Cardano al Campo: vigile urbano entra in municipio e spara al sindaco e vicesindaco

Scene da Far West nel comune di Cardano al Campo: un vigile sospeso dal servizio fa fuoco contro sindaco e vicesindaco

Scene da Far West in un comune in provincia di Varese, Cardano al Campo. Un uomo è entrato negli uffici intorno alle 9.30 e ha sparato al sindaco Laura Prati, 48 anni, che è rimasta gravemente ferita. Colpito di striscio anche il vicesindaco, Domenico Iametti. Il sindaco è stato colpito all’addome ed è stato trasportato all’ospedale di Gallarate, il vice sindaco invece è stato colpito alla testa e portato con l’eliambulanza all’ospedale di Varese. A fare fuoco è stato un vigile urbano sospeso dal servizio, Giuseppe Pegoraro (60 anni). Datosi alla fuga l'uomo è stato fermato dai carabinieri vicino a Gallarate. Sposata, due figli (di 20 e 10 anni), la Prati è stata eletta sindaco di Cardano al Campo nel maggio 2012 con la lista di centrosinistra "Cardano Vive", che ha raccolto il 34,4% dei voti. Costantino Iametti, vice sindaco, ha 76 anni, sposato, ha due figli e tre nipoti.

Dopo aver sparato Pecoraro è entrato nella sede del sindacato Spi Cgil (Sindacato Pensionati Italiani) in via Mameli, vicino al municipio, urlando ha fatto uscire le persone che erano nel locale e poi ha lanciato quello che ai presenti è apparso come un fumogeno o un rudimentale ordigno incendiario. Lo ha raccontato Umberto Colombo, segretario dello Spi Cgil di Varese, che si è subito recato sul posto, tuttora transennato dalle forze dell’ordine.

"Non mi risulta che l’uomo avesse problemi psichici, ma alcuni anni fa era successo che nel corso di una lite con un collega lo aveva minacciato con la pistola d’ordinanza", ha
spiegato l’ex sindaco di Cardano al Campo, Mario Aspesi. L’autore del gesto, residente a Busto Arsizio (Varese), da circa tre anni lavorava nell’ufficio tecnico occupandosi di ecologia. Era stato sospeso a causa di una truffa avvenuta nel 2004 e nel 2005, ad opera di alcuni dipendenti che timbravano il cartellino al posto di altri colleghi che non risultavano al lavoro.

La dinamica

Entrao nell’ufficio del sindaco Pegoraro ha sparato tre volte a Laura Prati e immediatamente dopo anche al vicesindaco, che era nella stanza. Tre colpi contro la prima, ferita all’addome e ad un braccio e altrettanti al suo vice colpito di striscio alla testa, all’addome e ad una gamba. L’unico agente di polizia municipale presente in quel momento in Comune ha rincorso l'aggressore dando vita ad una sparatoria quando Pegoraro non ha esitato a puntare l’arma contro di lui e a sparare. Fuggito a piedi l'uomo è entrato in una vicina sede della Cgil, che dista un centinaio di metri dal Comune, e dopo aver costretto tutti ad uscire ha lanciato un fumogeno per poi tentare nuovamente di dileguarsi.
Uscendo dal palazzo, ha incrociato una volante della polizia e prendendo uno dei due fucili che nascondeva nella sua auto, precedentemente parcheggiata, ha subito sparato contro gli agenti. I poliziotti si sono messi al riparo e, anche per la presenza di numerose persone nel centro del paese in quel momento, lo hanno pedinato armi in pugno. Nel frattempo sono giunte sul posto altre pattuglie e uomini in borghese che lo hanno marcato stretto per impedirgli di sparare ancora ma hanno atteso il momento giusto, quando lui pensava ormai di aver seminato gli agenti, per prenderlo alle spalle e immobilizzarlo. Nella sua macchina oltre alle due pistole semiautomatiche, calibro 7.65, Pegoraro aveva una carabina con un’ottica di precisione e un fucile da caccia oltre a molte munizioni. Scortato al commissariato di Gallarate, non ha dato giustificazioni al suo folle gesto.

