Caro Berlusconi, le spiego perché si merita un grazie

Pubblichiamo il testo della lettera-reportage mandata in onda da Canale 5 ieri in prima serata e firmata dall’inviato Mediaset Toni Capuozzo. Il modo con cui l’azienda televisiva ha voluto augurare buon compleanno a Silvio Berlusconi.

-----

Caro Presidente Berlusconi, vorrei scriverle una lettera in occasione del Suo compleanno. Dico «vorrei» e non «voglio » perché mi prende un’incertezza: qualcosa mi dice che Lei non ama i discorsi d’occasione, le celebrazioni rituali, gli omaggi ingombranti. In più, avendo appena pochi anni meno di Lei, so che a un certo punto della vita i compleanni hanno un doppio sapore. Con i miei amici io me la cavo citando Maurice Chevalier – so che Lei ama la canzone francese - quando disse: «Invecchiare non è poi così male, considerata l’alternativa». Ma a proposito di francesi mi sembra più adatto a Lei ripetere quel che ha detto di recente Jean-Paul Belmondo, a chi gli chiedeva come e se guardasse al suo passato: «Jamais. Mai, io guardo avanti».

E dunque mi piace di più pensare ai prossimi anni, e pensare quali sorprese, Lei che ha sempre sparigliato i giochi, ci riserva. Rimedierò dunque non tentando un suo ritratto, o peggio tracciando un bilancio di un’età importante – non ne sono titolato, e avrebbe ai miei occhi di figlio di napoletano un sapore iettatorio – ma semplicemente dicendoLe quello che ha significato per me essere sfiorato dalla Sua presenza, avere avuto a che fare con Lei, sia pure a distanza.

Beh, innanzitutto sono un giornalista. Qualche volta mi capita, parlando a giovani che iniziano la professione o vogliono iniziarla, di sconsigliarli dal farlo, perché oggi tutto è più difficile, o almeno diverso da una volta. Ma con Lei è stato come dovrebbe essere sempre: mi ha assunto senza chiedermi nulla, in un tempo in cui altrove si entrava con le tessere di partito in tasca. Augurerei a ognuno di quei giovani di trovare un editore come Lei, che ha giudicato, senza sconti, valore e capacità di fare ascolti. Era tivù commerciale, come si diceva una volta? Non starò qui a dire quello che tutti vedono e cioè come le Sue televisioni abbiano cambiato la televisione, le abbiano tolto il gesso, abbiano fatto compagnia a milioni di persone, in tempi di canone in bolletta, senza chiedere nulla in cambio. Quanto all’informazione, beati il commercio e il mercato, che rendono liberi e non richiedono fedeltà ideologiche. Lavorare nelle sue aziende per me ha significato questo: la libertà di essere quel che sono, di dire cose, giuste o sbagliate che fossero, ma di testa mia: grazie.

Ora io non voglio stare qui a elencare i Suoi tanti successi, sarebbe troppo comodo. Il mio mestiere è raccontare i momenti difficili. Quanto all’informazione in generale, so bene quanto Lei sia stato criticato. Vede, a me pare che il guaio dell’informazione, oggi come ieri, sia una certa dose di conformismo, e l’idea che l’informazione debba servire una causa. A lungo Lei è stato rappresentato come il Male, il pericolo per la democrazia, il nemico da abbattere. È l’idea che il giornalista o è di sinistra, o non è (qualche volta viene tollerato, in un gioco delle parti, il giornalista di destra, ma il giornalista per conto suo - devo ricordare Oriana Fallaci? - è sempre indesiderato). Si ricorda la vicenda umana e professionale di un maestro come Indro Montanelli? Io ricordo quando in molti pensavano che in fondo, quel cantore della piccola borghesia, i proiettili che lo avevano azzoppato se li fosse meritati. So che Lei lo ha difeso, e ha garantito il suo libero lavoro, in quegli anni. È bastato che le vostre strade si separassero perché i fischi diventassero applausi. Di recente un produttore cinematografico, per catturare la benevolenza della critica, ha affermato che i suoi cinepanettoni erano in realtà manifesti contro il berlusconismo. Io non sono mai stato contro di Lei – e spiegherò perché – innanzitutto perché diffido dei cori, ma neanche a Suo favore. Ho seguito storie di mafia e terremoti, guerre e terrorismi, foibe e missioni di pace, in libertà. Non mi è stato mai chiesto nulla, e oggi che non sono neanche più un Suo dipendente, e dunque al di sopra di qualche sospetto, posso dirglielo più liberamente, gratis: grazie.

