Colpo di fucile in auto: morto l’industriale Guido Ghisolfi

Vicepresidente di una multinazionale della chimica, è stato ritrovato senza vita nell’Alessandrino. Il manager era finanziatore del premier Renzi

L’industriale Guido Ghisolfi, vicepresidente della multinazionale Mossi& Ghisolfi, seconda azienda italiana nella chimica, è stato trovato morto, ucciso da un colpo di fucile sparato da distanza ravvicinata. Secondo gli investigatori, non vi è dubbio che si tratti di suicidio. Il corpo è stato trovato sulla sua auto, nell’Alessandrino Il corpo dell’industriale Ghisolfi, che aveva 58 anni, è stato trovato su una Lexus, in una strada collinare alla periferia di Carbonara Scrivia. A dare l’allarme, poche ore prima, erano stati i familiari che lo attendavano a casa per il pranzo.

L’imprenditore, figlio del fondatore del gruppo, Vittorio Ghisolfi, non avrebbe lasciato alcun biglietto.

Commenti

roberto zanella

Mar, 03/03/2015 - 22:16

E' stato il mio datore di lavoro per almeno 15 anni . Il padre vero e proprio imprenditore dell'epoca di Montedison . Noti stampatori di bottiglie di PET . Il figlio gli era subentrato . Ha chiuso e venduto tecnologie considerate obsolete e ora si era buttato sulla chimica verde ,in questo momento con uno stabilimento a Crescentino (NO)

roberto zanella

Mar, 03/03/2015 - 22:18

Si noto finanziatore di Renzi e prima del PD . Antiberlusconiano . Un compagno che chiudeva gli stabilimenti . Dispiace una azione del genere . Aveva capito come posizionare la ricerca chimica e le produzioni cosidette verdi.

Ritratto di scappato

scappato

Mer, 04/03/2015 - 05:36

Attenti, Renzi porta sfiga.

Silviovimangiatutti

Mer, 04/03/2015 - 06:29

Proprio sicuri che sia suicidio ?

rossini

Mer, 04/03/2015 - 07:44

Finanziava Renzi? Se si è suicidato, lo avrà fatto per il rimorso!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 04/03/2015 - 23:14

Uno dei tanti industriali italiani che hanno tradito il capitalismo per inseguire la falsa chimera dei trinariciuti. FINANZIAVA COLORO CHE NON ESITANO A LINCIARE CHI NON SI SOTTOMETTE ALLA LORO MAFIA. BERLUSCONI È UNA VITTIMA DI QUESTO ASSURDO RIBALTAMENTO DI VALORI DEL CAPITALISMO ITALIANO.