 

Commenti

vince50

Mar, 02/07/2013 - 11:42

Azione totalmente assurda e imperdonabile,dettata "probabilmente dalla non colpevolezza" che può spingere ad azioni di rabbia incontrollabile.

Ilgenerale

Mar, 02/07/2013 - 11:45

Sempre meglio! W l'Itaglia!!!

Ritratto di pinoavellino

pinoavellino

Mar, 02/07/2013 - 11:56

La gente sta impazzendo.Sarà per la crisi , sarà per l'euro, sarà per mancanza di valori in cui credere ma è, purtroppo, un fatto acclarato che la vita umana ha meno valore di quella di un animale da macello.Brutto, bruttissimo segno.....

Ritratto di stock47

stock47

Mar, 02/07/2013 - 12:00

Non credo che uno spara solo perchè è un delinquente. In un caso del genere è probabile che sia stato accusato ingiustamente o che si sia sentito accusato ingiustamente per qualcosa che era nella norma dei comportamenti di tutti gli altri impiegati. Anche se il suo comportamento non lo giustifica lo stesso, diventa evidente, nella supposizione di cui sopra, che si deve essere sentito messo fuori, rovinato il suo lavoro e la sua vita futura, pagando colpe di tutti, da qui l'inevitabile reazione.

BlackMen

Mar, 02/07/2013 - 12:17

stock47: se tutti quelli che subiscono ingiustizie si mettessero a sparare la razza umana si estinguerebbe!

xgerico

Mar, 02/07/2013 - 12:18

Io non mi sento di "giustificare" una notizia del genere, aspetterei le "motivazioni" e poi darei un parere.

Ritratto di rapax

rapax

Mar, 02/07/2013 - 12:18

è la conferma che in un momento delicato come questo ci sono forze dell'ordine assunte in maniera cialtrona e discutibile, tra carabinieri o ex xhe si sparano tra loro..poliziotti che fanno la cresta, finanzieri appartenenti a traffici poco leciti..ho l'impressione che l'arruolamento in questi ruoli debba essere riconsiderato in maniera rigida e superpsico attitudinale..oltre che di grande convinzione, troppo spesso ci si arruola nelle forze dell'ordine come si sarebbe potuti andare alle poste o in banca..non è così la selezione deve essere durissima analizzando sopratutto le motivazioni..

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 02/07/2013 - 12:28

xgerico: e quale motivazione potrebbe mai giustificare un gesto del genere?

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mar, 02/07/2013 - 12:29

Certa gentaglia dal grilletto facile non dovrebbe neanche lavorare nella pubblica amministrazione. Sarà interessante capire quali sono i motivi per i quali il vigile è stato sospeso dal servizio, comunque il precedente di sospensione per truffa non depone certo a suo favore. C'è da chiedersi che cosa può succedere nella p.a. allorquando la normativa consentirà chiaramente il licenziamento, visto che basta una semplice sospensione dal servizio per scatenare il far west ...

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 02/07/2013 - 12:42

rapax: condivido

Raoul Pontalti

Mar, 02/07/2013 - 13:08

Ai vigili urbani date per sfogarsi le bambole gonfiabili non le pistole. Questi rambo municipali servono solo per affibbiare sanzioni per divieto di sosta o eccesso di velocità: le pistole non sono giustificate. Quando sono armati o si fanno fregare le pistole dal primo delinquente che passa o si mettono a sparare a vanvera (ve lo ricordate Annigoni? quello che a scopo intimidatorio sparava nella schiena alla gente uccidendo perché a sparare in aria c'era il rischio di conseguenze dovute alla ricaduta per gravità dell'ogiva?). Per la sicurezza pubblica disarmate le polizie locali per favore.

mauroge

Mar, 02/07/2013 - 13:09

Ormai è normale che ogni mascalzonata commessa in luogo di lavoro trova immediato soccorso dai sindacati. Si sarà sentito tradito da questi!

