Cesare Battisti, l'appello di Torreggiani: "Portatelo in Italia"

L'ex terrorista condannato per omicidi commessi in Italia, sarà espulso dal Brasile, dove era rifugiato politico

Cesare Battisti rischia di essere estradato. L'ex terrorista del gruppo eversivo 'Proletari armati per il comunismo, condannato in Italia per omicidi commessi negli anni di piombo, sarà espulso dal Brasile, dove nel 2009 ottenne lo status di rifugiato
politico. Lo riferisce il sito brasiliano 'Estadao'. Lo ha stabilito un tribunale federale brasiliano, in risposta a una azione del ministero Pubblico federale, secondo quanto riporta il quotidiano brasiliano 'O Globo', nella sua versione online. Battisti potrebbe essere espulso in Francia o Messico e potrà ricorrere in appello contro la sentenza. Prima di fuggire in Brasile Battisti ha abitato per diversi anni proprio in Messico e poi in Francia. Il pronunciamento della Corte federale brasiliana annulla lo status di rifugiato politico dell'ex terrorista, considerato uno straniero irregolare sul territorio del Brasile. E dopo la notizia della probabile espulsione i familiari del gioielliere Torregiani, ucciso da Battisti, chiedono al governo di adoperarsi per portare Battisti in Italia: "Chiedo al governo di mostrare sensibilità e determinazione in questa questione di giustizia e di attivarsi nuovamente per ottenere finalmente quello per cui ci battiamo da anni. In questo senso -aggiunge - chiedo alla stampa di spingere affinché il governo si impegni e da parte mia mi attiverò chiamando subito la Farnesina".

Ma il figlio del gioielliere ucciso nel febbraio del 1979 in una sanguinosa rapina quella ferita non potrà mai risanarsi, Torregiani preferisce non sbilanciarsi su un eventuale faccia a faccia con Battisti: "Non dico nulla, facciamo un passo alla volta. Credo che sia fondamentale che, nel caso, non venga accolto con un mazzo di fiori ma gli venga accordata la sua pena e ne possa scontare una parte in carcere per dimostrare che la legge è uguale per tutti". Reazioni anche nel mondo politico. "Che piacere. Sono molto contento": così il governatore della Lombardia, Roberto Maroni, a margine di un evento a Milano, commenta la notizia che l’ex terrorista dei Proletari armati per il comunismo sarà espulso dal Brasile. Il presidente della Regione si è poi augurato che non venga estradato in Francia, "perchè vorrebbe dire che non sarebbe poi estradato in Italia, visti i precedenti - ha ricordato -. Mi auguro che questo non avvenga, perchè finalmente potrebbe arrivare in Italia ed espiare la pena a cui è stato condannato".
"È una buona notizia, ma a metà - ha quindi aggiunto -, perchè potrebbe non arrivare in Italia. Ma il fatto che venga espulso è già una buona notizia".

"Secondo la stampa brasiliana, la Procura federale avrebbe reso nullo l’atto del governo che concesse il permesso di soggiorno al terrorista rosso Battisti. Che a distanza di tanti anni finalmente si sia giunti anche in Brasile alla conclusione che un assassino non va protetto è una buona notizia". Lo dichiara in una nota il senatore di Fi, Maurizio Gasparri. "Ci saremmo tuttavia aspettati - aggiunge - non una semplice espulsione in Francia o in Messico come si apprende, bensì l’estradizione nel nostro Paese. Battisti deve scontare due ergastoli per quattro omicidi commessi in Italia negli anni ’70, e dei quali non si è mai pentito. Finché un assassino come Battisti non sarà portato in Italia, giustizia non sarà fatta. Mi
auguro solo che, tornando in Italia, Battisti non trovi ad aspettarlo un posto da sottosegretario. Con questa sinistra al governo - conclude - potremmo aspettarci di tutto".

Commenti

gianrico45

Mar, 03/03/2015 - 21:32

E'meglio che resti in Brasile,anzi dovremmo chiedere che lo internino in un carcere brasiliano,anche a spese nostre anche doppie, se torna troverà chi gli dedicarà una aula del parlamento

Azzurro Azzurro

Mar, 03/03/2015 - 21:35

Finalmente, 4 omicidi per rapine e un uomo su sedia a rotelle Spero nell'eregastolo

Azzurro Azzurro

Mar, 03/03/2015 - 21:36

Finalmente, 4 omicidi per rapina e un uomo su sedia a rotelle Spero nell'ergastolo

ESILIATO

Mar, 03/03/2015 - 21:58

SI ....e appena arriva 41Bis

Ritratto di caviste

caviste

Mar, 03/03/2015 - 22:24

Era ora!!!!!

