Cenone di Natale, maxi sequestro di alimenti dannosi alla salute

Il blitz è stato effettuato nella provincia di Caserta dai reparti dei carabinieri forestali e dal nucleo investigativo di polizia ambientale. Ritirati prodotti ittici, caseari e carne suina

Un maxi sequestro di alimenti pericolosi alla salute, che dovevano finire sulle tavole per i cenoni di Natale e Capodanno, è stato effettuato nella provincia di Caserta dai reparti dei carabinieri forestali e dal nucleo investigativo di polizia ambientale. Il controllo delle forze dell’ordine ha l’obiettivo di verificare la tracciabilità dei prodotti alimentari destinati alla vendita e il rispetto della normativa in materia di etichettatura e di corretta informazione offerta ai consumatori presso gli esercizi di vendita.

I prodotti controllati sono quelli ittici, i formaggi freschi a pasta filata (mozzarella, fior di latte, provola), i prodotti carnei trasformati e si è verificato il rispetto dei termini di scadenza sui prodotti in vendita preimballati. Tante le irregolarità accertate dai militari, che hanno elevato 13 sanzioni amministrative, per un totale di 36.550 euro, sottoponendo a sequestro oltre 23 chili di molluschi bivalve (cozze, vongole e lupini), nel corso di due distinti controlli svolti dai militari della Stazione Carabinieri di Castel Volturno congiuntamente alla locale Guardia Costiera, in quanto erano detenuti irregolarmente aspersi in acqua. Molluschi che sono stati immediatamente reimmessi in natura.

Sono stati sottoposti a sequestro oltre 21 chili di mozzarella e fior di latte venduti allo stato sfuso in violazione alla normativa in materia di etichettatura, nonché oltre 30 chili di salsicce e prodotti carnei di origine suina trasformati per assenza di tracciabilità.

Commenti

Giorgio5819

Sab, 22/12/2018 - 12:55

La legalità, in certe zone, é articolo completamente sconosciuto.