Chiesa contro Circo. Sacro e profano: sfida all’ultimo sangue

Un sacerdote in pensione boicotta lo spettacolo di circo horror. I circensi ribattono “saremo ospiti in Vaticano per il Giubileo”

È guerra a Ragusa tra sacro e profano. Padre Nobile, ex parroco di Vittoria e di Chiaramonte Gulfi (in provincia di Ragusa) ormai in pensione, già balzato agli onori della cronaca un anno fa per alcuni commenti sugli omosessuali, boicotta lo spettacolo del Paranormal Circus, il circo degli orrori fino all’1 maggio ospite della cittadina siciliana.
Padre Giovanni attacca gli artisti su facebook con un post: “Metto in guardia tutti quanti: in questi giorni si trova a Ragusa il Paranormal Circus, sconsiglio a tutti di andarlo a vedere, specie ai bambini”. Un messaggio netto, un no secco ai circensi e ai loro spettacoli. Dal tendone parte subito la risposta a suon di post sui social: “Siamo a conoscenza del fatto che un gruppo religioso sta tentando di boicottare il nostro spettacolo, poiché ritiene che presso la nostra struttura si pratichi "l’esoterismo" ed "il satanismo". noi come Paranormal Circus ci teniamo a specificare che il nostro spettacolo circense nulla ha a che fare con queste tematiche ed argomentazioni. Noi – continuano - siamo i primi a sconsigliare il nostro spettacolo ai minori di 12 anni, ma solo per una questione legata al linguaggio usato durante la manifestazione. Abbiamo ricevuto – concludono – i commenti di ammirazione e supporto anche da uomini di Chiesa, otteniamo spesso anche il Patrocinio dei Comuni nei quali la nostra compagnia decide di fare tappa, infine il nostro circo sarà ospite in Vaticano in occasione del Giubileo della Misericordia.”
Chissà cosa pensa della querelle papa Francesco.