Corruzione in atti giudiziari, arrestato un giudice del Tar

Sette arresti a Roma. Franco Angelo Maria De Bernardi riceveva soldi dall'avvocato Matilde De Paola per nominarla quale difensore in procedimenti davanti al Tar del Lazio

Riceviamo e pubblichiamo:

Con riferimento alla vicenda di cui all’articolo in oggetto, Vi significhiamo che la società ICS Grandi Lavori Spa, si dichiara estranea ai fatti che hanno portato all’arresto del Magistrato Franco De Bernardi e dell’Avvocato Matilde De Paola.

La società è a disposizione della Magistratura per quanto dovesse occorrere ai fini di una più puntuale ricostruzione dei fatti.

Per quanto attiene alle informazioni divulgate in ordine alla gara indetta da Roma Capitale relativa al c.d. Ponte della Scafa, Vi precisiamo che il Tar non si è ancora pronunciato sulla fondatezza del ricorso proposto dalla scrivente Società ed ha anzi rimesso ad un CTU la valutazione degli aspetti tecnici della questione.

Maxi blitz nella Capitale. Questa mattina i carabinieri del Noe hanno arrestato sette persone, su richiesta della procura di Roma, con l’accusa di corruzione in atti giudiziari. A finire in manette, fra gli altri, il giudice del Tar del Lazio Franco Angelo Maria De Bernardi, l’ex presidente della Banca Popolare di Spoleto Giovannino Antonini, l’avvocato Matilde De Paola e l’uomo d’affari Giorgio Cerruti. Nell’inchiesta risultano indagati anche gli ammiragli della Marina Marcantonio Trevisani e Luciano Callini. Il magistrato avrebbe emesso "sentenze ad hoc" e, per questa sua attività, avrebbe avuto denaro.

De Bernardi era già stato coinvolto nel maggio scorso in una vicenda giudiziaria della procura di Palermo legata all’attività di riciclaggio e abusiva attività finanziaria. Adesso il pm della procura capitolina Stefano Pesci, che ha firmato tre ordinanze di custodia cautelare in carcere e quattro ai domiciliari, gli contesta il reato di corruzione in atti giudiziari. In particolare, come scrive il gip nell’ordinanza di custodia cautelare, il giudice del Tar del Lazio avrebbe siglato un accordo con l’avvocato De Paola "in base al quale quest'ultima si impegnava a corrispondere al giudice del Tar somme di denaro quale compenso per il compimento di una serie di atti contrari ai doveri d’ufficio consistenti di volta in volta, nell’accordarsi con parti processuali in ordine alla nomina della stessa De Paola quale difensore in procedimenti davanti al Tar del Lazio". Stando all’impianto accusatori, De Bernardi e De Paola avrebbero operato su due ricorsi presentati dagli ammiragli. "I ricorsi sono curati da De Bernardi per mezzo dello studio De Paola - si legge nell’ordinanza - per la sua attività il giudice ha percepito dall’avvocato un compenso 'mascherato' per circa 10mila euro da una fattura emessa da Mandija Evis". Nell’ordinanza si cita una intercettazione dalla quale De Paola indica i diversi compensi richiesti per i procedimenti trattati precisando addirittura le modalità di versamento e sottolineando l'esigenza di giustificare l'emissione di una fattura in favore di Mandija Evis per la corresponsione al giudice degli importi dovutigli per la sua collaborazione nei ricorsi dei due ammiragli.

C’è anche il costruttore Claudio Salini, dell’omonima impresa edile, tra gli indagati per corruzione coinvolti nell’inchiesta sui ricorsi pilotati al Tar del Lazio. Secondo l’accusa contenuta nell’ordinanza cautelare, il giudice amministrativo Franco De Bernardi e l’avvocato Matilde De Paola, a partire dallo scorso marzo, "accettavano, per il tramite di Francesco Clemente (agli arresti domiciliari, ndr), da ICS Grandi Lavori spa (riconducibile al Gruppo facente Capo a Claudio Salini e quindi di fatto riferibile ad attività di controllo di quest’ultimo) la promessa del pagamento di imprecisate somme di denaro".

