Corona scrive dal carcere: "Ora basta, voglio giustizia, questa non è più una vita"

Le parole dell'ex re dei paparazzi lette durante In Onda su La7

"Che cosa mi hanno fatto? cosa sono riusciti a farmi? Non è giusto, è allucinante, è incredibile, è schifoso. Sono quasi 2 settimane che non esco più dalla cella, che non dormo più, che non vado più all’aria, che non partecipo più a nessuna attività, che non parlo più con nessuno, a malapena mangio, ho lo sguardo fisso e perso nel vuoto.! Mi muovo dannatamente all’interno del mio piccolo e sporco spazio ristretto con la sentenza in mano". Iniza così la lettera scritta da Fabrizio Corona e letta ieri sera durante la trasmissione In Onda su La7.

"Continuo a rileggerla, e impreco, sbatto la testa contro il muro, tiro pugni alla finestra.! Ma ora, dopo anche questo, sono disposto a morire per aver riconosciuta la mia giustizia, perché sia raccontata la verità dei fatti. Oggi, anzi ieri è toccato a me, ma domani potrebbe toccare a voi. Soltanto una settimana fa, dopo quasi 600 giorni di galera fatta ho scoperto che non solo ero stato condannato per estorsione, ma che l’estorsione è stata fatta, secondo i giudici di Torino, con metodo mafioso.! Mi hanno aumentato la pena in appello da 3 anni e 4 mesi a 5 anni, e condannato con un aggravante che dai dà ai criminali pericolosi, il famoso 628 comma 3 del codice penale, che è rapina: “quando la violenza o minaccia è commessa da più persone riunite o con armi” - reato ostativo - 4 bis - niente sconti per liberazione anticipata (75 giorni a semestre per regolare condotta), niente programma terapeutico rieducativo, almeno 5 anni in cella di sicurezza.!", scrive l'ex re dei paparazzi.

Che poi aggiunge: "La mia non è una sentenza di condanna esemplare, è una sentenza che vuole dare un esempio. Una giustizia che cerca di ricostruirsi un immagine a colpi di show giustizialisti. Ho fatto da incensurato 107 giorni di carcere preventivo in regime di massima sicurezza, in cella con quel Peppe Iannicelli - Boss delle Ndrine che hanno bruciato vivo insieme a quell’angelo di suo nipote, e quella carcerazione mi ha rovinato la vita. mi sono perso e sono diventato quello che voi avete creato. Non sono uno stinco di santo è vero, mi sono presso le mie responsabilità e come si dice qui in gergo: “mi sono fatto la galera”, ma non sono un criminale. E’ giusto e voglio pagare per gli errori che ho fatto. la mia fuga in Portogallo era solo un gesto di protesta per l’assurda e clamorosa sentenza di Torino!".

Corona infine conclude: "Mi hanno bollato in maniera perenne e perentoria denigrandomi ingiustamente. La vita è una sola e no si può marcire dentro una cella costretto a non fare nulla solo perché sei antipatico o hai pestato i piedi a qualcuno di troppo potente. Non mi possono anche vietare di “rieducarmi”. Non è giusto. E io ora dico basta. Voglio giustizia e sono pronto a sacrificare tutto. Anche la mia vita".

Commenti

Linucs

Ven, 08/08/2014 - 20:03

Nemmeno il miserabile Corona merita di essere dato in pasto alla bestiale macchina della "giustizia" italiana, roba da far rivoltare lo stomaco alle capre in Uganda.

mimic16-28

Ven, 08/08/2014 - 20:58

caro corona tu sei lunico vip che ai le palle passera tutto questo e teloaguro al piu presto poi ti togli le pietrine dalle scarpe a modo tuo un imbocco a lupo

nino47

Ven, 08/08/2014 - 21:17

Neanche quella che ti eri immaginata tu era una vita, caro mio!

leo_polemico

Ven, 08/08/2014 - 22:35

Preciso che Fabrizio Corona non gode delle mie simpatie. Credo però che la sua "condanna" sia stata voluta da giudici ammalati di "protagonismo", come, purtroppo succede spesso in Italia o per "dare un esempio", non capisco a che titolo. A parte le "estorsioni" con la "vendita di foto" nei confronti di noti personaggi, foto che i soggetti ritratti non avrebbero voluto essere state fatte, non risulta, da quanto letto, che si Corona sia macchiato di delitti di altro genere, nè che sia ricorso a photoshop o a un fotomontaggio. Da qui a condannarlo ad una pena superiore a quella di un assassino, mi sembra esagerato. Per quanto riguarda i personaggi pubblici, vittime del paparazzo, voglio aggiungere: se queste persone, più o meno famose, non volevano la foto incriminate bastava fossero state "più riservate" nei comportamenti, giudicati riprorevoli dagli stessi soggetti, o, ancor più semplicemente, "non commettere la colpa" fotografata: sapevano di averla commessa e, quindi, erano disposte a pagare un conto salato, pur di farne scomparire le prove.

Aldabra

Ven, 08/08/2014 - 23:26

ha ragione. non mi è simpatico,sicuramente ha fatto le sue cazzate ma non puó pagare solo lui. i veri delinquenti stanno fuori e lui dentro. mah.....

