I CRITERI DI SELEZIONE DEI GIUDICI" L'ordine e la correttezza di svolgimento della vita sociale procedono dalla esplicazione delle capacità,delle doti di rettitudine e di solerzia dei preposti alla direzione ed al funzionamento delle strutture pubbliche. All'assolvimento dei compiti propri del potere legislativo, del potere esecutivo e di quello giudiziario devono presiedere cittadini onesti, sensibili e solleciti alle esigenze del bene comune affinchè lo Stato possa essere salvaguardato da eventi che preludono alla sua disintegrazione.tture pubbliche.

obiettore

Ven, 13/11/2015 - 12:06

Lo dica ad Alfano.

agosvac

Ven, 13/11/2015 - 12:28

Non è lo Stato che aiuta i ladri a continuare a svolgere il loro "onorato" lavoro, è la magistratura italiana. La colpa dello Stato, ma in effetti di questo Governo che oggi rappresenta lo Stato, è solo di non avere il coraggio di mettere in riga la magistratura costringendola a compiere il suo dovere di leale servitore dello Stato. Le leggi ci sono ma si devono applicare rigorosamente non interpretare a "modo loro". Purtroppo ormai "certa" magistratura è del tutto indipendente dallo Stato. Anzi, in qualche caso, lo Stato, cioè questo Governo, ne ha addirittura paura!!!

maurizio50

Ven, 13/11/2015 - 12:33

Chiunque conosce un rappresentante delle Forze dell'Ordine sa della sensazione di impotenza totale che aleggia attorno ad essi: impotenza che ha i suoi responsabili nei governi che non incentivano in nessun modo l'attività dei tutori dell'ordine ed inoltre nei giudici che tutti i giorni con comportamenti assurdi vanificano il lavoro di Polizia e Carabinieri. Il senso di impotenza è il medesimo che attanaglia i cittadini, che presi in questa situazione, sono sempre più vittima dei delinquenti di ogni tipo e razza, favoriti da emeriti im..becilli quali sono i partecipanti all'attuale governo!!

FRANZJOSEFVONOS...

Ven, 13/11/2015 - 13:43

SEBASTIANO LEONE QUESTE PAROLE SI DICEVANO NEGLI UFFICI TRA I REPARTI DAL 2002. E TU ORA LO SAI. QUANDO C'E' UN CAMBIO DI GOVERNO SI NOMINA SUBITO UN COMANDANTE GENERALE A LORO PIACIMENTO. DA QUANTO TEMPO NON C'E' PIU' VOGLIA DI FAR NIENTE?

Ernestinho

Ven, 13/11/2015 - 14:11

Come abbiamo sempre sostenuto tutti! Solo lo "stato" latita!

vince50_19

Ven, 13/11/2015 - 14:13

Sebastiano lei ha fatto il suo dovere, sono semmai i politici che non fanno il loro con leggi permissive ed inadeguate, con personale addetto alla sicurezza poco motivato e non sufficientemente adeguato nel numero. Certo si può impiegare anche personale che è negli uffici, però il problema non lo si risolve lo stesso. La macchina della giustizia è farraginosa (modificare le procedure senza l'avallo di certa magistratura comporta qualche "serio problema" per chi ci prova), inadeguata e le leggi lasciano troppo spazio interpretativo. Il troppo garantismo alla fine fa danni, come avvenne ai tempi delle bierre che vennero sconfitte solo con il pentitismo.

senzasperanza

Ven, 13/11/2015 - 14:41

buon giorno.sono una persona normale(uno degli italiani pirla) e mai possibile,che tutti i giorni dobbiamo leggere notizie cosi". tutti i giorni furti,stupri,minaccie ecc,ecc.ma e vita questa Alla sera durante il teleg.mi chiedo,ma se non ci fossero le nuove risorse(secondo sboltrini,e copp)e il meridione , di cosa parlerebbero.maaaa

Anonimo (non verificato)

Ven, 13/11/2015 - 14:50

I soci sono sempre solidali

Gioa

Ven, 13/11/2015 - 15:26

UNITEVI TUTTI PER MANDARE A CASA IL PAROLAIO DI PONTASSIEVE E TUTTA LA SUA BANDA....LE FORZE DELL'ORDINE SONO LA CATEGORIA CHE DOVREBBE AVERE UNO STIPENDIO PIU' ALTO DI TUTTI, IN PIU' DEBBANO AVERE LA POSSIBILITA' DI GARANTIRCI SICUREZZA....

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Ven, 13/11/2015 - 15:31

Il carabiniere denuncia: "Lo Stato aiuta i ladri" Io posso solo dire "No comment" ... perché il giorno dopo non sarei liberato!

Libertà75

Ven, 13/11/2015 - 16:06

Pensa ad una persona ripetutamente seviziata, svilita e abbandonata che per un attimo riesce a reagire, se fa del male ai suoi aguzzini per lui la magistratura non ha pietà.