Ritratto di stufo

stufo

Mar, 02/07/2013 - 13:28

Per me mettono qualcosa nell'acqua.

eovero

Mar, 02/07/2013 - 13:54

x Grappa47,come fai a dire che sia stato accusato ingiustamente?? lo conosci? e perchè non scrivono anche il suo nome e cognome? forse non è della provincia? viene da lontano lontano..

untergas

Mar, 02/07/2013 - 14:15

stock47=stock84

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 02/07/2013 - 14:37

stock47: ieri l'albanese musulmano (perchè lo ha deciso lei)... oggi lo sparatore accusato ingiustamente (sempre per sua decisione)... Ma esternare i propri punti di vista con un minimo di certezze... no, eh?

Roberto Casnati

Mar, 02/07/2013 - 14:51

Nel varesotto, checchè se ne dica, vige spesso un sistema clientelare, omertoso, cattiva copia della mafia che, se non altro, un'etica ce la ha. Per quanto so del sindaco Laura Prati porcherie ne ha fatte tante, anzi tantissime tali da provocare reazioni violente come questa, del tutto giustificabile.

baio57

Mar, 02/07/2013 - 14:57

Forse qualcuno non ha ben interpretrato la notizia. Era stato sospeso dalla mansione di vigile urbano e "relegato"(?) all'ufficio tecnico .Mi chiedo come mai nella P.A. i lavativi non pagano col licenziamento ,ma vengono invece aiutati dal sindacatume o dal giudiciume del lavoro, che nel mille x mille dei casi dà sempre loro ragione .

LiberoDiPensare

Mar, 02/07/2013 - 15:04

@eovero Il pistolero, come giustamente sottolienano tutte le altre testate meno pregiudizievoli, si chiama Giuseppe Daniele Pegoraro di 61 anni, proveniente da molto molto vicino... più di quanto tu creda.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 02/07/2013 - 15:10

Roberto Casnati: eccolo! Ci mancava quello che giustificava apertamente il gesto scriteriato. Le sue parole si commentano da sole! (il suo personaggio...idem). P.S. Le sue tesi disgustose le vada a spiegare ai figli della donna (di cui uno è un bambino di appena 10 anni)... al ritorno poi faccia una sosta in bagno, si guardi allo specchio e si sputi in faccia!

gianni marchetti

Mar, 02/07/2013 - 15:53

Figuriamoci cosa avrebbe fatto se fosse stato licenziato!!!! Non è una bella storia, questa, perchè in Italia già sono pochi quegli amministratori o dirigenti che si comportano come dovrebbbero ( nei riguardi dei dipendenti che sbagliano) se poi quei pochi rischiano la vita per essersi comportati onestamente, addio.

petra

Mar, 02/07/2013 - 16:07

Stock47. Ma quale inevitabile reazione. Cosa sta dicendo? Oltre tutto mi sembra fosse stato accusato di truffa per ben due volte. Cosa bisognava fare per non farlo arrabbiare, dargli un premio?

External

Mar, 02/07/2013 - 16:25

Dipendenti pubblici: la rovina d'Italia.

Ritratto di lucianoch

lucianoch

Mar, 02/07/2013 - 16:48

Per la direzione. Ci sono parecchie persone con più di un messaggio accettato, a me vengono censurati 8 su 10 Vedi messaggio delle 12,49. Se non vi sono "simpatico", ditemelo chiaramente che me ne vado.

Ritratto di Gustavo.Dandolo

Gustavo.Dandolo

Mar, 02/07/2013 - 17:08

L'ennesimo crimine di un extracomunitario col nome furbescamente camuffato.

biricc

Mar, 02/07/2013 - 17:48

E' fuori discussione, la violenza va condannata sempre e comunque. Non possono esserci attenuanti se non la pazzia conclamata e ripeto conclamata.

meloni.bruno@ya...

