Cassazione, se lʼemergenza rifiuti è grave sconto sulla Tarsu del 40%

La Cassazione apre la strada alla riduzione della tassa nel caso in cui la raccolta non viene eseguita regolarmente

Se c'è un problema sulla raccolta dei rifiuti che di fatto inficia il servizio pubblico per cui il cittadino paga, allora c'è il diritto da parte del contribuente a chiedere ed ottenere lo sconto sulla Tarsu. Questa ordinanza della sezione tributaria della Cassazione può cambiare in modo concreto il rapporto tra cittadino e tasse. Tutto parte dal ricorso di una società alberghiera contro un verdetto della Commissione tribuatria della Campania che aveva ritenuto legittimo un avviso di pagamento per la Tarsu del 2008 proprio durante l'mergenza rifiuti. E così la Cassazione ha deciso di ribaltare parzialmente il verdetto con un'ordinanza. Le motivazioni della Cassazione sono precise e ben chiare: "La riduzione della tariffa - in misura non superiore al 40%, come prevede la legge - spetta per il solo fatto che il servizio di raccolta, debitamente istituito e attivato, non venga poi concretamente svolto, ovvero venga svolto in grave difformità rispetto alle modalità regolamentari relative alle distanze e capacità dei contenitori ed alla frequenza della raccolta; così da far venire meno le condizioni di ordinaria e agevole fruizione del servizio da parte dell’utente". E così adesso la decisione dei giudici di piazza Cavour potrebbe dare il via ad una serie di ricorsi. Infatti la Cassazione precisa che lo sconto serve per ripristinare, in costanza di una situazione patologica di grave disfunzione per difformità della disciplina regolamentare, un tendenziale equilibrio impositivo, entro la percentuale massima discrezionalmente individuata dal legislatore, tra l’ammontare della tassa comunque pretendibile ed i costi generali del servizio nell’area municipale, ancorchè significativamente alterato".

Commenti

Giorgio Rubiu

Mer, 27/09/2017 - 17:44

Ci crederò quando lo vedrò accadere.

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Mer, 27/09/2017 - 17:55

"La Cassazione apre la strada alla riduzione della tassa nel caso in cui la raccolta non viene eseguita regolarmente": non "venga", titolista! O per caso Il Giornale vuole imitare Di Maio e abolire il congiuntivo?

snips

Mer, 27/09/2017 - 18:01

Bene! Allora poichè sono andato in pensione nel 2010 e dal 2011 ad oggi l'entità della stessa è rimasta sempre identica, non essendo più indicizzata (Causa blocco dovuto prima alla legge fornero e poi dalla legge poletti/renzi,nonostante la dichiarazione di incostituzionalità da parte della Corte Cost.le)..beh allora anch'io postrò ridurre del 40% le tasse che stò pagando sulla mia rendita pensionistica(Già sufficientemente pagata in 40 anni di contributi anticipati)SIC!

Ernestinho

Mer, 27/09/2017 - 18:50

E ci voleva tanto? Ma io non ci credo!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 27/09/2017 - 18:52

Sapendo come funziona in Italia, prima paghi, poi devi fare una raccomandata A.R richiedendo il risarcimento del 40%, poi si dovrà attendere parecchio tempo prima che aprano la busta, la leggono, la controllano, gli risponderanno con un'altra raccomandata che naturalmente in assenza dovrai fare km per andare all'ufficio postale per ritirare la raccomandata con l'assegno. Tutto questo con una spesa maggiore da parte della P.A. che sarà messa in conteggio con le altre tasse e quindi il cittadino glielo avranno sempre messo nel c....

Celcap

Mer, 27/09/2017 - 19:00

Sbagliato. Nessun servizio rischio di epidemie zero da pagare

aredo

Mer, 27/09/2017 - 19:12

"nel caso in cui la raccolta non viene eseguita regolarmente" ... sarebbe "nel caso in cui la raccolta NON VENGA eseguita regolarmente" ... ITALIANO! ITALIANO! Non bisogna ricordare le regolette a memoria... se uno sa la lingua che sta parlando o in cui sta scrivendo dovrebbe accorgersi di errori come questo semplicemente dal suono...

Vigar

Mer, 27/09/2017 - 19:31

Si e come no?! Ma chi ci crede. Io sto ancora aspettando dall'Ama il rimborso di dieci anni di Iva non dovuta, regolarmente richiesto a termini di legge e sollecitato non ricordo più quante volte. Non si sono neanche degnati di rispondermi per mandarmi a quel paese....Questo è uno stato di diritto, cosa credete?....

Blueray

Mer, 27/09/2017 - 19:47

Il beneficio verrà ovviamente accordato solo ai ricorrenti e non esteso erga omnes, quindi varrà solo per chi paga tasse pesantissime ed ha convenienza a ricorrere. I cittadini dovranno fare una class action? E poi come si decide la grave difformità rispetto alle modalità regolamentari? Ci sono parametri di valutazione oggettivi? Mah, la vedo dura.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 27/09/2017 - 20:07

ma se in Italia non sapete fare una raccolta differenziata intelligente, qui in Germania ci sono 3 cassettoni per il vetro per strada uno per il vetro verde uno per quella bianco neutro e uno per quello scuro, nelle case ci sono sacchetti uno per la spazzatura di casa un altro color giallo per i rifiuti come lattine metalliche e cartone del latte ecc, un altro bidone per la carta e cartone, se mettete contenitore del latte in quello della spazzatura il camion non ve lo prende.Inoltre qui a casa quando svuoto un vaso di marmellata o miele la mia partner lo lava sino a farlo luccicare, cosi si ci deve comportare in un paese civile.

Popi46

Gio, 28/09/2017 - 06:27

La Cassazione ha dato un segno di vita intelligente, ma dubito che possa avere un seguito concreto

curatola

Gio, 28/09/2017 - 06:56

chiacchere inutili