Cassazione, imprenditore in crisi: prima gli stipendi, poi le tasse

La Cassazione non rivela dolo per l'imprenditore che trovandosi in crisi sceglie di pagare gli stipendi prima delle tasse

Prima si pagano gli stipendi, poi se resta qualcosa in cassa le tasse. È questo di fatto l'orientamento che la Cassazione ha dato con ultima sentenza del 12 febbraio che di fatto sottolinea l'assenza di dolo se l'imprenditore privilegia i dipendenti pagando loro lo stipendio al posto di dar precedenza alle tasse. Come riporta Italia Oggi, la Suprema Corte ha accolto il ricorso di una imprenditrice di Brescia. La donna, titolare di un'impresa ha affrontato una durissima crisi tra il 2009 e il 2010.

Dopo aver assunto la guida dell'azienda, l'impreditrice ha dovuto fare una scelta: pagare gli stipendi o le tasse. Ha scelto i dipendenti. Di fatto in un primo momento la Corte d'appello aveva respinto la difesa dell'imprenditrice non riscontrando elementi che potessero giustificare il reato fiscale. Colpo di scena in Cassazione. Cambia tutto: il dolo per gli Ermellini non c'è e duqnue il ricorso è stato accettato. E su questo punto la Cassazione è stata molto chiara citando la Costituzione che tutela "il diritto al lavoro e alla conseguente retribuzione". Questo verdetto di certo farà discutere e a quanto pare la decisione ha "spaccato" il Palazzaccio...

Commenti
Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 13/02/2018 - 13:11

Piuttosto che chiudere l'attività e licenziare i dipendenti, l'imprenditrice per me ha fatto la scelta giusta. Il virgolettato degli ermellini ha prevalso e questo, a mio modo di vedere, si chiama buonsenso. Ogni tanto accade..

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 13/02/2018 - 13:37

Piccoli lampi di lucidità della megistratura.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 13/02/2018 - 14:15

Disse anche di non superare il debito pubblico, arrivato ad una misura di grave rischio. Checchè ne dicano i sinistri che i loro conti (falsi) sono in ordine. Pure la corte dei conti lo dice.

Ritratto di tomari

tomari

Mar, 13/02/2018 - 16:43

Magistrati che hanno buonsenso! Non ci posso creeedereeee....