Carpi, apre il "Balsamico Village": parco sull'eccellenza italiana

È stato inaugurato oggi il primo parco a tema sull'aceto balsamico, prodotto tipico italiano. L'iniziativa è del gruppo De Nigris

Inaugurato oggi a Carpi il "Balsamico Village" di Carpi, primo parco tematico dedicato all'aceto balsamico, prodotto tipicamente italiano – anzi, modenese – molto conosciuto e apprezzato all'estero. L'iniziativa, festeggiata con una folla di autorità e visitatori, è del gruppo De Nigris, primo produttore di aceto balsamico in Italia, azienda da 70 milioni di fatturato e con un export dell'80%.

Il tema del parco, che si estende per oltre 40.000 metri quadrati, è appunto l'aceto balsamico di Modena Igp, fabbricato solo qui e apprezzato in tutto il mondo, da scoprire attraverso un percorso tra natura e arte. Un viaggio che si snoda tra 70 ettari di vigneti, cantine dove riposano 7 milioni di litri di aceto e panorami sulla "Balsamic Valley" tra Carpi e Correggio. E' un luogo dove scoprire i segreti di questo prodotto antichissimo, grazie anche a diverse tipologie di assaggi guidati. Attraverso i percorsi, all'aperto e nelle cantine d'invecchiamento, si possono conoscere storia, personaggi, curiosità legate al prodotto. Ci sono un'area museale, una collina panoramica da dove si diparte un orto botanico verticale, un edificio per gli acquisti, spazi riservati ai bambini, ai quali è dedicata – come in ogni parco divertimenti – una simpatica mascotte che prende spunto proprio dall'aceto. Nel cuore dell'area inoltre è situata Villa Grimelli, elegante edificio neoclassico settecentesco, restaurata dalla famiglia De Nigris, ricca di affreschi e di opere d'arte contemporanea. Qui, in un raffinato ristorante privato specializzato in piatti – dall'antipasto al dolce – che utilizzano il balsamico, faranno tappa degli “exclusive tours” che entreranno a far parte degli itinerari turistici del modenese. Il parco vuole infatti inserirsi nell'ambito dell'offerta turistica italiana e intercettare i flussi di stranieri che si spostano tra Venezia e Firenze: “Si tratta di 12 milioni di turisti all'anno, un numero enorme: il nostro obbiettivo è attirarne 20mila nell'arco di due anni” dice Armando De Nigris, presidente del gruppo. I lavori, cominciati hanno comportato un investimento complessivo stimato in 15 milioni di euro.

Il gruppo De Nigris, che risale al 1889, è leader in Italia nell'aceto balsamico di Modena Igp con una quota del 22% ed è presente in 70 Paesi: i primi mercati sono Stati Uniti e Germania. Esporta l'80% del prodotto, che si articola in una settantina di offerte diverse, per concentrazione di mosto, aromi e utilizzi: una recente invenzione dei laboratori di ricerca è un aceto balsamico in piccole perle nere, che per aspetto e consistenza sembra caviale, molto adatto all'impiego in piatti originali. I ricavi sono in netta crescita: i 70 milioni del 2015 si confrontano con i 60 milioni del 2011 e con una previsione per l'anno in corso di 80. La proprietà è al 100% dei tre fratelli Armando Raffaele e Luca De Nigris, di origine napoletana, che rivendocano con orgoglio tutte le caratteristiche positive di una società di dimensione familiare.

Commenti

cgf

Sab, 08/10/2016 - 23:52

De Nigris non è un nome Modenese, infatti... Poi tra Carpi e Correggio c'è giusto la A22 che divide... che valley??