E veniamo alla politica. Non credo Lei possa ricordarlo, ma alla Sua discesa in campo io scrissi una lettera preoccupata, e rimasi e vedere quel che succedeva. Certo, Lei ha contato su giornalisti che sono stati quasi Suoi megafoni, per loro scelta. Ma ha contato, e sono sempre stati molti, nelle sue aziende anche giornalisti che non hanno mai nascosto di stare da tutt’altra parte. Io sono stato per conto mio. Non ho mai nascosto di non aver mai votato per Lei (e del resto neanche per i suoi avversari: con la politica sono come certi alcolisti anonimi con il vino, mi tenta, ma me ne tengo lontano) ma ho guardato alla Sua politica senza pregiudizi. E i fatti – non le lenti delle ideologie – mi hanno portato a dire che Lei ha fatto una piccola grande rivoluzione. Positiva, nonostante diffidi delle rivoluzioni. Ha sconvolto la vecchia politica: penso al contratto con gli italiani firmato da Vespa, penso all’uso di un linguaggio senza le bardature sottili e stringenti che l’avevano preceduta, al rapporto immediato e diretto con il cittadino, persino al linguaggio del corpo: i Suoi maglioncini, i Suoi sorrisi, le Sue battute. Ogni volta che ho visto un sindaco in bicicletta, ogni volta che ho visto un politico fare disperati sforzi per sembrare uno della società civile, uno di noi, ho pensato: ecco, dopo di Lei, nulla è stato come prima. Ma, come le ho detto, la politica non è il mio mestiere. Mi limiterò a osservare l’ingiustizia di quelle campagne che La descrivevano come un pericolo per la democrazia: credo non sia un caso, e forse è un tic inconsapevole, che Lei usi il termine «mi consenta» invece del «mi permetta».

Lei ha sempre cercato caparbiamente il consenso, ha sempre voluto convincere, piacere, a volte persino a scapito di un decisionismo che avrebbe cambiato di più lo stato delle cose. Sì, ha avuto molti nemici. Il fatto è che una parte della società italiana non riesce a vivere senza un nemico da abbattere, senza rancore, senza odio. E qui vengo a qualcosa che io davvero ho imparato da Lei. Non Le nascondo che sorridevo, quando Lei parlava di «partito dell’amore». Sorridevo imbarazzato perché anch’io, che faccio parte di una generazione nella quale l’essere «contro» è stato non solo chiacchiere e distintivo, sono stato costretto a imparare da Lei una lezione: che si può battersi, ma senza odiare. L’ho sentita criticare anche aspramente ideologie e politiche, ma mai esprimere parole d’odio contro una persona: Lei ha contato molti nemici, ma ha affrontato solo avversari, con vis polemica o ironia, ma sempre con rispetto, e senza ansie distruttive. Ricordo il mio disagio, davanti alle immagini di quel tale che Le scagliò contro un oggetto, e Lei mi parve tradito nel Suo voler stare in mezzo alla gente, e inerme davanti all’odio, e mentre mi attraversavano la mente i ricordi di tanti slogan allegramente scanditi nella mia gioventù e trasformati in pietre da qualcuno che li aveva presi sul serio, Lei pronunciò della parole di umana pietà, pietas latina. In questo Lei non è mai diventato un politico di professione. Ha mantenuto sempre un tratto della sua formazione, che a me sembra essere la gentilezza. Lo so che oggi persino la pubblicità ama gli uomini forti, che non hanno dubbi, e che non devono chiedere. Lei è un uomo forte – devo ricordare le sue battaglie con l’unico potere forte che io conosca, la magistratura? – ma ha sempre mantenuto un fondo di bontà, altra parola fuori moda, oggi è di moda essere buonisti. Se non la infastidisce troppo la parafrasi di uno slogan elettorale di Mitterrand, direi che Lei ha una forza gentile. Davanti a tanta arroganza come tratto distintivo della politica, oltre che della società civile, da cittadino mi sento di dirLe un altro grazie.

