"Controllate gli assegni delle pensioni: errore di calcolo sulle rivalutazioni"

Ci sarebbero alcuni errori di calcolo sulle pensioni che dovrebbero essere integrate con il "decreto Poletti". Il legale: "Controllare gli importi"

Controllate il vostro assegno. Infatti a quanto pare ci sarebbero alcuni errori di calcolo sulle pensioni che dovrebbero essere integrate con il "decreto Poletti" che di fatto ha fissato la rivalutazione per gli assegni "bloccati" nel biennio 2012-2013. Qualche giorno fa la Consulta ha di fatto salvato la mossa del governo Renzi che ha restituito solo in parte ciò che spettava ai pensionati penalizzati dallo stop alle rivalutazioni. Con il semaforo verde da parte della Corte Costituzionale, di fatto vanno indicizzate al 100% gli assegni fino a 3 volte il minimo, al 40% quelli compresi tra 3 e 4 volte, al 20% quelli tra 4 e 5, al 10% quelli tra 5 e 6, zero per chi aveva pensioni di importi superiori a 3.100 euro lordi al mese. Ma a quanto pare alcuni pensionati non avrebbero nemmeno ricevuto la mini-perequazione che attendevano. E a segnalarlo è il legale dell'Aspes, associazione che difende i diritti dei pensionati, Celeste Collovati: "Attenzione, verificate se in concreto l’Inps ha applicato il bonus Poletti a tutti coloro a cui spetta perché a quanto pare non sempre è così.Un pensionato associato di Aspes percepente un importo lordo di Euro 1.485,32 nel 2011, non ha ricevuto quanto gli sarebbe spettato secondo il Decreto Renzi ovvero ad agosto 2015 avrebbe dovuto ricevere un importo pari ad Euro 711,00 (Bonus Poletti)". Cosa fare in caso di mancato rimborso? "È bene far effettuare una verifica sulla Vostra pensione affinchè possiate accertarvi che vi è stato corrisposto il bonus Poletti", ha spiegato la Collovati. Insomma date un occhio nel dettaglio al vostro assegno, potrebbe esserci un'amara sorpresa.

Commenti

moichiodi

Mer, 08/11/2017 - 10:47

Ovviamente è colpa di renzi. Anche se piove.

Ritratto di Flex

Flex

Mer, 08/11/2017 - 10:50

Ancora una volta gli errori della P.A. si scaricano sui cittadini pensionati. Non sarebbe il caso di licenziare i responsabili degli errori una volta tanto.

moichiodi

Mer, 08/11/2017 - 10:50

Istruttiva informazione: "la consulta aveva salvato la mossa di renzi". Grande giornalismo.

unosolo

Mer, 08/11/2017 - 11:12

perequazione ? se non hanno dato il dovuto a chi era previsto dove sono quei miliardi risparmiati in questi anni se il debito è salito e non poco?

mifra77

Mer, 08/11/2017 - 12:30

E' il colmo! la vittima deve chiedere al furfante di ricalcolare la percentuale che gli deve essere rimborsata per via di una sentenza e ritruffata per una seconda volta da Renzi, Poletti ed INPS .