Marcolux

Sab, 09/08/2014 - 02:47

Finalmente qualcuno in Italia che finisce in galera per i propri crimini. E' quasi incredibile, ma è così! Forse per questo il bulletto delinquente non riesce a darsi pace. Ma come, gli altri sono tutti fuori, e io qui dentro a marcire! Ma che giustizia è? Anch'io sono un po' sorpreso, ma forse ne hai combinate veramente troppe, e credevi di essere invulnerabile e di poterti permettere tutto. Non era così. Ora in galera ci devi marcire. Forse fra 7 anni quando uscirai, abbasserai la cresta e la spocchia. Magari continuerai a fare il delinquente perchè sai fare solo quello, ma non sarà più come prima, mai più.

Ritratto di HEINZVONMARKEN

HEINZVONMARKEN

Sab, 09/08/2014 - 08:26

CORONA NON MI è DI CERTO SIMPATICO: FANFARONE SINCHè SI VUOLE, MA SE RILASCIANO IL RUMENO UBRIACO CHE GUIDA SENZA PATENTE E AMMAZZA ALCUNE PERSONE, PERCHè LUI DEVE STARE IL GALERA TANTO TEMPO? LA GALERA NON SI DA PER ANTIPATIA

panichipanelli59

Sab, 09/08/2014 - 08:41

Questo individuo non cambierà mai quindi lasciatelo dentro e buttate le chiavi.

fabrizio de Paoli

Sab, 09/08/2014 - 08:45

Dal mio punto di vista Fabrizio Corona ha tutte le ragioni per essere schifato ed indignato da questo sistema che non ammette persone libere. Cos'ha fatto di male? Nulla. Si è mosso liberamente in un mercato che però libero non è, ha individuato debolezze ed ipocrisie di sistema e da buon imprenditore ha visto opportunità per trarne beneficio. Per questo è stato punito. Il sistema non ammette comportamenti eversivi, tanto meno da chi come lui gode (perché si è costruito) una certa visibilità. È per questo che Corona fa paura, potrebbe passare il messaggio che agire da uomini liberi in modo PACIFICO sia qualcosa di tollerato dal sistema. E questo non deve accadere perché il sistema rivelerebbe tutta la sua inconsistenza e falsità. Se non ci siamo mai posti il problema di chiederci "perché Fabrizio Corona è in galera", forse sarebbe il caso di farlo. Nel farlo arriveremmo alla conclusione che non dovrebbe essere lì poiché non ha né rubato, né fatto male a nessuno, né tantomeno ucciso qualcuno. Se volete dargli delle colpe non potrete trovare altro del fatto che abbia cercato di farsi pagare da gente ipocrita il "diritto di essere ipocrita". Moralmente non ha peccato alcuno. E se anche dovesse rimanere in galera nessuno potrà distrarci da questo fatto: ABBIAMO CAPITO CHE SIAMO TUTTI IN PERICOLO. Quindi in termini di "utilità" nostra, l'ingiustizia che Corona sta subendo non deve andare sprecata, ci può essere utilissima ad aprire gli occhi ed eventualmente sputarci in faccia se non riteniamo che la libertà di un innocente sia un valore assoluto da difendere ad oltranza. Fabrizio Corona, sappi che anche se in questo momento sei isolato, NON SEI DA SOLO, e lo schifo che stai provando tu lo sta provando sempre più gente che ha deciso di iniziare a pensare con la propria testa. Un saluto .

Ritratto di indi

indi

Sab, 09/08/2014 - 09:22

Caro Fabrizio non dovevi svelare la vera natura di OPAL! I potenti non amano essere sputtanati pubblicamente. Si vendicano, mai platealmente, è poco elegante! Come sempre è avvenuto, meglio il gladio dei giudici. In apparenza legittimo ma in ogni epoca asservito al volere dei potenti. Gladio dolorosissimo nel tuo caso, ma tu devi conservare la tua lucidità e meditare la rivincita ispirandoti a Edmond Dantes.

Ritratto di nowhere71

nowhere71

Sab, 09/08/2014 - 09:57

caro Fabrizio, hai pestato i piedi a qlc potente, lo sai che poi te la fanno pagare

Ritratto di indi

indi

Sab, 09/08/2014 - 10:58

@Marcolux - Ti sei accorto di essere l'unico squilibrato (nel giudizio) dei commentatori? Scommetto che sei iscritto alla Facoltà di giurisprudenza all'UNI di Torino, sei tifoso della Juve e ami la FIAT, ex Fabbrica Italiana Automobili Torino. Cambia Nazione appena possibile Fabrizio, se questo diverrà giudice, t'inquisirà perché emetti anidride carbonica dopo ogni respiro.

Ritratto di frank60

frank60

Sab, 09/08/2014 - 19:37

tu devi conservare la tua lucidità e meditare la rivincita...poi tra circa 7-8 anni quando uscirai....................

Lino.Lo.Giacco

Dom, 10/08/2014 - 14:30

altro esempio di pessima giustizia se altri avessero pagato con la stessa misura per i reati commessi nessuno avrebbe da ridire. Ma siccome in italia nemmeno chi ha trucidato e ucciso 10 esseri umani e' stato condannato con daterminazione come corona effettivamente lascia perplesso la durezza della condanna