C’è un tema politico che conosco meglio, la politica estera. Non voglio ricordarLe, in un giorno di festa, tante malignità. Ma si ricorda quando, a proposito di certe Sue battute, o certi gesti, o certi comportamenti, dicevano: eh, l’immagine internazionale dell’Italia... Mi piace ricordare, al contrario, come un Suo modo di essere abbia consentito, nella migliore tradizione italiana, di essere forti amici dell’America e della Russia contemporaneamente, di Israele e dei palestinesi nello stesso tempo, e sudditi di nessuno. E oggi che ne è dell’immagine internazionale liberata dalle Sue intemperanze? Siamo la sala d’attesa dell’immigrazione verso l’Europa, abbiamo avuto due marò umiliati per quasi quattro anni, operai sequestrati e uccisi, sanzioni contro la Russia che danneggiano solo noi, e sbandiamo pericolosamente persino facendo i tifosi nelle elezioni americane. È stato esente da critiche, il Suo ruolo internazionale? No, mi sarebbe piaciuto fosse stato meno solo, nel criticare il suicidio libico assistito dalla Francia, ma più forti delle critiche, oggi, sono i rimpianti.

Quanto vale, oggi, l’Italia? C’è una sola passione della mia vita in cui mi prende la tentazione di dar- Le del tu, presidente. È il Milan, che è la mia squadra da quando, ragazzino, vidi giocare Rivera, sentii Nereo Rocco parlare con l’accento triestino che era quello di mia madre, e ascoltai alla radio Milan-Benfica da Wembley. Cosa posso dirti, presidente? Grazie per tutto quello che hai fatto, quello che hai osato, quello che hai vinto. Grazie per come lo hai fatto, per aver cresciuto uomini prima che campioni, e aver amato il bel gioco prima del risultato. Per come hai trattato allenatori e tifosi, e anche gli avversari. Credo di averti incontrato quattro volte, presidente. Una fu in Giordania, davanti alla villa del re Hussein. Profittando della tua cordialità ti chiesi se era vero che stessimo per comprare Totti. Mi dicesti: «Noi teniamo alle nostre bandiere? Dobbiamo rispettare quelle degli altri».

La seconda volta che l’ho incontrata, Presidente, fu, dopo una passeggiata sulla Piazza Rossa, davanti all’ambasciata italiana a Mosca. Ero sceso in strada per fumare una sigaretta, abbandonando la conferenza stampa. Che forse stava per finire, ma comunque Lei sbucò alle mie spalle, e mi sentii sorpreso come nelle sigarette in corridoio al liceo. «Capuozzo, ha ragione », mi disse «mi stavo annoiando anch’io». Vede, una delle cose che mi ha sempre colpito di Lei è la capacità di valicare le barriere, di non prendere l’umiltà come un difetto, di saper rapportarsi alla gente qualunque. Per questo mi faceva rabbia vederLa descritta come un imperatore distante, o peggio. È l’ingiustizia di chi non vuole vedere, e non può permettersi di giudicare dai fatti. Non so se le ricordo adesso un periodo che Lei preferisce non ricordare in un giorno di festa, ma quando leggevo di Lei ai servizi sociali che prendeva sul serio la cosa, intrattenendo davvero gli ospiti di quel padiglione, non ho mai pensato fosse un modo di prendere in giro una condanna vissuta come ingiusta: era il Suo modo di essere, in ogni occasione, nei giorni buoni e in quelli meno buoni. Va bene, non devo essere troppo buono, so che Lei non ama le agiografie. Per dirLe qualcosa di non gradevole devo permettermi di parlare della Sua vita privata? Macché, Lei mi è stato simpatico anche in questo, ho sempre pensato, da peccatore, che chi è senza peccato scagli la prima pietra. Ho sempre pensato che qualche debolezza – ammesso lo fossero – le restituiva umanità, non obbligava uno a invidiare la Sua energia, la Sua creatività, i Suoi successi.

