"Le cariche della Chiesa abbiano una scadenza"

Papa Francesco stupisce ancora: che voglia dimettersi come Benedetto XVI?

"Tutti i servizi nella Chiesa è conveniente che abbiano una scadenza. Non ci sono leader a vita. Questo avviene nei Paesi dove c’è la dittatura". A dirlo è stato Papa Francesco ieri nell’udienza al Rinnovamento nello Spirito Santo.

Una frase, quella di Bergoglio, che fa pensare a una nuova "rivoluzione" nella Chiesa, già sorpresa dalle dimissioni di Benedetto XVI. "Esiste una grande tentazione per i leader. La tentazione di credersi indispensabili viene dal demonio che vi porta a volere essere al centro. Passo a passo si scivola nell’autoritarismo, nel personalismo. L’unico insostituibile nella Chiesa è lo Spirito Santo e Gesù è l’unico Signore", ha detto il Pontefice chiedendo di dare un tempo limitato agli incarichi: "Si deve mettere un tempo limitato agli incarichi che sono servizi in realtà. I leader laici devono fare crescere materialmente e spiritualmente chi verrà dopo". Che voglia seguire le orme del suo predecessore lasciando il soglio in anticipo?

Commenti

gianrico45

Sab, 04/07/2015 - 13:22

E' un modo elegante e democratico per legalizzare la defenestrazione di Benedetto XVI.

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Sab, 04/07/2015 - 13:57

Forse la spiegazione dell'intervento di Bergoglio è 'normativa' e logica: dato che, al conclave, non possono partecipare cardinali ultraottantenni, allora sarebbe quasi una 'infrazione' avere un papa che raggiunga i 90 anni o anche più. Senza contare che il mondo attuale sembra non concepire più un papa 'sedentario' e 'simbolico'!