Mar, 02/07/2013 - 19:41

Ci sono troppi abusi di POTERE in atti di ufficio e la gente inizia a stufarsi!Non c'è più dialogo per colpa dell'arroganza in certe istituzioni,la gente stà mormorando troppo e potrebbe diventare ingestibile.

gi.lit

Mar, 02/07/2013 - 21:05

Eovero. Strano tu non abbia detto che è colpa della mafia? In compenso però hai insinuato che si tratta di uno di origini meridionali. E si capisce! Non è mai successo che un padano spari. Si dà il caso tuttavia che anche nella virtuosa Padania si commettano delitti. Lo sapevi? Se poi vuoi andare indietro nel tempo leggiti qualche libro in cui si raccontano gli orrori della guerra civile. E poi vai a cagare.

Ritratto di stock47

stock47

Mar, 02/07/2013 - 23:03

BlackMen, dato che secondo te è giusto che chi compie le ingiustizie continui a prosperare senza dovere subire danno, allora avremmo una razza umana di paraculi e prepotenti, mentre, sempre secondo te, chi ha avuto ha avuto e chi ha dato ha dato.

Ritratto di stock47

stock47

Mar, 02/07/2013 - 23:09

eovero, ho fatto una supposizione dato che un vigile non è che va a sparare, così, per divertimento! E’ probabile che l’abbiano messo in una situazione economica e lavorativa precaria, soprattutto nella situazione attuale di crisi e impossibilità a trovare qualsiasi altro lavoro, e non tutti sono gente che non da grattacapi e si toglie di mezzo da sola, suicidandosi! C’è anche chi si incaz.. e si mette a sparare, già dimenticato Preiti?

Ritratto di stock47

stock47

Mar, 02/07/2013 - 23:14

Dreamer_66, forse l’ignori ma gli albanesi sono ISLAMICI anche se non vivono in Medio Oriente e in Africa. Sul vigile urbano ho fatto una supposizione e credo che sia quella vera. Un vigile non impazzisce e si diverte a sparare, così, tanto per fare. Deve avere avuto dietro delle motivazioni profonde e quali altre, oggi giorno, se non la perdita del proprio lavoro? Prova te a stare in mezzo ad una strada senza lavoro con i tempi che corrono e poi vedi se non incominci a sparare, se ne hai l’occasione e un colpevole della tua disgrazia.

Ritratto di stock47

stock47

Mar, 02/07/2013 - 23:21

petra, sarà stato anche accusato, come dice lei, ma occorre vedere se era vero o se ha subito un ingiustizia o una sanzione troppo rigorosa che l'ha vissuta come un ingiustizia. Qui si tratta della perdita di lavoro e di andare in mezzo alla strada. La cosa non è uno scherzo, oggi come oggi, e chi n'è vittima può anche andare fuori di testa. Si ricordi che non sempre si suicidano, togliendo il disturbo, qualcuno s'incaz..! In USA non ci mettono due secondi a fare una strage per un motivo del genere. In Italia, pervasi dal cattolicesimo e dal battersi il petto ogni due secondi per colpe spesso immaginarie o per troppo buonismo, solitamente si suicidano, ma non tutti sono così masochisti!

Ritratto di stock47

stock47

Mar, 02/07/2013 - 23:28

biricc, ha ragione, la violenza va sempre condannata, tuttavia sappiamo tutti quanti che in Italia, e anche altrove, il guazzabuglio di regole, d'indifferenza e di strapotere, appena si comanda qualche cosa, non è cosa risolvibile per tutti con le carte bollate o con i processi, che diventano un Nodo Gordiano impossibile da sciogliere. Con la giustizia in Italia, poi, chi reclama giustizia può aspettare l'altra vita prima di averla. E' facile, perciò, in situazioni del genere, che la vittima prenda fuoco e accenda le polveri.