Ho sempre sentito distanti i Santi, nella loro perfezione irraggiungibile. Credo Lei abbia subito delle ingiustizie anche in quello, moralismi e ipocrisie. Non so che cosa scriveranno di Lei gli storici tra cento anni, e in fondo non ci riguarda poi troppo, se non per la curiosità di sapere quel che scriveranno dei Suoi pallidi emuli e dei Suoi nemici in servizio permanente, se sapranno spiegare, finalmente, cosa sia il «berlusconismo», e rimettere pacatamente le cose al loro posto. Dovrei dire molte altre cose, di questo passato comune, e raccontare qualche aneddoto sulla Sua simpatia, sulla sua generosità d’animo, e non parlo di stipendi, sulla sua tenacia. Non ho ricordato le Sue vittorie, non ho fatto la galleria dei trionfi, ma vorrei poterle dire che se qualche volta è stato sconfitto, come capita nella vita, Lei non è mai stato un vinto, e ha dalla sua milioni di persone che non hanno mai pagato l’obolo, per essere alla moda, o politicamente corretti, o conformisti, di darLe contro, di negare a se stessi la Sua simpatia, la Sua disponibilità, la Sua normalità, resa speciale dal gusto per le sfide. Ma mi interessa di più il futuro prossimo. Cicerone nel suo Cato maior, de senectute, descrive un’età in cui il gusto per l’otium si incrocia armonicamente con la tenacia dell’impegno pubblico. Se posso ritagliare su Lei un mio tic, devo dire che non sopporto la parola «anziano», mentre mi piace la parola «vecchio»... si dice: un vecchio amico, il vecchio Milan... E allora mi permetto di dirLe auguri vecchio, grande Presidente, grazie per tutto quello che ancora ha da venire.

Commenti
Ritratto di marione1944

marione1944

Ven, 30/09/2016 - 09:06

Anche io nel mio piccolo voglio aggregarmi alla lettera del grande Capuozzo e dirle ancora: auguri Presidente e grazie per tutto quello che ha fatto per noi e per l'Italia.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Ven, 30/09/2016 - 09:20

Capuozzo mi è sempre piaciuto come giornalista e questa lettera è davvero bellissima. Non invidio nulla a Berlusconi , ne la ricchezza, ne il potere, ne la famiglia, solo questa lettera un pò la invidio. Auguri Presidete, grazie Capuozzo.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Ven, 30/09/2016 - 09:23

"Siamo la sala d’attesa dell’immigrazione verso l’Europa" Questa triste verità me la segno per la prossima discusione con un sostenitore della pulizia etnica grazie all'immigrazione incontrollata.

PerlaSeveriniAl...

Ven, 30/09/2016 - 09:40

Caro Capuozzo, non avrei potuto esprimere meglio il giudizio che ho verso il Cavalier Berlusconi. Buon compleanno Presidente Berlusconi e per quello che mi riguarda completi la Sua "rivoluzione". Alessandro

vvf47

Ven, 30/09/2016 - 09:45

Uno splendido intervento! peccato solo non poterlo risentire in voce, perchè l'audio completava il valore del contenuto

Marlo

Ven, 30/09/2016 - 10:01

Fuori dal coro dico che il pezzo è giornalisticamente straordinario. Un bel dieci a Capuozzo che si fa leggere con estrema - e rara - piacevolezza. PS: Berlusconi sarà rimpianto, ne sono certo.

Fab73

Ven, 30/09/2016 - 10:12

Slurp!

elgar

Ven, 30/09/2016 - 11:57

E' vero, Berlusconi non mai usato parole di odio nei confronti degli avversari. Li avrà criticati politicamente certo, ma non ha mai fomentato quell'odio che loro invece hanno avuto con lui. E poi Capuozzo riconosce che lui ha lavorato con Berlusconi da uomo libero ed è stato assunto senza che lui gli chiedesse nulla nè tessere di partito o altro. Non credo che altri giornalisti dipendenti da altri editori possano dire lo stesso.

elpaso21

Ven, 30/09/2016 - 12:27

Siete diventati peggio del Partito Comunista Cinese.

Massimo Bocci

Ven, 30/09/2016 - 12:28

Un grande giornalista forse è senza forse il migliore d'Italia , per un grandissimo,immenso Italiano in binomio perfetto, complimenti a tutti e due.

precisino54

Ven, 30/09/2016 - 12:29

Sono tra quelli che ho avuto la fortuna di ascoltare gli auguri di Capuozzo; non sono un tecnico della materia: ottimo tutto, le parole e pure il montaggio con il passare continuamente dalla scrittura alla ripresa dal vivo dell'autore. Stupende le parole piene di tutto: ammirazione, stima, incoraggiamento ma anche dolcezza e poesia. Capuozzo ha chiaramente ammesso di non averlo votato, io l'ho fatto e ne vado fiero; mi dispiace solo di non poterci essere quando tra cent'anni si rivaluterà il personaggio, unico, "rivoluzionario", innovativo, fuori dagli schemi, dalla visione delle cose molto più in la della punta del proprio naso. Una critica: essersi fidato di tanti che lo hanno usato per poi pugnalarlo. Sulle sue qualità di editore puro mi fido delle parole di due che ne sanno in materia, ma non di parte: Costanzo e Mentana, che hanno ripetuto spesso della libertà goduta senza intromissioni. La sua vita private è solo sua: PRIVATA!

ondalunga

Ven, 30/09/2016 - 12:41

So di attirarmi molte critiche (se me lo pubblicano) ma io Berlusconi non lo ringrazio per nulla, non ha fatto nulla nel suo ventennio ed avrebbe potuto fare molto anzi moltissimo. Zero risultati.

