Caraffe filtranti alla sbarra: tra un anno il processo

Il pm di Torino Guariniello contro Brita: "Ha immesso sul mercato prodotti pericolosi per la salute"

Le caraffe filtranti andranno alla sbarra. Dopo un paio di anni di indagini, tra perizie e analisi, il pm di Torino Raffaele Guariniello ha chiesto e ottenuto il rinvio a giudizio per il rappresentante legale della Brita Italia con l’accusa di immissione sul mercato di prodotti pericolosi per la salute.

Sotto accusa c'è in particolare la caraffa modello Marella che rilascerebbe nell’acqua filtrata ioni di ammonio in quantità superiore al massimo di 5 milligrammi per litro consentiti. Dopo le indagini e l'esposto di Mineracqua - che aveva registrato cariche batteriche troppo elevate e valori anomali - la maggiore azienda di caraffe si era messa in regola e si è difesa sottolinando che il sistema di filtraggio non ha mai causato pericoli per la salute pubblica. Ma secondo Guariniello sulle istruzioni del prodotto non sono mai stati segnalati gli effetti collaterali dovuti alla presenza di componenti come sodio e potassio in quantità superiori al consentito. Il processo si aprirà il 9 giugno 2015.

Commenti

gneo58

Ven, 28/03/2014 - 12:31

brutta cosa l'invidia - quando un prodotto vende e vende bene da' sempre fastidio a qualcuno - esempi ce ne sono "A MAZZI"

Ritratto di pravda99

pravda99

Ven, 28/03/2014 - 13:42

gneo58 - L'Eternit per esempio...? Vendeva benissimo. Peccato per le storie di amianto, e le centinaia se non migliaia di morti e invalidi permanenti, ricorda? Sempre grazie a Guariniello guardacaso. Anche di ignoranti ce ne sono "A MAZZI". Uno e' lei.

disaccordo

Ven, 28/03/2014 - 14:13

pravada lascia stare, questi sono gli elementi che si compravano il tubo tucker all'epoca...

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Ven, 28/03/2014 - 14:17

Caraffe filtranti, immane caxxata. Non hanno mai passato un confronto contro la normale acqua del rubinetto.

gneo58

Ven, 28/03/2014 - 14:56

pravda99 + disaccordo + el presidente - 3 beline (come si dice qui da noi) in un paio di braghe - prima di parlare ci si informa, prima di offendere ci si dovrebbe pensare 10 volte ma cosa ve lo dico a fare - l'unico neurone che avevate (1 in 3) che girava per le vostre teste vuote ormai si e' suicidato - condoglianze

gneo58

Ven, 28/03/2014 - 14:57

per el presidente - si vada a fare 1 bicchiere di acqua del rubinetto di una casa del napoletano poi mi dice.

Ritratto di stufo

stufo

Ven, 28/03/2014 - 15:32

Perdonate, ma 'stì "ioni di ammonio" da dove provengono, dall'acqua di rubinetto immessa nella caraffa oppure dal materiale filtrante?

killkoms

Ven, 28/03/2014 - 15:52

@pravda99,come dico al "il giusto" raglio d'asino non arriva in cielo!il paradosso sull'eternit(o amianto in genere)?ne è vietata estrazione,fabbricazione e vendita,ma NON c'è l'obbligo della rimozione!e così mi è capitato di vedere contadini lamentarsi per i ripetitori telefonici ma con i capannoni in eternit!

killkoms

Ven, 28/03/2014 - 15:56

e per la cronaca,in molti comuni sinistreggianti,è possibile comprare la cosidetta "acqua del sindaco"!"normale" acqua del rubinetto,"buona",dicono loro,poichè se il comune dice che è potabile,vuol dire che è potabile,(ma magari come i carabinieri della barzelletta la saggiavano con le forbici per potare)!

Ritratto di pravda99

pravda99

Ven, 28/03/2014 - 16:44

gneo58 - Non si capisce il senso della sua risposta, sa? Difende la Caraffa, il Tubo Tucker, l'Eternit, o in genere i truffatori della gente. Lei in particolare cosa vende?

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Ven, 28/03/2014 - 16:48

@gneo58 "per el presidente - si vada a fare 1 bicchiere di acqua del rubinetto di una casa del napoletano poi mi dice.".... acqua che dopo il trattamento con la caraffa diventa igienica e potabile come acqua di fonte vero? Vada lei a vedere prove "serie" (cioè non fatte dai produttori, "Oste com'è il vino") sui risultati ottenuti dalle caraffe filtranti, glieli riassumo per semplicità: se l'acqua era non potabile prima lo è anche dopo, non migliora la qualità anzi, a volte la stessa peggiora perché l'acqua risulta eccessivamente demineralizzata, perché le resine che sono contenute negli elementi filtranti disperdono parte dei loro componenti e, dulcis in fundo, perché se non regolarissimamente pulite e disinfettate possono diventare terreni di proliferazione di batteri (capita negli ambienti caldi e umidi!). Le caraffe filtranti agiscono su un limitatissimo numero di inquinanti, si vada a vedere quanti filtri e processi di depurazione chimica e fisica differenti ha un vero impianto di trattamento acque e si ripresenti qui a raccontarci che fa tutto lo stesso con la pastiglietta della Brita. Delle due l'una, o è un'ignorante o è un rivenditore Brita.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Ven, 28/03/2014 - 16:58

Ah, dimenticavo di citare la fonte, così (i)gneo(rante)58 si informa, è la relazione tecnica del ministero della Salute che accompagna il decreto sulle «apparecchiature per il trattamento dell'acqua destinata al consumo», D.M. 7 febbraio 2012, n. 25 per la precisione

libertyfighter2

Ven, 28/03/2014 - 17:17

Le caraffe sono una cagata pazzesca da un bel pò. Per il semplice fatto che PER LEGGE lo STATO è tenuto a fornirti ACQUA POTABILE CORRENTE. Se hai bisogno della caraffa filtrante, vuol dire che l'acqua che ti fornisce non raggiunge gli standard di potabilità. E andrebbero presi a sassate sindaci e gestori di acquedotti. Ma non si fa, anzi, si vota l'acqua pubica. Chissà che l'ammonio non fosse presente già PRIMA del filtraggio, in quantità superiori al consentito, ma nessuno si è preso la briga di denunciare l'acqua del sindaco.... Secondo. Ammesso che per qualche motivo non si denunci il sindaco, bisogna spiegare che fa sta caraffa. Non filtra l'ammonio? Estiquatsi non ci dovrebbe essere già, quindi di che parliamo? Se invece rilascia pezzi di materiale filtrante nell'acqua, questo è diverso. Ma non ci credo.

fedelisssimo

Gio, 20/11/2014 - 13:07

Sinceramente credo che il problema della caraffa filtrante e di tutti i sistemi di filtrazione sia l'utente stesso che per risparmiare non cambia il filtro oppure per pigrizia non pulisce la caraffa. Ci sono cose più importanti da analizzare come la ritenuta di particelle radioattive nelle membrane osmotiche. Io suggerisco comunque un filtro da rubinetto. Io utilizzo AOK come filtro e mi trovo bene. Poi c'è il problema della incompetenza sul fatto dei livelli di arsenico. Quando l'acqua bolle tutti gli elementi che non evaporano raddoppiano e persino triplicano di misura.