Così Esselunga "rivoluziona" il lavoro di domenica

L'azienda ha siglato un accordo coi sindacati: via alla programmazione trimestrale su base volontaria

Giusto o no lavorare di domenica? Mentre si discute sull'annosa questione sono sempre più i centri commerciali e i supermercati che restano aperti anche di domenica per attirare più clienti. Tra le polemiche dei dipendenti che preferirebbero restare a casa in un giorno festivo.

Ma all'Esselunga è stato finalmente raggiunto un accordo sindacale che prevede in via spetimentale una programmazione trimestrale del lavoro domenicale su base volontaria, "in un'ottica di attenuazione dei carichi di lavoro in capo ai dipendenti e di miglioramento dell'efficienza organizzativa e della produttività aziendale". L'intesa è valida per un anno dal primo maggio 2016 ed è stata siglata Fisascat Cisl, Filcams Cgil, Uiltucs e direzione di Esselunga.

La programmazione dovrà comunque prevedere 22 domeniche lavorate per gli addetti dei reparti DroGem e 24 prestazioni domenicali per gli addetti degli altri reparti. L'accordo regola anche le maggiorazioni per il lavoro domenicale e festivo in vigore dal 1° gennaio 2016 con la previsione di sette fasce di trattamento economico, di miglior favore rispetto a quanto previsto dal contratto nazionale, dal 30% all'80% rapportate al numero di prestazioni effettuale dalla prima alla 28esima ed oltre le 29esima giornata lavorata. Rispetto alle previsioni dell'integrativo aziendale, 6 domeniche di riposo domenicale per i full time e 4 per i part-time, l'intesa prevede che il 50% delle giornate di riposo domenicale possano essere concordate a livello territoriale o di singola filiale. Si potranno inoltre concordare 2 giornate di riposo consecutivo di sabato e domenica ogni 10 domeniche di lavoro effettuate.

Esclusi dalla programmazione del lavoro domenicale i genitori padri o madri di bambini con età inferiore a 3 anni e i lavoratori che assistono portatori di handicap o affetti da patologia grave e continuativa. Sul mercato del lavoro l'intesa introduce la possibilità per 120 lavoratori part-time a tempo indeterminato di incrementare l'orario di lavoro settimanale aggiungendo la domenica tra le giornate contrattualmente previste.

Soddisfatta la Fisascat. "Si tratta di una intesa innovativa in un gruppo che ha resistito alla crisi degli ultimi anni. E rappresenta un primo passo per ristabilire un percorso di proficue e corrette relazioni sindacali e pone le basi per il rinnovo del contratto integrativo scaduto nel 2007", commentano ad una sola voce il segretario nazionale della Fisascat Ferruccio Fiorot e il segretario generale Pierangelo Raineri.

Commenti

Giorgio5819

Lun, 25/01/2016 - 17:49

Caprotti sempre un passo avanti, esempio di imprenditorialità sana, vera, concreta, pulita. Cloniamo Caprotti, ne servirebbero una ventina almeno da spalmare nei ministeri più importanti.

Ritratto di venividi

venividi

Lun, 25/01/2016 - 18:00

L'esselunga è sempre e dappertutto (con pochissime eccezioni perché nessuno è perfetto) stata un'azienda di qualità, sia di quello che vende - compresi i prezzi - che di chi ci lavora. Noi clienti ci accorgiamo quando le persone sono soddisfatte.

Ritratto di marione1944

Anonimo (non verificato)

Ritratto di El Presidente

Anonimo (non verificato)

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Lun, 25/01/2016 - 19:18

CHISSA' I COMUNISTI DELLA COOP COSA NE PENSANO....

giovanni951

Lun, 25/01/2016 - 20:10

io resto della idea che supermarket e centri commerciali dovrebbero stare chiusi di domenica.

rawing

Lun, 25/01/2016 - 20:37

Meditate ottusi sinistroidi, fare imprenditoria seria alla fine paga, ecco la dimostrazione di chi crea lavoro e fiducia, prendete esempio altro che fanfaroni politicanti mistificatori nullafacenti attaccati alle poltrone e basta altrimenti mi arrestano.

mou

Lun, 25/01/2016 - 21:41

I sindacati che trattano con un avanzo di galera come Capriotti....Andasse a zappare la terra quel fior di pregiudicato

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Lun, 25/01/2016 - 22:26

La vera colpa di Caprotti è di aver creato meno posti di lavoro, di quanti sinistra e sindacati ne abbiano distrutti...

maleo

Mar, 26/01/2016 - 08:13

Caprotti for ever!

epc

Mar, 26/01/2016 - 08:26

@mou: guardi che Caprotti non è mai stato in prigione...... Forse si confonde con qualcuno conosciuto da lei in galera? Che so, un compagno di cella?

FRANZJOSEFVONOS...

Mar, 26/01/2016 - 09:11

E' INUTILE DIRE CAPRIOTTI E' IL MIGLIORE. SI SPERA CHE DOPO DI LUI GLI EREDI NON RIPETANO IL DETTO: UNA GENERAZIONE COSTRUIRE LA SECONDA INGRANDISCE LA TERZA DISTRUGGE. CAPRIOTTI E' UN GRANDE DELL'ECONOMIA ITALIANA. MA I PRESIDENTI DELLA REPUBBLICA SINISTRI O CATTOCOMUNISTI HANNO DATO LA MEDAGLIA DI CAVALIERE DEL LAVORO MERITATISSIMA A CAPRIOTTI? OPPURE SONO INCAZZATI PERCHE' HA ROTTO RENI (PARDON LE OSSA) ALLA COOP NELLE REGIONI INDEGNAMENTE GOVERNATE DAI SINISTRI? NON SONO UN IMPIEGATO DI CAPRIOTTI

FRANZJOSEFVONOS...

Mar, 26/01/2016 - 09:14

LANZI MAURIZIO E' CHIARO HANNO IL CETRIOLO E SANNO DOVE METTERSELO

Ritratto di centocinque

centocinque

Mar, 26/01/2016 - 09:17

Come si dimostra che con intelligenza e buona volontà si superano anche i falsi problemi.

roseg

Mar, 26/01/2016 - 11:12

mou assicurarsi sempre che il cervello sia attivo prima di usare la tastiera.

Marcuzzo

Mar, 26/01/2016 - 12:31

Comunico ai signori ignoranti Roseg e Epc che ha ragione il sig. Noi. Bernardo Capriotti, nel 1996, ha patteggiato una condanna per tangenti alla Guardia di Finanza. Tanto dovevo per principio di verità .