Vittore

Ven, 30/09/2016 - 12:58

C'e' un solo Grande Presidente.

Ritratto di Pettir45

Pettir45

Ven, 30/09/2016 - 13:23

Caro Capuozzo, con questo "Grazie" lei ha dimostrato d'essere (quasi) più Berlusconiano di me. Ora però sia coerente con quanto afferma, e dimostri il suo sincero apprezzamento per il Cavaliere alle prossime urne. Coraggio: "Alea iacta est".

Ritratto di Inhocsignovinces

Inhocsignovinces

Ven, 30/09/2016 - 13:26

TONI CAPUOZZO SEI UN GRANDE GIORNALISTA NON MOLLARE !!!AMMIRO TUTTI I TUOI SERVIZI NON SO SE IN RAI AVRESTI AVUTO SPAZIO !!

agosvac

Ven, 30/09/2016 - 13:35

Non so cosa ne pensino altri: a me queste considerazioni di Capuozzo sono piaciute e le condivido in pieno!!! Del resto ho sempre considerato Capuozzo un grande del giornalismo, oggi mi sembra anche un grande della vita!!!

agosvac

Ven, 30/09/2016 - 13:39

Egregio fab73:Prrrrrrrrrrr!!!

nonna.mi

Ven, 30/09/2016 - 13:43

Grande, Grandissimo Capuozzo ! La ringrazio con vero affettuoso plauso per quello che ha scritto con molta Capacità e Convinzione, libere da certa serietà professionale e anche se non ne ho l'autorità, le conferisco una LAUREA in Giornalismo autentico ! Myriam (mio fratello che è morto sedici anni fa, ha collaborato fino ai novanta anni al Corriere della Sera di allora,non per articoli politici,ma di attualità...)

agosvac

Ven, 30/09/2016 - 13:45

Egregio elpaso21, ovviamente si riferisce all'attuale PD!!!!!!!

il sorpasso

Ven, 30/09/2016 - 14:00

Da sempre ho ammirato Toni Capuozzo ma da oggi di più. Condivido al 100% ciò che hga scritto e invio al Presidente i miei migliori auguri di Buon Compleanno.

ex d.c.

Ven, 30/09/2016 - 14:17

Uno dei ritratti più belli del nostro Presidente. Descritto come tutti noi lo vediamo, come realmente è. Un grande

Ritratto di abj14

abj14

Ven, 30/09/2016 - 14:27

Bella, bellissima lettera.

rinaldo

Ven, 30/09/2016 - 14:35

SPLENDIDO Bravo Capuozzo un pezzo veramente unico che condivido parola x parola. AUGURI DI CUORE PRESIDENTE

DADDY

Ven, 30/09/2016 - 14:42

Grazie caro Capuozzo per le belle parole dedicate ad una persona che ho sempre stimato. Cento di questi giorni.

Fjr

Ven, 30/09/2016 - 14:48

Bell'articolo ,forse un po' troppo pomposo , comunque vale la pena leggerlo per intero ,almeno è' italiano e grammaticalmente ,non ci sono verbi ,aggettivi o congiuntivi messi a casaccio ,certo che sa' molto di spottone prereferendario .

elgar

Ven, 30/09/2016 - 15:06

@elpaso21. Nel partito comunista cinese e in tanti altri dovevi dare il tuo plauso oppure erano cavoli amari per non dire altro. Qui in un paese libero, nonostante tutto, il plauso va ad una persona libera come Berlusconi e liberamente. Lì'è un obbligo... qui è una scelta. Libera. Non ci costringe nessuno. Non c'è nessun tornaconto. Questo è il punto. Non c'è nessun "padrone" come sprezzantemente insinuate. Guarda piuttosto che cosa è la RAI oggi con Renzi a proposito del referendum. Non c'è nessuno che spieghi il NO e sono tutti proni a favore del SI non ti dice nulla questo?

