Circolazione ferroviaria, stretta dell'Authority: "Giro di vite contro i ritardi"

Eliminazione della soglia di tolleranza dei ritardi, aumento della penalità unitaria per minuto di ritardo. Ma non solo. Ecco le novità

Una rivoluzione nel mondo dei trasporti ferroviari. A finire nel mirino dell'Authority sono i ritardi dei treni. E non solo. Arrivano, infatti, nuove regole per garantire un maggiore puntualità nella circolazione ferroviaria. Con la delibera, pubblicata oggi sul sito, l’Authority prescrive a Rfi un nuovo "Performance Regime" che, tra le novità principali, prevede che la rilevazione dei ritardi avvenga anche nelle stazioni intermedie o anche in altri punti intermedi della rete, e non solo alla destinazione finale. Un passaggio, questo, che il presidente del’Art, Andrea Camanzi, non ha esitato a definire "una rivoluzione per garantire una maggiore puntualità".

Il nuovo Performance Regime prevede poi l’eliminazione della soglia di tolleranza dei ritardi; l’aumento della penalità unitaria per minuto di ritardo, eventualmente differenziata a seconda della tipologia di traffico; un ulteriore aumento della penale al raggiungimento dei 60 minuti di ritardo, incrementandola ancora al raggiungimento dei 120 minuti di ritardo; l’attribuzione di un ritardo convenzionale di 120 minuti per ogni treno soppresso.

Commenti
Ritratto di lettore57

lettore57

Mer, 05/11/2014 - 16:47

Gia, le multe, ma poi? al viaggiatore che succede?

vince50

Mer, 05/11/2014 - 16:55

Se si vuole arrivare a questo,devono essere licenziati tutti i connazionali.Ossia in mano a cinesi o altro,noi(tranne rarissime eccezioni)non ne abbiamo le capacità.Noi siamo fatti così,ci lamentiamo tutti e di tutto,ma ce ne strafottiamo di tutto e di tutti.

maurizio50

Mer, 05/11/2014 - 17:06

La vera rivoluzione si farà quando si faranno scendere dai treni le migliaia di africani, sudamericani, zingari che viaggiano abitualmente a sbafo,e che, per di più ,importunanano i passeggeri che pagano il biglietto.Ah già, ma questa è una rivoluzione che non piace ai compagni e che quindi non si farà!!!!!!!!!!

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Mer, 05/11/2014 - 17:26

Bellissimo, facciamolo anche per le autostrade... se per fare 40 Km. occorrono più di 20 minuti, multa al gestore!

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 05/11/2014 - 17:30

Pendolare da 30 anni, e quando leggo queste notizie sapete che vi dico : ah, ah, ah, ah, c'è da crepare dal ridere. Non ci riusciranno mai.

mezzalunapiena

Mer, 05/11/2014 - 17:41

la vera rivoluzione sarà quando in italia diventerà un paese democratico al momento non vedo segnali in tal senso quindi gli italiani continueranno a sentire le promesse dei politici di turno ma poi finisce la legislatura e si ricomincia.

cgf

Mer, 05/11/2014 - 18:00

prevedo un drastico taglio delle corse, sopratutto quelle regionali.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 05/11/2014 - 18:21

finchè i treni dei pendolari saranno finanziati dalle regioni, come proprietaria di una quota delle ferrovie, non succederà nulla! tutto come prima. anche perchè gran parte dei pendolari pagano ben 2 volte lo stesso servizio! una sotto forma di tasse che versa alla regione, e l'altra sotto forma di abbonamenti! la sinistra vuole farci credere diversamente :-)

celuk

Mer, 05/11/2014 - 18:22

tutto bello ma speriamo che non ne risenta la sicurezza....(se si impone a tutti i costi il rispetto dell'orario)

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 05/11/2014 - 18:22

finchè i treni dei pendolari saranno finanziati dalle regioni, come proprietaria di una quota delle ferrovie, non succederà nulla! tutto come prima. anche perchè gran parte dei pendolari pagano ben 2 volte lo stesso servizio! una sotto forma di tasse che versa alla regione, e l'altra sotto forma di abbonamenti! la sinistra vuole farci credere diversamente :-)

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 05/11/2014 - 18:23

finchè i treni dei pendolari saranno finanziati dalle regioni, come proprietaria di una quota delle ferrovie, non succederà nulla! tutto come prima. anche perchè gran parte dei pendolari pagano ben 2 volte lo stesso servizio! una sotto forma di tasse che versa alla regione, e l'altra sotto forma di abbonamenti! la sinistra vuole farci credere diversamente :-)

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 06/11/2014 - 00:31

Forse nelle ferrovie italiane è stato assunto qualche intelligente?

GVO

Gio, 06/11/2014 - 07:25

...ma mi chiedo perchè a pagare siamo solo sempre noi e gli africani extracomunitari zingari prostitute ecc...possono viaggiare senza biglietto? Mi raccomando il mio non è razzismo come direbbero i sinistronzi, ma le leggi dovrebbero valere x tutti!!

guerrinofe

Gio, 06/11/2014 - 11:59

NEL FRATTEMPO IN GERMANIA FANNO SETTE GIORNI DI SCIOPERO GENERALE DELLE FERROVIE!!