Consip, indagato per depistaggio il numero 2 del Noe

Indagato per depistaggio il numero 2 del Noe, Alessandro Sessa. Era stato sentito a maggio come testimone informato dei fatti

Da testimone a indagato. È la parabola di Alessandro Sessa, vice comandante del nucleo operativo ecologico dei carabinieri.

Il numero due del Noe è ora accusato di depistaggio nell'ambito dell'inchiesta Consip. Era stato sentito come testimone sui fatti lo scorso maggio, ma oggi viene interrogato dai pm romani a piazzale Clodio. Secondo l'accusa, avrebbe depistato le indagini su Giampaolo Scafarto.

Quest'ultimo, capitano dello stesso nucleo, è indagato a sua volta perché avrebbe prodotto dei falsi nell'informativa che "incastrava" Tiziano Renzi e per la fuga di notizie che chiama in causa l'attuale ministro dello Sport, Luca Lotti, il comandante generale dell'Arma Tullio Del Sette e quello della Toscana, Emanuele Saltalamacchia. I pm capitolini ritengono che Sessa abbia riferito il falso su una circostanza allo scopo di ostacolare o sviare l'inchiesta.

Commenti
Ritratto di ...nonnaPina..

...nonnaPina..

Mer, 07/06/2017 - 16:12

cose che capitano nella repubbliQetta della p2p3p4pdpdl

releone13

Mer, 07/06/2017 - 16:18

.........oooops!!!!!!!!!!!!!!!!! qualcuno l'ha fatta fuori dalla tazza...........e queste sono le tanto beneamate FORZE DELL'ORDINE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ernestinho

Mer, 07/06/2017 - 16:28

E vai................!

Ritratto di sergio.stagnaro

sergio.stagnaro

Mer, 07/06/2017 - 16:48

In Italia, un indagato fa ancora notizia? Allora voi de Il Giornale pensate che l'affluenza alle urne sarà elevata.

paolonardi

Gio, 08/06/2017 - 06:20

Vietato toccare, con le elezioni vicine, il PD, la famiglia rignanese e gli amici dell'ex primo ministro che sbava dalla voglia di tornare a fare il ducetto per la definitiva distruzione del paese.