Caso Regeni, Il Cairo: "Torturato per 7 giorni"

Giulio Regeni è stato interrogato per sette giorni prima di essere ucciso: le ferite ritrovate sul suo corpo dimostrano che le torture sarebbero avvenute ad intervalli di 10-14 ore

Giulio Regeni è stato interrogato per sette giorni prima di essere ucciso: le ferite ritrovate sul suo corpo dimostrano che le torture sarebbero avvenute ad intervalli di 10-14 ore. "Questo significa che chiunque sia accusato di averlo ucciso, lo stava interrogando per ottenere informazioni". Lo riferiscono in esclusiva alla Reuters - che pubblica la notizia sul suo sito - due fonti della procura egiziana che a loro volta riportano la testimonianza di Hisham Abdel Hamid, direttore del dipartimento di medicina legale del Cairo, che ha eseguito l’autopsia. "Questo - scrive la Reuters nella sua esclusiva - è l’indicazione più forte sul fatto che Regeni sia stato ucciso dai servizi di sicurezza egiziani. I loro metodi di interrogatorio comprendono bruciature di sigaretta ad intervalli di diversi giorni: secondo i gruppi per i diritti umani, è il segno distintivo dei servizi di sicurezza". Le fonti della procura egiziana riferiscono che Hisham Abdel Hamid è stato ascoltato in procura la scorsa settimana in merito all’autopsia che ha condotto.

Il direttore del Dipartimento di medicina legale, aggiungono le fonti, era accompagnato da due collaboratori che assieme a lui avevano eseguito l’esame autoptico sul corpo di Regeni. "Il referto dell’autopsia mostra che c’è un certo numero di ferite provocate nello stesso momento, altre provocate in un secondo momento e altre ancora provocate successivamente", hanno riferito le fonti della procura egiziana. "Le ferite e le fratture riscontrare, insomma, si sono verificate in tempi diversi durante un periodo di circa 5-7 giorni". La Reuters scrive di aver provato a contattare il principale portavoce del ministero degli Interni egiziano, senza riuscire ad aver alcun commento alla notizia. Anche Abdel Hamid è stato contattato telefonicamente, ma si è rifiutato di commentare a sua volta.

Commenti
Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mar, 01/03/2016 - 13:56

immagino lo strazio dei genitori

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Mar, 01/03/2016 - 15:47

Non perdiamo tempo, togliamo questo giacimento di petrolio all'ENI e diamolo alla Francia, dai forza !

piero calca

Mar, 01/03/2016 - 18:31

Questo povero cristo ha commesso il madornale errore di non capire la differenza fra un paese islamico e l'Italia , dove se tenti di linciare un carabiniere ti dedicano un'aula del parlamento.

jeanlage

Mar, 01/03/2016 - 19:02

L'autopsia ci dice che è stato torturato per 7 giorni, non da chi. Particolare che sembra sfuggire ai giornalisti (con rispetto parlando), della RAI.

ziobeppe1951

Mar, 01/03/2016 - 20:06

Chiudiamo il caso e andiamo avanti

linoalo1

Mer, 02/03/2016 - 08:38

Certo che,visto come il poverino era ridotto,era difficile capirlo!!!!Comunque,per il modo ed il come è stato trovato,sono sempre più convinto che la causa sia ub Riscatto Non Pagato!!!!!

abocca55

Mer, 02/03/2016 - 08:47

Casini, dopo giuliani, abbraccia anche questa causa. Il problema sarebbe umanitario se regeni fosse stato innocente, uno studioso con interessi per il mondo arabo. Ma se invece si trattasse di un sobillatore, un rivoluzionario? Vi immaginate cosa sarebbe una rivoluzione islamica in Egitto? Vi immaginate quanti morti, quante sofferenze e quanta instabilità nei rapporti tra le nazioni? I servizi segreti devono stabilire se regeni era uno studioso e basta, o se era un antagonista che lavorava per sobillare e distruggere. Non dimentichiamoci che nei paesi del Nord Africa, possono governare solo le dittature, e senza alternative. Sul caso Regeni occorre quindi indagare bene, per conoscere il suo vero ruolo nei rapporti con i suoi amici egiziani. Al Cairo si recano migliaia di turisti Italiani, e nessuno è mai stato torturato.

i-taglianibravagente

Mer, 02/03/2016 - 12:09

un vero strazio e un monito per tutti i "ricercatori" italiani di quel tipo all'estero. Poi c'e' l'altra questione strettamente correlata al fatto che l'italia non conta un CXXXO....non sapremo ufficialmente mai nulla sui responsabili a meno che non scendano in campo americani o inglesi per noi. vergognosi.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 10/04/2016 - 09:04

In Italia indicono un referendum, strapagato con le tasse dei contribuenti, per decidere su come trivellare l'Adriatico mentre in Egitto crivellano a spron di torture chi si mette di traverso ad un certo ordine di cose. Per il povero Giulio una settimana di "passione" mentre per gli italiani anni di presa per i ...

Cianna

Mer, 25/01/2017 - 20:27

Ma chi l'ha mandato per una tesi(?) sugli ambulanti egiziani (?)? ma a chi interessa?

Cianna

Mer, 25/01/2017 - 20:29

Hanno la coscienza sporca gli inglesi? forse??????