Coca-Cola finanzia occultamente gli scienziati

Per vender un maggior numero di bibite, il colosso ha pagato alcuni scienziati per far dire loro che obesità e diabete dipendono più dalla sedentarietà che da una scorretta alimentazione

Coca-Cola nei guai a causa del New York Times. Il giornale americano, infatti, ha scoperto che l'azienda che produce la bibita più amata la mondo, ha sostenuto economicametne alcuni importanti scienzati per diffondere notizie che potessero migliorare l'immagine della Coca-Cola.

Gli scienzati avrebbero fatto circolare l'idea, supportata da dati falsi, che per combattere obesità e diabete bisogna fare attenzione più all'attività fisica che al cibo e alle bevande che si assumono. Ovvio che una "dieta" simile non può che giovare alla bevanda zuccherata per eccellenza: la Coca-Cola.

L'azienda di Atlanta avrebbe pagato 1,5 milioni di dollari il Global Energy Balance Network, un’organizzazione no-profit (molto popolare negli Stati Uniti) per far sì che il suo vice-presidente, Steven N. Blair, girasse un video in cui invitava gli americani a concentrarsi solamente sull'attività fisica e non sull'alimentazione.

Poi, The Coca Cola Company, avrebbe speso 4 milioni di dollari per sostenere progetti del Global Energy Balance Network.

Commenti

Tarantasio

Ven, 02/09/2016 - 01:54

nel mio cammino di santiago mi sono sparato due koke al giorno per ventun giorni... risultato: persi cinque kg... non ho mai più bevuto koke