Edmond Dantes

Ven, 30/09/2016 - 15:10

@elpaso21. Sa quale è stato un innegabile grande merito di Berlusconi ? Avere smascherato l'Italia peggiore, quella degli antiberlusconiani a prescindere, per odio personale o politico, per invidia sociale o solo per conformismo da pusillanimi; quelli che si sono sempre considerati il sale della terra quando erano e ancora sono soltanto delle anime livorose e frustrate che spacciandosi per paladini di nobili ideali di giustizia ed eguaglianza avevano ed ancora hanno modo di rivestire di dignità culturale e politica i vizi umani da cui solo erano e tuttora sono animate. Certo che l'Italia filoberlusconiana non è sempre stata la migliore che si sarebbe voluta, ma ancor più certo è che l'Italia antiberlusconiana è stata, è e rimarrà nella storia come l'Italia peggiore.

mima64

Ven, 30/09/2016 - 15:18

Anch io vorrei ringraziare il mio datore di lavoro : grazie mille volte grazie per aver sfamato la.mia famiglia x anni x avermi tenuto anche senza molte richieste di produzione grazie x aver permesso di fumare durante le ore lavorative .voglio dirle un paio di cose:lei è bellissimo simpatico alto ha l alito che odora di fiori in primavera simpatico etc etc...in fede..mm

Ritratto di onollov35

onollov35

Ven, 30/09/2016 - 15:22

Egregio ondalunga.Nel suo commento ha dimenticato i personaggi che per invidia, hanno ostacolato Berlusconi per non farlo governare. I Signori Fini, Casini e compagnia bella i quali, si sono sempre messi di traverso per non farlo governare. Infatti, gli Italiani li hanno puniti non votandoli.

gedeone@libero.it

Ven, 30/09/2016 - 15:33

Un grande Giornalista che scrive di un grande Uomo. Grazie Capuozzo ed auguri di buona vita Presidente Berlusconi.(PS) Le trasmissioni di Capuozzo (Terra in primis), dovrebbero andare in onda in prima serata e non a notte fonda, perchè è un peccato che il grande pubblico non conosca il talento e le verità di questo grande giornalista..

rosa52

Ven, 30/09/2016 - 16:02

parole bellissime ma soprattutto vere per un uomo come Berlusconi che purtroppo rimarra' ' unico' nella storia di questo paese!

1VULCANO

Ven, 30/09/2016 - 16:23

Il giornalista CAPUOZZO l' ho sempre ammirato e stimato ora ancora di + ! !

elgar

Ven, 30/09/2016 - 17:27

@ondalunga. Mi scusi ma di quale ventennio sta parlando? Anche lei è di quelli del "vent'anni di governo Berlusconi"? Ma quando mai ha governato vent'anni? Se partiamo dall'attuale anno a ritroso la sinistra ha governato 12 anni e lui 8. Ma se partiamo dal 94 a oggi lui ha governato 8 anni e sette mesi e la sinistra 13. Se stiamo come stiamo, ne converrà, forse è più colpa della sinistra o no? Numeri alla mano.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 30/09/2016 - 17:46

Bravo Capuozzo, la riconoscenza vale molto.

Accademico

Ven, 30/09/2016 - 18:06

Posso dire che la lettera di questa Persona onesta mi ha commosso, se non, in taluni passaggi, addirittura emozionato?

brunog

Ven, 30/09/2016 - 18:08

Sono sicuro che Berlusconi guardera' avanti mentre i suoi detrattori guarderanno indietro alle loro meschinita' e miserie. L'articolo di Capuozzo e' un classico del giornalismo, merce diventata rara in un mondo in cui il giornalismo e' diventato spazzatura e oscenita'.

Ritratto di gianky53

gianky53

Ven, 30/09/2016 - 18:29

Che succede, censurate anche i complimenti a Toni Capuozzo e gli auguri (sinceri) al Presidente? Mah...

