Casa di riposo "abusiva": gli anziani finiti da un affittacamere

La scoperta dei militari dei Nas a Stio Cilento, in provincia di Salerno. Finito il calvario degli anziani ospiti di una struttura finita sotto sequestro

Avevano messo su una casa di riposo senza autorizzazione e senza requisiti di assistenza e sicurezza, sequestrata una struttura che ospitava nove anziani a Stio Cilento, in provincia di Salerno. L’operazione porta la firma dei carabinieri del Nas che hanno scoperto la vicenda e sollevato il caso all’attenzione della magistratura.

L’indagine era iniziata già nei mesi scorsi quando, a febbraio, un blitz dei militari del Nucleo Antisofisticazione fece emergere alcune problematiche importanti per quella struttura, sarebbero mancati i requisiti minimi, formali e sostanziali, per l’accoglienza di anziani bisognosi di cure e di assistenza. Non solo sarebbero mancate le autorizzazioni, ma, come riporta Il Mattino, quella casa di riposo avrebbe manifestato vistose carenze in organico, senza personale debitamente specializzato e la struttura non avrebbe presentato adeguati presidi in materia di sicurezza, tra cui l'ascensore.

Intanto, gli ospiti della struttura, nove anziani tra cui qualche centenario, erano stati immediatamente trasferiti altrove. Ma non dove avrebbero dovuto stare. Sono finiti, infatti, in un affittacamere di un paese vicino, anche questo privo di ogni requisito utile all’accoglienza degli anziani che, soccorsi dai carabinieri, sono stati trasferiti presso altre strutture, stavolta a norma e dotate di tutti i requisiti imposti dalla legge, nel comprensorio territoriale a sud di Salerno.