Ritratto di stock47

stock47

Mar, 02/07/2013 - 23:39

Molti dimenticano che dietro le regole o le carte bollate ci sono spesso le Persone in carne e ossa, con i loro problemi che, se vengono aumentati da qualche regola utilizzata pedissequamente, possono dare da matto. Tanti anni fa venni casualmente a conoscenza di un caso emblematico. Una vecchietta si presentò all'anagrafe per avere un certificato di esistenza in vita. L'impiegato le disse che secondo i suoi dati lei era già deceduta e la poveretta balbettava davanti a tutti dicendo con voce timida: "ma io sono viva!" nell'indifferenza completa dell'impiegato che non vedeva l'ora che si togliesse dalla fila. Ci mancò poco che un uomo in fila, sbalordito e infuriato dal comportamento assurdo dell'impiegato, non lo picchiasse. Dopo il trambusto si riuscì a scoprie che la vecchietta era ancora viva per l'anagrafe. Questo tanto per dire che, tra carte, documenti, regole e comandanti vari, si finisce per perdere di vista l'uomo in carne e ossa e le sue necessità.

Ritratto di barbara.2000

barbara.2000

Mer, 03/07/2013 - 08:29

trattati da sempre come idioti al comando di assessori con la terza media , questi sono i vigili urbani con tanto di laurea magistrale . e i sindaci ? molte volte , anche troppe , chiudono gli occhi . chi gira per le strade anche di notte per la sicurezza dei morti di sonno cittadini ? e quando vengono malmenati da finire in ospedale per 30 giorni , vedi anche milano , non se ne parla nemmeno , e a 1300 euro al mese cosa vogliono sindaci ed assessori ? non giustifico l'atto , ma lo capisco .

blues188

Mer, 03/07/2013 - 09:18

eovero, lo sparatore (guarda un po') si chiama Giuseppe Pegoraro. che non è cognome di posto così vicino come qualcuno vuol far credere e che si dice libero di pensare. In certe parti d'Italia sono tutti: Domenico-(mimmo) Giuseppe (Pino e peppino), Antonio: ('nto, tonino, toni), Carmelo (cammè), Giovanni. Una gran varietà, eh? E poi guarda caso è un vigile, non uno che va in fabbrica a faticare, ma un vigile che suda. Si, ma solo per il caldo. E non far caso alla finezza di gi.lit (un altro Giovanni, guarda un po') che si esprime sempre aulicamente come d'altronde usa dalle sue parti dove curano con tanto amore le pecore e ne assumono il carattere.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 03/07/2013 - 09:40

stock47: ti ringrazio per avermi illuminato riguardo al culto professato in Albania...peccato tu dica fesserie! A onor del vero i dati in proposito sono alquanto confusi ed è comprensibile dopo alcuni decenni di "ateismo di stato". I più attendibili riportano più o meno una parità fra musulmani e cristiani stimati attorno al 40%, ma solo una minima parte di fedeli fra i vari culti sono praticanti. Riguardo al vigile hai detto bene: hai fatto una supposizione che, per sua natura, può rivelarsi una bufala colossale. Io posso supporre che egli fosse incazzato in quanto aveva pagato la mazzetta al precedente sindaco perchè gli garantisse l'impunità, ed ora col sindaco nuovo si trova tagliato fuori! Prove di quanto sto dicendo? Nessuna... esattamente come nel tuo caso. Un vigile è un essere umano come tutti gli altri. Ogni giorno vengono commessi crimini dalle persone più disparate, a volte insospettabili. Se pensi che ognuna di loro possa avere una motivazione profonda che giustifichi il proprio gesto... fai pure. Però... non venire poi a parlarci di buonismo.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 03/07/2013 - 09:42

