Caso Loris, Veronica dal pm. Il suo legale: "È determinata sulle accuse"

Oggi l'interrogatorio della Panarello, che deve confermare le accuse già formulate. "Ci sono movente e arma del delitto"

Veronica Panarello deve ribadire le sue ultime dichiarazioni, con le quali ha chiamato come correo il suocero Andrea Stival, che ieri ha negato ogni accusa a suo carico. È per questa ragione che intorno alle 20.10 il sostituto procuratore di Ragusa, Marco Rota, il capo della mobile Antonino Ciavola e il capitano dei carabinieri Domenico Spadaro sono arrivati al carcere di Catania.

La mamma di Loris Stival ha promesso, per voce del suo avvocato Francesco Villardita, di riconfermare "con dovizia di particolari" quanto ha detto "alla psicologa o ai periti del gup", che potrebbe "aggiungere dei nuovi particolari alla vicenda".

"Le dichiarazioni di Veronica Panarello sono forti perché forniscono movente, complice e dinamica del fatto, e fornisce anche l'arma del delitto", ha aggiunto il legale della Panarello, specificando che si passerebbe dall'incidente alla correità. È "decisa a confermare la sua versione dei fatti", mette in chiaro.

Commenti
Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Ven, 19/02/2016 - 16:44

Qualunque sia il colpevole il bambino non tornerà tra noi a correre,a ridere,crescere vedendo il mondo che cambia attorno a lui.Purtroppo.

Tarantasio.1111

Ven, 19/02/2016 - 18:25

Certo che buttare un figlio nel fosso dopo che questo è stato ammazzato...per una madre che sa e che ha acconsentito alla sua morte,(vedi le menzogne che ha detto...) non è cosa da poco.

seccatissimo

Sab, 20/02/2016 - 01:41

Ma quanta brava e buona gente che c'è in giro ! SCONCERTANTE