Catania, la libreria dice "no" a Riina: "Qui il libro non si vende o prenota"

In Sicilia continua la polemica dopo l'intervista di Vespa

La vetrata di una libreria del centro storico di Catania

Non è soltanto la politica a entrare a gamba tesa sulla puntata di Porta a porta in cui è intervenuto Salvatore Riina, né solo il giornalismo a commentare la scelta di mandare in onda il figlio del boss. La polemica arriva anche nelle librerie, perché oggi è uscito Riina Family Life, del terzogenito del capo di Cosa Nostra.

E se già la Feltrinelli a Padova ha detto "no" alla presentazione del libro edito da Edizioni Anordest, rifiutando la sala a Giuseppe Salvatore Riina, non solo tuttavia i soli ad apporsi a quella pubblicazione. Anche a Catania la storica libreria Vicolo Stretto, in via Santa Filomena, si è inserita nella polemica.

"In questa libreria non si ordina, nè si vende il libro di Salvatore Riina". Questo il cartello esposto e non da tutti accolto bene. Sulla pagina facebook della libreria c'è invece chi accusa: "La censura è strumento dittatoriale qualsiasi sia lo scopo per la quale si pratica. Non condivido. Più le persone conoscono la realtà, anche quella non condivisibile o da contrastare, più si sviluppa il senso critico e la coscienza democratica".