stock47: ti ringrazio per avermi illuminato riguardo al culto professato in Albania...peccato tu dica fesserie! A onor del vero i dati in proposito sono alquanto confusi ed è comprensibile dopo alcuni decenni di "ateismo di stato". I più attendibili riportano più o meno una parità fra musulmani e cristiani stimati attorno al 40%, ma solo una minima parte di fedeli fra i vari culti sono praticanti. Riguardo al vigile hai detto bene: hai fatto una supposizione che, per sua natura, può rivelarsi una bufala colossale. Io posso supporre che egli fosse incazzato in quanto aveva pagato la mazzetta al precedente sindaco perchè gli garantisse l'impunità, ed ora col sindaco nuovo si trova tagliato fuori! Prove di quanto sto dicendo? Nessuna... esattamente come nel tuo caso. Un vigile è un essere umano come tutti gli altri. Ogni giorno vengono commessi crimini dalle persone più disparate, a volte insospettabili. Se pensi che ognuna di loro possa avere una motivazione profonda che giustifichi il proprio gesto... fai pure. Però... non venire poi a parlarci di buonismo.

blues188

Mer, 03/07/2013 - 09:56

Libero scrive che era un ladro conosciuto da tempo, il Giuseppe Pegoraro. E che aveva già addirittura minacciato tempo addietro un collega con una pistola. Solo qualcuno con la mente bacata può cercare di difendere una persona simile. Anche se appartiene alla propria parte d'Italia!

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 03/07/2013 - 10:13

blues188: mi sono preso la briga di verificare in rete la diffusione del cognome "Pegoraro" in Italia. Ebbene... 1299 in Veneto, 221 in Lombardia, 107 in Piemonte, 104 in Friuli V.G., 35 nel Lazio (prima regione del centro-sud) e via andare. I Pegoraro "terroni senza se e senza ma" sono più numerosi in Calabria. Qui se ne trovano ben quattro!

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 03/07/2013 - 10:14

blues188: mi sono preso la briga di verificare in rete la diffusione del cognome "Pegoraro" in Italia. Ebbene... 1299 in Veneto, 221 in Lombardia, 107 in Piemonte, 104 in Friuli V.G., 35 nel Lazio (prima regione del centro-sud) e via andare. I Pegoraro "terroni senza se e senza ma" sono più numerosi in Calabria. Qui se ne trovano ben quattro!

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 03/07/2013 - 10:18

blues188: mi sono preso la briga di verificare in rete la diffusione del cognome "Pegoraro" in Italia. Ebbene... 1299 in Veneto, 221 in Lombardia, 107 in Piemonte, 104 in Friuli V.G., 35 nel Lazio (prima regione del centro-sud) e via andare. I Pegoraro "terroni senza se e senza ma" sono più numerosi in Calabria. Qui se ne trovano ben quattro!

blues188

Mer, 03/07/2013 - 11:26

Dreamer_66. Molto bravo. ma lei fa finta di dimenticare che il Nord da molto tempo è stato invaso da gente del Sud, tant'è che ci fanno anche tanti film. vada a Torino e parli con la gente e vedrà che gli accenti non sono torinesi ma Siculi, napoletani (tanti) calabresi e pugliesi. In quanto ai terroni è lei che li cita, non io. Ma non mi offendo..

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 03/07/2013 - 12:55

Dreamer_66, hai ragione nel dire che il comportamento religioso in Albania è poco chiaro ma è anche vero che i comportamenti religiosi finiscono per essere assunti nella cultura di una società, anche se sono stati vietati. Tu potrai non essere cristiano come fede ma il tuo comportamento culturale permane cristiano, ti piaccia o non ti piaccia. Lo stesso dicasi per gli albanesi, dittatura o meno che ci sia stata. La mia supposizione è sicuramente migliore della tua, che si abbandona alle fantasie. Non credo che un vigile si comporti, anche se fosse stato un delinquente, come se si trovasse nel mezzo di un clan di mafiosi e dovesse risolvere i "conti". E' quasi certo quello che ho supposto. Non dimenticare che gli "amministratori" tendono a vedere le persone come numeri e le regole più importanti delle persone stesse. Questo è un dramma del nostro attuale sistema sociale che ho cercato di rendere comprensibile ma che tu ha ignorato del tutto.

orso bruno

Mer, 03/07/2013 - 13:57

Dreamer 66. L'ultimo censimento ufficiale in Albania è del 2011. I musulmani costituiscono il 60% della popolazione.I cattolici solo il 10%. Dunque il rapporto ò di 6 a 1.Prima di pontificare a sproposito sarebbe meglio citare dati ufficiali e non quelli letti su Topolino !