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 22/07/2013 - 10:02

vedremo se ci sono prove (magari inventate) oppure per lui ci saranno aiuti da amici magistrati....:-)

a.zoin

Lun, 22/07/2013 - 11:07

Ma questa Magistratura??? Ci sono anche magistrati onesti ??? Oppure vogliono essere più ricchi di Berlusconi ???

LAMBRO

Lun, 22/07/2013 - 11:40

Tutti DURI e PURI ma anche loro hanno la BOCCA SOTTO IL NASO! e NON SONO INFALLIBILI ! possono vantare l'ONNIPOTENZA?

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Lun, 22/07/2013 - 11:51

Benissimo, dimostrata, con questo caso, l'indipendenza dei giudici, visto che arrestano qualsiasi colpevole, è ora di smettere di criticarli e di accettare le loro sentenze.

Lino.Lo.Giacco

Lun, 22/07/2013 - 11:51

Purtroppo i magistrati onesti ci sono stati Adesso sono sottoterra e quelli che vivono ancora stanno attenti a non finirci Gli altri sono quelli che c'e li mandano

igiulp

Lun, 22/07/2013 - 12:30

Anche i giudici del Tar "tengono famiglia"?. Caxxo !

coccolino

Lun, 22/07/2013 - 12:44

per unoche ne arrestano...quanti continuano a operare?

LAMBRO

Lun, 22/07/2013 - 13:08

Pensavo che certe sentenze fossero ormonali...ma sono peggio: sono mercificate. La dimostrazione è conclamata e potrebbe rivelare una moda latente.

gumisiad

Lun, 22/07/2013 - 13:26

sicuramente opera di comunisti!

gumisiad

Lun, 22/07/2013 - 13:26

sicuramente opera di comunisti!

rossono

Lun, 22/07/2013 - 13:40

Mi chiedo che fine hanno fatto tutti quei milioni dati con molta leggerezza alla tessera n.1 del PD?

epesce098

Lun, 22/07/2013 - 13:53

luigipiso - Infatti è già da un pò che abbiamo smesso di accettare le loro sentenze. Grazie comunque per il suggerimento!!!

gian paolo cardelli

Lun, 22/07/2013 - 14:10

Luigipiso, ovvero lo stereotipo del suddito pecorone che, se non gli danno l'illusione che esiste un ente superiore cui credere ciecamente, si mette a frignare come un "ragazzino di undici anni" (...). Per lui, visto che i "politici" a cui credeva ciecamente si sono dimostrati degli emeriti cialtroni, adesso è il turno della Magistratura a dover apparire come l'ente infallibile, ed a nulla vale fargli presente che è universalmente considerata la peggiore del Mondo occidentale: e' la piu' numerosa, la più irresponsabile e la piu' lenta in assoluto... ma guai a toglierli il "dio": e dopo che giele asciuga la lacrime?

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Lun, 22/07/2013 - 14:41

Mmmmm allora i magistrati non sono tutti santi!ma guarda!!mi viene in mente Milano ed i suoi famosi pm e procuratori come Boccassini,Sangermano,Bruti Liberati e compagnia bella

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Lun, 22/07/2013 - 14:42

"luigipiso" episodi simili di giustizia onesta succedono una volta ogni 10 anni se tutto va bene

Ritratto di antonio vivaldi

antonio vivaldi

Lun, 22/07/2013 - 14:52

Peccato, un giudice giusto che poteva occuparsi del caso Ruby...

unosolo

Lun, 22/07/2013 - 15:12

questa non è teoria , manco un teorema , questa è realtà . quando non sono basati su teoremi che ben vengano .

