Chi sono le vittime della sparatoria al Palazzo di Giustizia a Milano

Tre morti e due ferito nell'attacco di questa mattina al Tribunale. Fermato il responsabile

Sono tre le vittime confermate della sparatoria di questa mattina al Palazzo di Giustizia di Milano e due persone sono rimaste ferite, quando un uomo, identificato come Claudio Giardiello, ha aperto il fuoco in Tribunale.

Tra i morti un magistrato, Fernando Ciampi e un avvocato, Lorenzo Alberto Clapis Appiani. Poi Giorgio Erba. Ferito Davide Limoncelli e una seconda persona di cui al momento non è certa l'identità.

Ciampi era da sei anni alla II sezione civile, incaricata dei fallimenti. Dopo un periodo come presidente della VIII sezione civile, nel 2009 era stato chiamato a guidare la sezione ad interim dopo l'uscita di scena del presidente Bartolomeo Quatraro, che oggi è a Novara. Aveva poi preso il suo posto Filippo Lamanna.

È rimasto ucciso anche Lorenzo Alberto Clapis Appiani, che in un precedente processo per fallimento aveva difeso Giardiello. Oggi era in tribunale per testimoniare in un'udienza contro di lui.

In aula c'erano anche Giorgio Erba e Davide Limoncelli, co-imputati nel processo per il fallimento della Immobiliare Magenta. Limoncelli è rimasto ferito, mentre Erba, ferito, è morto poco dopo essere stato trasportato all'ospedale Niguarda.