Caserta, ruba quattro chili di coca: un finanziere finisce ai domiciliari

Un ufficiale fu trovato senza vita dopo un overdose. Il pacchetto doveva essere distrutto

Quei quattro chili di cocaina erano depositati al comando regionale della Guardia di finanza campana. Da lì un tenente delle Fiamme gialle li aveva sottratti, finendo al centro di un'indagine per cui è stato arrestato e messo ai domiciliari dai carabinieri di Aversa e del comanda provinciale di Caserta.

I primi accertamenti erano partiti nel 2013, quando il tenente Felice Stringile venne trovato senza vita nel suo alloggio al comando di Aversa, dove fu trovata anche della droga. Le indagini dissero poi che la morte era stata provocata da una overdose e si allargarono all'ufficio dell'uomo.

In una cassaforte fu trovato un cartone con all'interno i quattro di chili di cocaina, con i sigilli manomessi. Un reperto che, secondo un verbale redatto, avrebbe dovuto essere distrutto il 13 ottobre 2011. Al suo posto sarebbe stato distrutto un pacco contenente dei panetti di Das.

Commenti

i-taglianibravagente

Lun, 22/02/2016 - 14:46

Ai domiciliari??? ma non sara' troppo??? povero tenente....lo si tratti come tutti gli altri, membri della guardia forestale pregiudicati, dipendenti pubblici beccati a non lavorare e reintegrati, politici che rubano e non vanno in galera mai.....VEDIAMO DI ESSERE COERENTI. LIBERIAMOLO e STOP...paese marcio.