Fracescodel

Lun, 22/07/2013 - 15:22

@luigipiso: mi sembra piuttosto che la Magistratura tenti di sanzionare, regolare, e riportare sotto le linee di regime quella parte, il TAR, che effettivamente e' ancora indipendente e motivato da vera giustizia.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Lun, 22/07/2013 - 15:24

@gian paolo cardelli Perdinci!! Sei uno psicologo introspettista. E chi lo immaginava!! E' vero, ha nulla vale farlo capire finquando è è universalmente riconosciuto che il centro destra italiano è il la peggiore del Mondo occidentale, per cui l'ultimo baluardo a difesa è la Costituzione e la magistratura. @Dr.Dux 87 Speriamo che ogni 20 anni qualche altro vada in galera liberando la nazione.

Ritratto di Nazario49

Nazario49

Lun, 22/07/2013 - 15:38

La cosa che sorprende non è che un giudice delinque, è un uomo come altri, ma che lo faccia x pochi spiccioli e x telefono.

volp

Lun, 22/07/2013 - 15:44

Neanche una riga di commento. Siete i soliti prezzolati, per non ammettere che anche i giudici vanno in galera. Altro che giornalisti, in America sareste al l'angolo della strada con il cappello in mano

angelomaria

Lun, 22/07/2013 - 15:48

poi viglio vedere chi non dice che c'e' dl marcio nel nostro sistema giudiziario dal fare niente ora hanno lal loro crociata distruggere chi puo' l'unico che puo'farci risorgere SILVIO

gian paolo cardelli

Lun, 22/07/2013 - 15:55

Lugipiso: vede, io le ho citato dei fatti riconoscituti in tutta Europa (tranne che presso di lei), lei non ha trovato di meglio che ripetere a pappagallo un mantra propagandistico di chi la sta prendendo per i fondelli da quando si e' messo ad occuparsi di politica. Le sua indole di suddito pecorone incapace di argomentare senza qualcuno che la imbocchi ne esce ulteriormente confermata.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 22/07/2013 - 15:57

un giudice che intasca solo di stipendio 5 volte più di un operaio e agisce come un delinquente? puzza di bruciato! forse faceva ombra su qualcuno? forse dava fastidio a qualche collega?

killkoms

Lun, 22/07/2013 - 16:48

è solo mla punta di un iceberg talmente grande,che a confronto quello che fece affondare il titanic ci farebbe la figura del cubetto do ghiaccio!

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Lun, 22/07/2013 - 17:00

@gian paolo cardelli Mi ha definitivamente stroncato, distrutto. l'ennesimo di questo blog, ma che io faccia politica è una sua invenzione. Mi sbagliavo, non è uno psicolgo, bensì un giudice introspettivo. Dovreste contare di più nella vita. Invece... Ma nà, ma nà, dudu ru dudù!!!!

cicero08

Lun, 22/07/2013 - 17:16

Una mela marcia non fa certo ...primavera. per i giudici che certo non sono tutti deviati va comunque varato kl provvedimento sulla responsabilità civile e senza ulteriori ritardi o infingimenti..

gian paolo cardelli

Lun, 22/07/2013 - 17:53

Luigipiso: vedo che, oltre a quanto già ascrittole, non sa nemmeno leggere l'italiano; secondo questa lingua "occuparsi di politica" NON E' sinonimo di "fare politica": la prima locuzione sottende quello che stiamo facendo qui, la seconda quello che stanno facendo i "politici"... complimenti per la preparazione: coerente con tutto il resto, in fin dei conti.

Triatec

Lun, 22/07/2013 - 18:18

Ora è evidente che un giudice può emettere sentenze ad hoc. Guai a criticare. I soliti tromboni si alzano a difesa con la tipica frase: le sentenze si rispettano non si commentano. Viva l'Italia.

gianfran41

Lun, 22/07/2013 - 18:40

No, non è possibile. La Magistratura è incorruttibile quindi questo articolo è stato scritto al solo scopo di gettare fango sulle toghe... Ma va la, i magistrati sono come tutti gli altri ed in alcuni casi, anche peggio degli altri. Quindi ben venga la riforma della giustizia in modo che anche loro rispondano penalmente delle loro male azioni! Mi sembra ovvio, no?

killkoms

Lun, 22/07/2013 - 20:05

@lambro,basti pensare a quello che faceva il defunto zio della rossa,che si vendeva le sentenze al tavolo del poker!!