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 03/07/2013 - 13:59

blues188: alla faccia dell'emigrazione! Un vero e proprio esodo biblico dei Pegoraro dal sud al nord!!! Ah... ebbene si, ho il vizio della ricerca. Legga un Po' cosa ho trovato sul casato dei Pegoraro. "Famiglia veronese, di antica e nobile tradizione, detta Pegoraro o Pecorari, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. Sin dagli antichi tempi, i membri di tal casato, si distinsero per meriti e forza d'animo, ci basti ricordare: Pegoraro de Mercà Novo de Verona, Podestà in Verona, nel 1214..."

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 03/07/2013 - 14:13

blues188: comunque se le crea dolore il fatto che Pegoraro sia un cognome tipicamente veneto, faccia come se non avessi detto nulla. Anzi... facciamo che i Pegoraro siano siciliani e si esprimano usando l'intrcalare "Miiinghia" ogni tre per due.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 03/07/2013 - 14:40

orso bruno: immagino avrà anche letto che i risultati di quel censimento sono stati contestati dalla maggior parte delle comunità etniche e religiose...

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 03/07/2013 - 14:53

stock47: premesso che il mio comportamento culturale, come tu dici, mi è stato trasmesso da un'educazione libera da imposizioni che riguardassero la religione (che ti piaccia o meno), tra i vari e gravi problemi dell'Albania non esiste quello della rivalità tra culti religiosi (almeno quello!). Ribadisco inoltre che un vigile è una persona come tante... non capisco questa tua ostinazione a volerlo vedere come qualcuno al di sopra delle debolezze o meschinità umane, e ribadisco che le tue restano supposizioni avvalorate esclusivamente dalle tue speranze. Io evito di fare supposizioni sui motivi che hanno indotto quell'individuo a sparare ad una donna perantro madre di due figli, mi limito a considerare l'evidenza di un gesto criminale che non può trovare giustificazione alcuna in una società civile. P.S. Mi chiedo inoltre se quel vigile fosse anch'egli un musulmano... diversamente mi porrei ancuni quesiti riguardo alle sue tesi sull'acquisizione involontaria della cultura religiosa.

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 03/07/2013 - 21:03

Dreamer_66, non mi riferivo alla fede cristiana ma alla cultura cristiana che impregna di sè ogni aspetto della nostra società, ANCHE la tua educazione libera. La maggioranza degli Albanesi è di culto islamico, ti piaccia o meno, e anche la loro società è impregnata di tale insegnamento al pari di te e di tutti gli italiani di quella cristiana, pur essendo stati per lungo tempo sotto dittatura di sinistra. Hai ragione nel dire che il vigile è una persona come le altre ma NON UGUALE alle altre, come carattere e disposizione ad essere un masochista. Un gesto violento tu dici che non ha giustificazione in nessun caso, sbagli. Polizia e soldati o cittadini che si devono difendere da un criminale, quando uccidono per difesa di sè stessi e dei cittadini fanno gesti violenti ma NON SONO CONDANNABILI. Indubbiamente il vigile il suo gesto l'ha fatto nel suo interesse e contro chi, con semplici regole burocratiche e accuse, gli toglieva il diritto a vivere, supposizione che credo tuttora vera, non ne vedo altre valide. La vittima era madre di due figli ma si ricordi che anche il vigile è sicuramente padre o figlio di qualcuno anche lui, non è un argomento valido questo piagnisteo sulla famiglia che fai per tentare di avere ragione con argomenti caramellosi di facile presa sui buonisti nostrani e, in ogni caso, i cristiani direbbero che è figlio di Dio. In quanto alla tua battuta, sull'appartenenza di un omicida alla religione islamica, te la potevi risparmiare perchè sono cose su cui non scherzare, visto quello che accade abitualmente, o ti sembrano uno scherzo i massacri e gli omicidi che gli islamici fanno per ogni dove?

