Dal cinema alla concessionaria L'auto di 007 si potrà comprare

La Aston Martin esaudisce il sogno dei cultori di James Bond Presto sul mercato 150 bolidi ispirati alla spia britannica

Ci ha pensato prima Jaguar, «replicando» la mitica E-Type di Diabolik: la F-Type, lanciata due anni fa, è stata subito apprezzata dai collezionisti e dai numerosi fan dei fumetti con protagonista il «re del terrore». E ora, sempre dal Regno Unito, è un altro costruttore di automobili esclusive, Aston Martin, a voler riportare in auge un modello passato alla storia perché guidato, nella lunga serie di film, da James Bond, l'agente 007 creato dallo scrittore britannico Ian Fleming. Non è un caso che proprio la Jaguar di Diabolik e l'Aston Martin di 007 figurino, alla luce di un recente sondaggio di facile.it , nelle prime posizioni della classifica delle auto da sogno.

Aston Martin, dunque, ha deciso di esaudire il sogno di 150 amanti dei vari James Bond che si sono alternati sugli schermi. Tanti, infatti, saranno gli esemplari di una coupé di lusso tutta dedicata alla spia cinematografica più famosa di sempre. Al di là degli aspetti nostalgici, quella della prestigiosa Casa britannica controllata dall'imprenditore milanese Andrea Bonomi, è soprattutto un'importante operazione di marketing che coincide con il mezzo secolo di partnership con i film dell'agente 007. Le vendite della Db9 Gt Bond Edition inizieranno, infatti, con il rilascio di Spectre , il nuovo film di 007 interpretato da Daniel Craig e diretto da Sam Mendes, che sarà sui grandi schermi in autunno (in Italia dal 5 novembre). Il prezzo di questo modello è già stato fissato: 165mila sterline, circa 225mila euro, in linea con il listino di una macchina sportiva «super». Inclusi nel prezzo sono anche alcuni accessori a tema, come il trolley Globe-Trotter e l'orologio della maison svizzera Omega, Seamaster Aqua Terra 150m James Bond limited edition con cinturino in pelle firmato Aston Martin (oltre al cinturino originale Omega in acciaio).

I progettisti che lavorano a Gaydon hanno voluto, seppur in chiave moderna e al passo con le attuali regole di omologazione, essere il più fedele possibile, alla versione originale. Praticamente invariata è la meccanica: la Db9 Gt Bond Edition monta infatti il motore V12 di 5.9 litri potenziato fino a 547 cavalli a 6.750 giri/minuto con una coppia di 620 Nm a 5.500 giri. Memorabili, in proposito, sono gli inseguimenti e le evoluzioni di 007 alla guida del suo bolide nelle scene dei film. Ecco allora questa Db9 Gt, solo per 150 appassionati (e ricchi), sfiorare i 300 chilometri orari e bruciare lo sprint da 0 a 100 in 4,5 secondi netti. Resta al suo posto anche il cambio sequenziale a 6 marce TouchTronic I.

La livrea è in uno speciale argento denominato, guarda caso, Spectre , come il film in uscita, con tanto di placchette «Bond Edition».

I cerchi sono da 20 pollici, neri, con le dieci razze cromate, mentre le prese d'aria sul cofano si presentano in alluminio, come quelle sui fianchi e sotto la calandra. Spoiler anteriore e posteriore in carbonio e pinze freno di colore grigio, in sintonia con la carrozzeria. Anche nell'abitacolo i dettagli richiamano le abitudini di 007, uomo sempre attento ai dettagli, amante del lusso e delle belle donne, nonché solito a trattarsi bene. I sedili sportivi rivestiti in pelle di colore Obsidian Black sono impreziositi da cuciture in Galena Silver (la cucitura sul divisorio tra i sedili posteriori riprende il profilo della canna di una pistola). Il logo 007 spunta anche all'interno delle portiere e all'accensione del sistema di infotainment . Il rivestimento del volante è italiano (in Alcantara) e la console centrale in fibra di carbonio. Al Salone di Francoforte, a metà mese, sarà tra le sportive più ammirate.