Componente dei Casamonica viola la sorveglianza speciale: "Sono uscito per comprare le sigarette"

Ha violato per la seconda volta la sorveglianza speciale un componente della famiglia dei Casamonica, che è stato arrestato nuovamente la scorsa notte.

“Sono uscito a comprare le sigarette”. Questo ha detto ai carabinieri un componente della nota famiglia dei Casamonica, quando è stato di nuovo arrestato per aver violato la sorveglianza speciale. Il fatto è avvenuto la notte scorsa a Roma, nel quartiere Romanina.

Un romano di 45 anni, appartenente alla famiglia dei Casamonica, sottoposto alle prescrizioni della sorveglianza speciale, si è allontanato durante la notte dalla propria abitazione. Non è la prima volta che accade. Già il 18 gennaio scorso, infatti, l’uomo era stato sorpreso dai carabinieri della Stazione Roma Tor Vergata a bordo della propria auto senza autorizzazione.

Sempre i militari dell'Arma della Stazione di Tor Vergata hanno bussato alla porta del 45enne anche la notte scorsa per fare un controllo. Ma nella sua abitazione di via Domenico Beccarini l’uomo non c’era, anche se sarebbe dovuto rimanere in casa dalle 21 alle 7.

I carabinieri sono rimasti appostati nei pressi della casa, vedendolo rientrare dopo circa 20 minuti di attesa. L’uomo, immediatamente fermato dai militari, ha cercato di dare una giustificazione al proprio comportamento, affermando di essere uscito a comprare le sigarette. Una motivazione che non è valsa ad evitargli l’arresto.

Come era già avvenuto il mese scorso, anche stavolta l’uomo è stato arrestato con l’accusa di violazione degli obblighi della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza. I militari dell’Arma lo hanno accompagnato in caserma, dove è stato trattenuto in attesa del rito direttissimo.