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 04/07/2013 - 14:45

stock47: La cultura cristiana è anche quella che metteva al rogo la gente in contrasto con le sacre scritture. Ribadisco, ti piaccia o meno, che la mia è una cultura laica e non cristiana, limitati quindi a parlare per te. Ribadisco che non ci sono dati chiari sulle percentuali di credenti in Albania e comunque nulla lascia intendere che il defenestratore albanese fosse musulmano. Poi, per carità, potrà anche esserlo o magari no, resta comunque un criminale. Allo steso modo non so se il SIg. Pegoraro fosse cattolico... chissà forse lo è ma anch'egli è innanzitutto un criminale, ed il suo gesto dimostra che la cultura cristiana "che impregna di sè ogni aspetto della nostra società" forse è tale solo nella sua mente, nel bene e nel male. Posso provare pena per i suoi figli o i suoi genitori, ma la mia solidarietà va alla donna alla quale ha sparato ed ai suoi cari non certo a lui, e non venirmi a parlare di buonismo quando tu stesso trovi incomprensibilmente il modo di giustificare il comportamento di un individuo di tale specie, fosse anche soltanto perchè è un italiano (fosse stato al suo posto un extracomunitario non avresti esitato a chiedere per lui la forca). Quel che è peggio e che tale giustificazione risulta puramente preconcetta, non ti prendi nemmeno la briga di valutare se la sua sospensione fosse stata o meno giustificata dando per scontato che non lo fosse. Per concludere... leggi bene i miei post senza indossare il paraocchi col solo scopo di comprendere quello che più ti aggrada: chi ha detto che un gesto violento non ha giustificazione alcuna? Se qualcuno cercasse di fare male ai miei cari non avrei esitazione a reagire e difendermi anche in maniera violenta. Rileggi bene... io mi riferivo al gesto specifico di quel criminale che ha sparato ad una donna disarmata. Se poi preferisci fossilizzarti sul principio che è legittimo e giustificabile sparare ad una persona solo perchè, direttamente responsabile o meno dei propri guai, in quel momento rappresenta l'autorità che ti opprime, allora ogni ulteriore discorso diviene superfluo. Di concreto rimane la legge (quella si scritta nero su bianco)che punisce comportamenti del genere, e mi auguro che l'autore di quel gesto possa riflettere a lungo in carcere. Potrà sempre contare su di te e sulle tue lettere di solidarietà.

tRHC

Sab, 10/10/2015 - 19:12

Dreamer_66,xgerico,Rapax Pontalti ecc... per una volta mi trovo daccordo con tutti voi,quando asserite che nelle forze dell'ordine assumono cani e porci,ma dobbiamo anche completare il discorso che l'italia dei bimbominkia e delle coscelunghe non possono esprimere granche' di meglio,basta vedere con quanta cialtroneria stanno spupazzando il povero popolo succube dei sopracitati,aggiungendo poi intrighi parlamentari, magistratura,chiesa e chi piu' ne ha piu' ne metta, siete d'accordo anche voi che così non si va' da nessuna parte?Se non ci diamo una mossa entriamo in fase da far west,altro che destra o sinistra,stelle e leghe,qua' e' tutto un casino!!Cordialita'a tutti voi sinistri destri e ambidestri!!!!

tRHC

Sab, 10/10/2015 - 19:23

E pensare che quando ero ragazzo redarguivano anche un'autista di autobus se faceva delle frenate brusche mettendo a disagio i passeggeri. Questo per dire,ma adesso le selezioni per assumere chi deve salvaguardare la sicurezza del cittadino,con quale criterio viengono fatte?Con lo stesso sistema col quale e' stato assunto bimbominkia e tutti i suoi minkioni???Cioe' amici e amici degli amici?