Otaner

Ven, 30/09/2016 - 18:31

Ricordo tutto quello che disse agli italiani quando discese in campo. Si mi fece sognare.Non l'ho mai l'ho mai dimenticato. Colgo l'occasione per formulare a lei ed a tutti i suoi cari fervidi auguri di ogni bene. Renato Sacchelli

baio57

Ven, 30/09/2016 - 18:37

Parlo del comportamento dell'uomo ,toccato con ..mano. Ho avuto modo di vedere Berlusconi durante una festa di fine anno dell'allora " Polisportiva Mediolanum" (primi anni '90),con circa 200 invitati tra atleti , dirigenti e familiari delle varie società sportive: Pallavolo,Baseball, Hockey e Rugby. Ebbene ,si è recato su ogni tavolo ed ha stretto le mani facendo gli auguri a TUTTI PROPRIO TUTTI gli invitati, nessuno escluso .

tzilighelta

Ven, 30/09/2016 - 18:38

io non riesco proprio a leggerla, non ce la faccio, è come entrare in un mondo parallelo, la tana del bianconiglio!

HaroldTheBarrel

Ven, 30/09/2016 - 18:46

"Lei non ama i discorsi d’occasione, le celebrazioni rituali, gli omaggi ingombranti" Dopo questo a mio avviso retorico, adulatorio e forse inutile incipit non sono riuscito ad andare avanti.

Angiolo5924

Ven, 30/09/2016 - 18:50

Ma cosa volete "ragionare" con questi dispersi senza pregio né intelletto che vogliono criticare a prescindere e che non si rendono conto dei danni che hanno e stanno provocando. Come la barzelletta del debito pubblico fatto esplodere da Berlusconi. Mentre qui, questi loro "bravi" beniamini, procedono a colpi di 80 migliardi (con la g) come se niente fosse, a mitraglia.

no_balls

Ven, 30/09/2016 - 18:53

troppo divertente..... "non ama gli omaggi ingombranti".... ma assolutamente .... si e' sempre circondato da lecchini che lo hanno rovinato.... cosi per divertimento...

forbot

Ven, 30/09/2016 - 19:54

Vorrei anch'io associarmi agli splenditi Auguri inviati dal grande Capuozzo al Cavaliere Silvio Berlusconi: Grazie Cavaliere per averci insegnato, sensa farlo apparire, un modo nuovo di relazionarsi in politica.

sparviero51

Ven, 30/09/2016 - 20:21

UN GRANDE MERITO DI SILVIO È STATO RIESUMARE LA PAROLA " COMUNISTA" CHE STAVA PER ESSERE CANCELLATA DAI FARISEI ROSSI CHE ASPIRAVANO A DIVENTARE SOCIALDEMOCRATICI SENZA AVER MAI AMMESSO LE LORO COLPE E SENZA AVER MAI CHIESTO SCUSA AGLI ITALIANI PER LA APOLOGIA COMUNISTA SUPPORTATA FINO AL ' 94 !!!!!!

luan

Ven, 30/09/2016 - 20:42

CAPUOZZO come milanista hai azzeccato tutto, MA COME POLITICO abbiamo solo buttato 20 anni e ricevuto un Paese allo sfascio.IL TUO E' PURO AMORE e come tale lo rispetto,MA IL TUO SILVIO CI HA ROVINATO .Ciao

Ritratto di viotte17121957

viotte17121957

Ven, 30/09/2016 - 21:08

Auguri! una parola come tutte le altre che inviata alla persona giusta diventa Speciale. Grazie Silvio!!!

un_infiltrato

Sab, 01/10/2016 - 10:50

Spenti i riflettori sul "Giorno del Compleanno", tra le tonnellate di messaggi giunti da tutto il mondo, rimane il ricordo di questa Lettera. Unica, sincera, autentica, vera. Senza blandizie, smancerie e - per chi sa leggere - senza neppure sconti. Un tributo di stima e di ammirazione, che trabocca di onestà intellettuale, in omaggio a un Grande, da parte di un vero Giornalista pur distante, dal Destinatario, per idee politiche.

Ritratto di onollov35

onollov35

Sab, 01/10/2016 - 12:04

@ elgar. Bravissimo,ha detto la sacrosanta verità.E' ora di finirla di dare la colpa sempre a Berlusconi delle malefatte dei politicanti di mestiere.Se non è riuscito a governare,chiediamolo a quel Fini e all'amico Casini, che per gelosia, si sono sempre messi di traverso per non farlo governare. Gli elettori infatti, li hanno bastonati.

elgar

Sab, 01/10/2016 - 13:51

@onollov35. la ringrazio. Quello che lei dice contiene una profonda verità. La saluto.

Ritratto di onollov35

onollov35

Dom, 02/10/2016 - 11:59

@elgar. Sono io che devo ringraziare Persone come Lei che argomentano con intelligenza e a prova dei fatti realmente accaduti a livello politico.