Chi è l'uomo fermato per l'omicidio

È stato fermato dai carabinieri a bordo di un treno nella provincia di Caserta e diretto al nord Ludovico C., napoletano di 32 anni, ritenuto responsabile della rapina e della morte del gioielliere romano Giancarlo Nocchia

È stato fermato dai carabinieri a bordo di un treno nella provincia di Caserta e diretto al nord Ludovico C., napoletano di 32 anni, ritenuto responsabile della rapina e della morte del gioielliere romano Giancarlo Nocchia. L’uomo è stato individuato grazie ai rilievi eseguiti dalla VI Sezione dei carabinieri di via In Selci. L’uomo ha precedenti per droga e detenzione di oggetti attia offendere.

Originario della Campania, tossicodipendente, abitava al Tufello. Subito dopo la rapina, culminata con l’omicidio, secondo laricostruzione dei militari, si è subito reso irreperibile anche aifamiliari. Scappato in campagna, è poi stato inizialmente localizzato da i Carabinieri in provincia di Caserta. Dalle successive verifiche, è emersoche stava tornando nella Capitale per prendere qualcosa e poi scapparedefinitivamente. Appreso della sua presenza sul treno, i Carabinieri delNucleo investigativo, lo hanno bloccato a bordo del convoglio. Con sé avevadue pistole, una borsa con la refurtiva e del metadone.