Così l'ex rugbista disegna (robuste) giacche a vento

Sport e chic di Alessio Fioroni: ripropone le cuciture a contrasto con i numeri delle squadre su borse e capispalla

«Hai dato il massimo, oggi?» Si dice sul campo da rugby. Ma ce lo diciamo anche noi, a fine giornata o al termine di un impegno. Così Alessio Fioroni, ex rugbista e presidente del Rugby Perugia, applica lo stesso motto, da un paio d'anni, alla sua nuova attività. Di imprenditore creativo. Di progettista di abbigliamento sportivo. E, in un battibaleno, è già qui a lanciare la terza collezione. Cominciamo dal nome. Il brand è Solasiè, anagramma di Alessio con un accento musicale sul finale. Per ingraziarsi i francesi? Non sembra ce ne sia bisogno: subito dopo il battesimo, i suoi capi erano già esposti nelle vetrine della Costa Azzurra. Giubbotti, parka e borse sono i cavalli di battaglia ma anche felpe, maglie, pantaloni e t-shirt.

Resistenti dovranno esserlo per forza ma, questa volta non è un modo di dire. «Ho voluto proprio rifarmi al mondo del rugby, uso spesso i numeri applicati su patch sul dorso dei giubbotti. Una volta non esisteva l'abbigliamento tecnico e le vecchie maglie da rugby, rigorosamente in jersey con toppe in gabardina, rischiavano di uscire col numero strappato dalle colluttazioni, per questo si usava impunturare a croce i numeri, per renderli ultra-resistenti. Oggi questa impuntura a croce è diventata simbolo del mio marchio». All'inizio Solasiè aveva debuttato con una collezione per la casa, tessuti, coperte, cuscini. «Non ho rinnegato questa fase, coperte e cuscini continuano a rappresentare un nostro filone, in cotone rigato o jersey melange a costine, talvolta con i numeri delle squadre in evidenza. A queste linee essenziali abbiamo aggiunto le borse e i capispalla».

Ed ecco i giubbotti, per lui e per lei, sopra la vita. O i parka e le giacche a vento, più lunghi. Un po'impermeabili, un po' husky, perfetti per la metropoli e per il fine settimana. «Per il prossimo inverno abbiamo sposato la contraddizione, la giacca è reversibile, bi-color ma anche a doppio stile» spiega Fioroni. L'emblema della collezione è l'anima dello sportivo, rude e gentile, discreta e irriverente. Da un lato si esibisce una giacca a vento color canna di fucile, sportiva-elegante-sobria, dall'altro, la stessa giacca si accende di rosso, con impunture e numero sulla schiena a contrasto. I materiali sono una sorpresa, l'husky è trapuntato di neoprene e il blazer double è in jersey di lana infeltrita accoppiata al nylon, ne esistono versioni di diversi pesi. Sull'abito formale ben si adattano le giacche o gli accessori colorati. Le tinte a contrasto ritornano anche nella collezione da donna. Sì allo stile collegiale-sportivo, elegante-pratico. Tessuti e manifattura sono italiani, da Umbria, Toscana e Lombardia i primi, mentre l'azienda ha sede a Perugia in una limononaia all'interno di un parco a tre chilometri dal centro storico. Sempre a Perugia, Fioroni, oltre a presiedere il Rugby Perugia è anche vicepresidente Umbria della Federazione italiana di Rugby e membro di giunta del Coni regionale. Presto anche acquisti online su www.solasie.com