Concordia, indagati cinque componenti del cda di Costa

Le ipotesi di reato sarebbero in concorso con Schettino e gli altri imputati

Cinque componenti del cda di Costa Crociere sarebbero stati indagati in relazione al naufragio della Costa Concordia. Lo scrive l'Ansa, che ha appreso la notizia da fonti qualificate. Le ipotesi di reato per i membri del Cda, in cui siedono anche alti dirigenti di Carnival, società a cui Costa fa capo, sarebbero in concorso con i reati di cui vengono accusati il capitano Francesco Schettino e le altre persone già imputate nell'inchiesta sul disastro dell'isola del Giglio.

Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 20/05/2013 - 11:40

Ma cosa c'entra il Consiglio d'Amministrazione? Sulla nave chi comanda è il comandante. Forse perché, se qualche azione della Costa fa parte di un fondo d'investimento trattato da una società dal Presidente Berlusconi, 'sti "giudici", sono capaci di dargli ancora la colpa a lui...