Le cinque bufale sulla strage di Parigi

Dopo le stragi di Parigi sul web e soprattutto sui social network sono state condivise alcune notizie e alcune foto che di fatto rappresentano solo delle bufale

Dopo le stragi di Parigi sul web e soprattutto sui social network sono state condivise alcune notizie e alcune foto che di fatto rappresentano solo delle bufale. Come spesso capita, però, si tratta (anche) di fake, in buona o cattiva fede. E in alcuni casi anche mal riusciti. Ecco quali sono quelle più comuni:

- La foto degli Eagles of Death Metal al Bataclan, "pochi minuti prima della strage". In realtà è la foto pubblicata sulla pagina Facebook della rock band qualche ora prima del concerto parigino, ma fa riferimento all'esibizione del gruppo a Dublino.

- Nelle ore successive agli eccidi, è circolato su Twitter un post datato 5 novembre in cui si "prediceva" la carneficina. Tutto falso: il post originale parlava d'altro.

- Tedeschi in marcia per ricordare le vittime di Parigi? Falso: questa immagine immortala la marcia anti-Islam a Dresda.
- Il cartello "Non abbiamo paura" issato dai parigini in piazza è ammirevole, ma risale a gennaio, subito dopo la strage di Charlie Hebdo. Dopo venerdì, infatti, le autorità francesi hanno proibito grandi raduni pubblici per motivi di sicurezza.

- La Tour Eiffel stilizzata è di Banksy? No, la vignetta simbolo "Peace for Paris" è di un altro disegnatore, Jean Jullien.