Ritratto di Azo

Azo

Mar, 03/03/2015 - 22:49

Beh, sono finite le vacanze ??? Non è che ci sia una connessione con la morte di Ghisolfi ??? Forse con il suo ritorno gli daranno una medaglia al valore!!!

Ritratto di Azo

Azo

Mar, 03/03/2015 - 22:49

Beh, sono finite le vacanze ??? Non è che ci sia una connessione con la morte di ........ ??? forse con il suo ritorno gli daranno una medaglia al valore!!!

Daitarn

Mar, 03/03/2015 - 23:39

Ma guarda un po' che strano...ora che i rossi in Brasile se la stanno vedendo brutta economicamente,con la Petrobras che va a fondo facendo mille bolle blu..anzi...nere...,e avranno presto bisogno di soldi dal FMI, vogliono ripulirsi la reputazione e scrollarsi di dosso l'etichetta di salva terroristi???

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 04/03/2015 - 00:06

Speriamo non venga estradato in Francia. Lì ci sono ancora tutti i SUOI SOSTENITORI DI SINISTRA. GENTE MALVAGIA CHE PROTEGGE GLI ASSASSINI. Fanno bene i francesi a sostenere la Le Pen. Con una sinistra così ottusa dovrebbero votare tutti a destra.

Ritratto di AdrianoAG

AdrianoAG

Mer, 04/03/2015 - 02:04

Quest'assassino, che impropriamente porta un nome e cognome non degno di lui, resterà impunito, perchè l'attuale governo non avrà nessun interesse a catturarlo per motivi di opportunità.

chicolatino

Mer, 04/03/2015 - 06:08

azz neppure un commento sinistro,secondo me stanno incrociando le dita sul successo del ricorso del compagno battisti...il colmo dei colmi se fosse estradato in francia e poi da qui non potesse essere estradato in italia co-membro dell'ue...da barzelletta...

gpl_srl@yahoo.it

Mer, 04/03/2015 - 07:41

perché portarlo qui?? ci costerebbe solo un sacco di soldi: lasciatelo la dove i grandi social comunisti brasiliani saranno obbligati a mantenerlo per approfittare di quel suo sguardo arrogante e beffardo che gli ha permesso di vivere da cinico ed assassino libero in un paese che ben poco ha di serio

gpl_srl@yahoo.it

Mer, 04/03/2015 - 07:43

a spese nostre no e più no!: lo hanno voluto ed ora se lo tengano

cast49

Mer, 04/03/2015 - 08:10

spero che i komunisti non lo accolgano a braccia aperte.

epc

Mer, 04/03/2015 - 08:51

NOOOOOOO!!!!! Che se lo tengano!!!!!!! Sennò appena arriva qui andranno ad accoglierlo i ministri rossi all'aeroporto, gli daranno un posto di lavoro pubblico, lo inviteranno a conferenze nelle scuole ed a comparsate televisive con Fazio o Formigli!!!! Che se ne stia là!!!!!!!!!

Ritratto di Baliano

Baliano

Mer, 04/03/2015 - 09:05

Uno scatto di Dignità Nazionale, ormai sotto la suola delle scarpe: Quando lo spediranno in Messico, o in Francia (se mai sarà), "PRELEVARLO" e riportarlo nella Nazione, dove ha commesso i suoi crimini: All'Italia deve rispondere, non ai Messicani o ai Francesi! Non è difficile, abbiamo uomini e mezzi. Un gioco da ragazzi. Almeno una volta nella vita di questo ridicolo zimbello del mondo, chiamato ancora Italia.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mer, 04/03/2015 - 09:22

Il Brasile si conferma il Paese del Carnevale. Sono anni che ogni tanto annunciano l'estradizione di quel farabutto TERRORISTA ma puntualmente rimandano sempre la decisione finale. Che arrivino sempre quattrini????

opinione-critica

Ven, 13/03/2015 - 15:10

Non devono portarlo in Italia. Devono prenderlo e buttarlo in mare.