CasaPound nel mirino: bruciata l'auto della sorella di Luca Marsella

Il rogo, di origine quasi sicuramente dolosa, è stato appiccato nella notte. L'indignazione di Luca Marsella: "Noi di CasaPound diamo fastidio"

Questa notte intorno all'1.45 alcuni ignoti hanno dato alle fiamme l'auto della sorella di Luca Marsella, consigliere di CasaPound Italia presso il X Municipio di Roma, ad Ostia.

Gli uomini della Polizia di Stato del commissariato di Ostia, giunti in via delle Baleniere insieme ai Vigili del Fuoco, hanno già aperto un'indagine per individuare i responsabili e per chiarire la dinamica della vicenda. Al momento, però, sembra che il rogo sia da considerarsi di origine dolosa. Sul luogo infatti sarebbe stata ritrovata una bottiglia su cui sono state individuate tracce di liquido infiammabile.

Tutto farebbe dunque pensare a un messaggio minaccioso indirizzato ai Marsella, anche se resta ancora da appurare chi ne sia stato il mittente e soprattutto che cosa si sia voluto comunicare con un gesto tanto estremo.

L'auto, una Citroen C1 che ha preso fuoco nella parte anteriore, è stata sequestrata dalla polizia giudiziaria. Dura la reazione di Luca Marsella, che parlando con Roma Today ha commentato: "La matrice del rogo è chiaramente dolosa. Al momento non escludo nulla anche che possa essere la follia di un piromane isolato. E' probabile, tuttavia, che il bersaglio di questo gesto possa essere io. E' chiaro che il clima politico creato verso di me non aiuta e alimenta l'odio. Da quando sono consigliere, in questi mesi, ho e abbiamo, come CasaPound, preso di petto la questione dell'immigrazione e del degrado in pineta. Sicuramente diamo fastidio".


Commenti

Massimom

Lun, 11/06/2018 - 11:55

Violenza antifascista.

Ritratto di filospinato

filospinato

Lun, 11/06/2018 - 12:03

Il virus inizia a combattere con il sistema immunitario è inevitabile. Una lotta per la sopravvivenza ha sempre dei costi e difficoltà. Ordine e pulizia sono la migliore prevenzione.

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 11/06/2018 - 12:11

Tutti voti in più per la coalizione di cdx. Grazie ancora.

mariod6

Lun, 11/06/2018 - 12:20

Qualcuno aveva detto che "I migranti rendono più della droga", era un tale romano di cui non si sente nemmeno più parlare. Le famiglie rom insediate da anni ad Ostia gestiscono i traffici più schifosi della zona e non tollerano intrusioni che disturbino gli affari. Casa Pound è un chiodo nel fianco per questa manica di delinquenti. E la sinistra ai rom ed agli immigrati clandestini ha sempre strizzato l'occhio.

Ritratto di navajo

navajo

Lun, 11/06/2018 - 13:04

Ma come, non erano i fascisti quelli delle violenze e delle intimidazioni?