Ritratto di semovente

semovente

Ven, 13/11/2015 - 16:30

Il Carabiniere ha perfettamente ragione di lamentarsi di questo stato da quattro soldi.

fedeverità

Ven, 13/11/2015 - 16:32

Alfano..lo senti? Dai.....mi fai ridere...sei solo una VERGOGNA!!! Più di così,che vuoi sentire...DIMETTITI se vuoi guardarti ancora allo specchio!

oicul44

Ven, 13/11/2015 - 17:04

che si levino le scorte ai politici poi vediamo cosa diranno

elena34

Ven, 13/11/2015 - 17:04

Come sono buone e umane queste risorse boldriniane. Voi che ci governate (????????) scomparite

Ritratto di cartastraccia

cartastraccia

Ven, 13/11/2015 - 17:21

Se al carabiniere non va' bene si accomodi in fonderia, a vuotare i pozzi neri oppure a raccogliere i pomodori, visto che il qi e' compatibile non dovebbero fargli storie....

terzino

Ven, 13/11/2015 - 17:29

Qualcuno dirà che i giudici applicano la legge per cui stanno subito fuori. I giudici non applicano la legge ma la interpretano altrimenti non si spiegherebbe il perchè persone beccate più volte, recidiva infraquinquennale secondo il codice, non sta in galera. Le patrie galere sono strapiene, l'Italia paga multe giornaliere alla UE per le condizioni dei carcerati, si depenalizzano reati per non portare più nessuno in cella. la ragion di Stato prevale, ma la sicurezza dei cittadini indifesi, alla mercè di delinquenti chi la tutela?

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 13/11/2015 - 17:43

Insieme ad alfano io ci metterei pure un librandi,quando c'è a "dalla vostra parte",non me lo lascio scappare sinceramente, è più spassoso di zelig,solo che lui non lo sa di essere pure un comico,parla di un paese che non esiste sulla terra,parla di quello che faranno come se lo avessero già fatto,ma che non faranno mai.Lo ringrazio tantissimo,mi fa passare una mezzoretta allegra,è meglio dell'altro comico di pontassieve,molto meglio.

lamwolf

Ven, 13/11/2015 - 18:00

Purtroppo ho amici veri e sinceri nell'Arma è proprio così. Me ne hanno raccontate di storie come queste. Sono avviliti e vigliaccamente dallo Stato e da questo Governo ormai senza più dignità. Loro i governanti e politici, scortati, le loro abitazioni vigilate, stipendi faraonici e privilegi e non vessati e tartassati. Lasciati soli in balia della criminalità. Senza più un minimo di sicurezza ma li capisco per 1200 euro non vale più la pena rischiare la pelle e lasciare moglie e bambini soli e poi lo Stato? se la passa con una medaglia del c.... Vergognatevi!

vincar

Ven, 13/11/2015 - 18:06

La legge è uguale per tutti e la giustizia no.

moshe

Ven, 13/11/2015 - 18:28

Il carabiniere si sfoga: "Lo Stato aiuta i ladri" ..... ..... ..... e considera le forze dell'ordine e gli italiani come carne da macello !!! ABBIAMO UN GOVERNO DI DELINQUENTI !!!

Tobi

Ven, 13/11/2015 - 18:33

concordo con unosolo. Ci sono giudici vili che per paura non condannano i criminali violenti. Viceversa, quando trovano un debole che ha rubato una gallina o addirittura qualche persona onesta che per sbaglio è finita indagata, allora ecco che i giudici si mostrano ligi al dovere e condannano a più non posso.

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Ven, 13/11/2015 - 19:06

BenFrank, ma che dice. Il carabiniere Leone dicendo che li arrestava onorava il suo lavoro. Ciò che vuole evidenziare e che all'indomani dell'arresto ad opera di qualche magistrato con meno senso dello Stato il delinquente era già fuori. Evidenzia, inoltre, la sua amarezza ritenendo inutile il loro lavoro per cui alla fine era preferibile arrivare a sirene spiegate in modo che i delinquenti se la dessero a gambe. Evitavano così il rischio di trovarsi loro nel banco degli imputati al posto dei delinquenti. In pratica oggi avviene proprio così.

Ritratto di romy

romy

Ven, 13/11/2015 - 20:23

……….Mxxxxxa signor tenente e siamo qui con queste divise Che tante volte ci vanno strette Specie da quando sono derise da un umorismo di barzellette E siamo stanchi di sopportare quel che succede in questo paese Dove ci tocca farci ammazzare per poco più di un milione al mese E c'è una cosa qui nella gola, una che proprio non ci va giù E farla scendere è una parola, se chi ci ammazza prende di più Di quel che prende la brava gente......

Ritratto di joepass

joepass

Ven, 13/11/2015 - 20:26

Chissà se Renzi o Bersani avranno il tempo di leggere questo articolo....

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Ven, 13/11/2015 - 21:42

E come si può dare TORTO!!!

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Ven, 13/11/2015 - 22:12

@cartastraccia: ma ha letto l'articolo????

pastiglia

Ven, 13/11/2015 - 22:44

Non è solo Lui che si lamenta, tempo fa dopo due furti subiti, i carabinieri mi dissero le stesse cose. Se presi questi escono ancor prima che abbiamo finiti di redigere i verbali.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 13/11/2015 - 23:47

non mi sono mai permesso perchè li ho sempre stimati ma ora gli dico andate a c.g.re. Fanno i piagnistei, mentre potrebbero quando acciuffano un delinquente incallito, pericoloso, cattivo dentro, sparargli un colpo in testa quando non ci sono testimoni e ce li leverebero dalle costole. No, si fanno mettere i piedi in testa. Allora che vogliono.

Ritratto di Lupodellealpi

Lupodellealpi

Ven, 13/11/2015 - 23:55

Che scoperta. E' dal 1861 che è in combutta con mafiosi e camorristi. Liborio Romano e Tore 'e Criscienzo furono gli antesignani del patto Stato-mafia.

istituto

Ven, 13/11/2015 - 23:55

"Lo stato aiuta i ladri"....Si ed aiuta e mantiene anche i clandestini e gli extracomunitari. Leggetevi l'articolo "Gli immigrati una risorsa per la Francia ? I dati dicono di no". É sul sito Corrispondenza Romana. Articolo che dice quanto la Francia (e lo stesso accade in Italia) debba spendere per queste "risorse" che ci costano molto ma molto di più di quello che da no in realtà. Leggetevelo.