Il caso di Alessandra&Alessandra: il sì dei giudici alle "nozze trans"

I giudici: "Il matrimonio è valido anche dopo il cambio di sesso". Ma solo finché ci sarà una legge sulle unioni omosessuali

Rimane valido a tutti gli effetti il matrimonio di una coppia eterosessuale anche nel caso in cui uno dei due coniugi cambi la sua identità sessuale. A stabilirlo è stata la Cassazione, ma solo in attesa che il parlamento legiferi sulle unioni omosessuali. Il verdetto, tuttavia, non determina "l'estensione del modello di unione matrimoniale alle unioni omoaffettive".

La vicenda è quella di una coppia emiliana - Alessandro B. e Alessandra T. -, sposata con nozze concordatarie, nei confronti della quale su reclamo del Viminale era stata dichiarata la cessazione degli effetti civili del matrimonio in seguito alla "domanda di rettificazione e attribuzione di sesso femminile" avanzata dal marito al quale il "prenome" era stato modificato in Alessandra. La coppia si è battuta contro il "divorzio imposto", andando anche alla Consulta, la Cassazione le ha dato la massima tutela. Nel 2014 la Consulta aveva già dichiarato l'illegittimità del divorzio "forzato" in casi come questo. Per gli ermellini non è stata solo un "monito" ma una decisione "autoapplicativa e non meramente dichiarativa". Pertanto l’adeguamento alle indicazioni della Consulta "non può che comportare la rimozione degli effetti della caducazione automatica del vincolo matrimoniale sul regime giuridico di protezione dell’unione, fino a che il legislatore non intervenga a riempire il vuoto normativo, ritenuto costituzionalmente intollerabile, costituito dalla mancanza di un modello di relazione tra persone dello stesso sesso all’interno del quale far confluire le unioni matrimoniali contratte originariamente da persone di sesso diverso e divenute, mediante la rettificazione del sesso di uno dei componenti, del medesimo sesso".

Secondo la Cassazione, quindi, "tale opzione ermeneutica è costituzionalmente obbligata e non determina l’estensione del modello di unione matrimoniale alle unioni omoaffettive, svolgendo esclusivamente la funzione temporalmente definita, e non eludibile, di non creare quella condizione di massima indeterminatezza stigmatizzata dalla Corte Costituzionale in relazione ad un nucleo affettivo e familiare che, avendo goduto legittimamente dello statuto matrimoniale, si trova invece in una condizione di assenza radicale di tutela". Così la Suprema corte ha ritenuto "necessario" accogliere il ricorso delle due "Alessandre" e "conservare" loro "il riconoscimento dei diritti e doveri conseguenti al vincolo matrimoniale legittimamente contratto fino a quando il legislatore non consenta ad esse di mantenere invita il rapporto di coppia giuridicamente regolato con altra forma di convivenza registrata che ne tuteli adeguatamente diritti ed obblighi".

Commenti

FRANZJOSEFF

Mar, 21/04/2015 - 15:31

ALESSANDRA CHE VIVE A BOLOGNA?

elpaso21

Mar, 21/04/2015 - 15:43

Ma quale sarebbe il problema delle "nozze trans"??

Ritratto di Chichi

Chichi

Mar, 21/04/2015 - 16:10

Quanto al permanere del vincolo matrimoniale, lo trovo logico. Gli interessati, vista la radicale trasformazione di uno dei coniugi, avrebbero potuto ricorrere al divorzio. La parte, che è rimasta quel che era quando si sono sposati, sarebbe stata, in termini patrimoniali, di affidamento della prole ecc. tutelata a dovere. Ma forse è proprio quello che il marito diventato… marita non voleva. Quel «finché ci sarà una legge sulle unioni omosessuali», invece, mi pare piuttosto una forzatura indebita da parte della corte nei confronti del legislatore.

linoalo1

Mar, 21/04/2015 - 16:49

Media,quando date queste notizie di fatti insoliti,dovreste dire anche il luogo ed i nomi di tutti i coinvolti,e,per primi,quelli dei Giudici,magari anche con la loro età e città di residenza e,potendo,anche quella di nascita!Se non lo permettessero,chiedetegli se il motivo è perché si vergognano di quello che hanno fatto e non vogliono che amici e conoscenti lo sappiano!Altrimenti,sarebbe troppo comodo,lanciare il sasso nello stagno e nascondere la mano!

Totonno58

Mar, 21/04/2015 - 18:09

...e c'amma fa'?!?

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 22/04/2015 - 10:49

Queste sono le sentenze e le riforme di cui ha bisogno urgente l'Italia per uscire dalla crisi economica. Ma andate affan....

Ritratto di malamente

malamente

Mer, 22/04/2015 - 11:49

ma si fate tutti i matrimoni che volete wiwa l'italia