Carburanti, i prezzinon arrestano la corsaVerde sopra i due euro

Il nuovo record registrato lungo la A14. In tutta Italia i prezzi raccomandati rimangono attorno all'euro e novanta

Ancora un record sul costo dei carburanti. Il muro dei due euro, che fino a pochi giorni fa sembrava insuperabile, è stato abbattuto questa mattina, all'area di servizio Conero Est, lungo la A14.

Un litro di verde servita costa due euro e otto millesimi. Un costo/litro che non si era mai visto. Che rimane comunque un caso isolato, anche se, è da dire, il resto d'Italia non sta meglio. I picchi sul prezzo della benzina sono ormai intorno a un euro e novanta ovunque, con il diesel che segue a una distanza minima, fermandosi a un euro e ottanta centesimi.

Come da copione la situazione è più grave nella Marche, regione penalizzata da accise più alte sul carburante. Ieri l'ultimo aumento dei prezzi da parte di Eni, che ha portato i prezzi raccomandati su benzina e diesel su di 0,5 centesimi. Ritocchi anche per Esso, Shell, Tamoil e TotalErg.

Commenti

clorindo

Gio, 15/03/2012 - 14:31

le acise non c'entrano nulla..non aumentano tutti i giorni..invece la benzina continua senza soluzione ad aumentare solo per la speculazione dei petrolieri..io sono per fermare la auto..basterebbero tre giorni per metterli in ginocchio..

patrenius

Gio, 15/03/2012 - 15:15

La soluzione del caro benzina esisste: gia negli anni 30 il bravo Adolf alimentò la possente macchina bellica con benzina sintetizzata dal carbone. Oggi con i progressi della chimica far benzina è un gioco da ragazzi. il costo industriale sarebbe un quarto di quello dal barile con i prezzi che ha oggi. Gli stati europei invece di titillarsi con le rinnovabili, che sono utili solo a chi le vende, dovrebbero fare un bell'impianto per gli idrocarburi sintetici. tanto la benzina , checchè ne dicano i verdi, servira almeno per i prossimi 20-30 anni. E vedreste come il prezzo del barile crollerebbe. Con tutto il carbone che c'è in europa...l'altra materia prima è acqua che costa zero. perchè non si sveglia nesuno? 2C+2H2O>CH4+CO dal metano per sintesi si ha benzina e diesel

Marcello51

Gio, 15/03/2012 - 15:33

Sono contrario agli scioperi, ma per la benzina sono pronto. Fermi tutti ad oltranza e chissa se i petrolieri ci ripensano. Non basta una settimana? Due, tre fino alla fine: bevetelo il petrolio e anche lo stato se vedesse ridurre le accise qualcosa farebbe. Non si può andare avanti con le accise sui carburanti o sulle percentuali sulle vincite delle lotterie e delle macchinette infernali. Qualche cosa davvero non funziona. E poi: questo art. 18 è tutta una farsa che ci tiene impegnati tutti i giorni e non sappiamo nenche il perchè. Non si crea lavoro con l' art 18, si crea lavoro e basta e chi non lavora : a casa!!!

duxducis

Gio, 15/03/2012 - 15:34

Un sistema economico può durare un bel po’ dopo essere divenuto insostenibile, per pura inerzia. Ma ad un certo punto, una ondata di promesse non tenute e di supposizioni invalidate manda tutto a catafascio. Una delle sistemazioni insostenibili posa sulla nozione che è possibile prendere a prestito sempre più denaro dall’estero, per pagare sempre maggiori importazioni di energia, mentre il prezzo di queste importazioni continua a raddoppiare ogni po’ di anni. Il denaro gratuito con cui si acquista l’energia equivale a energia gratuita; e l’energia gratuita non esiste in natura. È dunque una condizione forzatamente transitoria.

Ritratto di Blent

Blent

Gio, 15/03/2012 - 15:59

entro fine anno costera 5 euro al litro

Ritratto di semovente

semovente

Ven, 16/03/2012 - 16:26

E gli aventi causa mangiano e bevono a volontà.

piertrim

Sab, 17/03/2012 - 12:14

Se non si arrestano i prezzi, probabilmente dovranno arrestare qualcun altro!