Caserta, arrestato il molestatore seriale che infastidiva le minorenni

Pedinava e molestava le minorenni che frequentavano gli istituti superiori della città

Erano mesi che molestava e infastidiva tutte le minorenni che frequentavano gli istituti superiori della città ma, adesso, i carabinieri della Compagnia di Caserta hanno messo fine a questa orribile attività mettendogli le manette ai polsi.

L'ordinanza è stata emessa dal Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta della locale Procura. Il destinatario, un 34enne, è stato accusato di atti persecutori, violenza privata e atti osceni in luogo pubblico, tutti commessi nelle vicinanze di istituti scolastici frequentati da minori.

L'indagine è partita nel gennaio di quest'anno, grazie alla testimonianza di due giovanissime minorenni. Le ragazze hanno raccontato ai carabinieri che, da più di un mese, erano oggetto delle attenzioni moleste dell'uomo. Quest'ultimo, al principio, le pedinava a bordo di un motociclo. Successivamente, ha cercato di avvicinarle con versi e fischi. Infine, non trovando riscontro, ha iniziato ad accentuare i suoi comportamenti malati simulando a distanza un rapporto sessuale e poi tentando di bloccare le ragazze; impresa fortunatamente fallita.

Ciò che stava accadendo, come ormai accade di consueto, è rapidamente giunto sui social network. Nello specifico, l'allarme è giunto fino alla pagina Facebook del gruppo di urban watching “ciò che vedo in città”, dove sono pervenute tantissime segnalazioni su di un uomo, di circa trent’anni, che, in sella ad uno scooter nero, si aggirava con fare sospetto nei dintorni delle scuole praticando atti osceni davanti agli occhi degli studenti minorenni. Le indagini svolte dai carabinieri e coordinate dalla Procura hanno permesso di identificare il molestatore seriale, che è stato quindi arrestato e trasferito nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, dove, nei prossimi giorni, sarà interrogato.

Commenti
Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 23/06/2018 - 16:37

Quanto è caliente il Sud ... e le pulzelle attizzano. Certe teste calde per doverle raffreddare a modo sarebbero capaci di far sciogliere tutti i ghiacci dell'Antartide e poi essere costretti a infilarle nell'azoto liquido.

Giorgio5819

Sab, 23/06/2018 - 16:45

Dopo una equa dose di bastonate nei punti più adeguati, una decina d'anni di galera (vera) e poi vedremo come si comporterà...