"Così tre romeni hanno massacrato mio padre. Non li farò vivere"

Il giudice non gli ha potuto dare l'ergastolo perché non ha ritenuto valide le aggravanti della crudeltà, dei futili motivi

“Quei tre lo hanno massacrato e io gli ho giurato che non vivranno fuori dal carcere”. Simone Giacomoni, il secondo dei sette figli di Lucio, il medico ucciso nella sua casa di Mentana il 23 gennaio dello scorso anno da tre romeni, racconta al Tempo la tragica fine di suo padre.

“Quella notte mia sorella mi ha chiamato alle tre. ‘Simone, papà, papà’, ripeteva. Mi sono alzato, ero in pigiama, scalzo e in quel modo sono corso a casa di mio padre, a tre chilometri dalla mia. Ho aspettato le sette di mattina, fuori a quella villa che tanto aveva voluto e che in un anno è stata profanata dai ladri dieci volte. Volevo vederlo, salutarlo”, dice il secondogenito di Lucio Giacomini. Il figlio, parlando degli assassini, dice: “Sono dei vigliacchi, lo hanno aggredito in tre, di notte, dopo aver staccato la luce dal contatore elettrico. Mihai (Alexandru Ionel n.d.r.) è una persona che mio padre ha aiutato, ha dormito da lui, aveva un problema al ginocchio e lo ha fatto visitare da un luminare. Adesso in aula piange, ma è lui, ex campione europeo di kickboxing, ad avergli dato il primo pugno”. Il figlio è sicuro“Io non perdono. Se questi tre tornano in libertà, in cella entro io”.

Uno degli avvocati difensori è arrivato a dire che tutto sommato non suo padre non è stato picchiato forte e questo ha provocato un diverbio col Giacomini e i carabinieri li hanno dovuti dividere. “Forse le foto del cadavere non le ha viste. Me lo hanno massacrato, - racconta il figlio della vittima - buttato in bagno, colpito a calci sulle costole, alla schiena, gli hanno sbattuto la faccia a terra più e più volte. Tant’è che è morto”. I tre romeni hanno aggredito anche una ragazza moldava che abitava con loro e le hanno detto "Lucio Giacomoni doveva morire, perché era un nostro nemico”, riferisce il figlio che ormai crede poco nella giustizia. Secondo lui tutti hanno “diritto a essere difesi, non a scegliersi gli avvocati Tra l’altro pagati a spese di noi contribuenti”. Buduca, (Daniel Alexandru n.d.r.), infatti, è stato condannato a luglio con rito abbreviato ma “non ha ricevuto l’ergastolo perché il giudice non ha ritenuto valide le aggravanti della crudeltà, dei futili motivi”. La cosa agghiacciante è che quello stesso giudice si è poi scusate con i figli della vittima a cui "ha detto di aver ricevuto una direttiva del Ministero perché la pena massima a ragazzi di 25 anni incensurati non si può dare”. “Gli ho scritto una lettera per dirgli che è un vigliacco, come lo Stato. Neanche l'ergastolo è abbastanza”, conclude Simone Giacomini.

Commenti

paolonardi

Ven, 29/04/2016 - 12:37

Simone ha tutto il mio affetto e la mia comprensione contro questa giustizia malata di sinistro buonismo.

Marzio00

Ven, 29/04/2016 - 12:41

Lo ripeto: l'assenza dello Stato apre pericolosi scenari di anarchia dove il cittadino si sente in diritto e dovere di farsi giustizia da sé! Vogliamo arrivare al Far West dove tutti avranno un'arma e potranno regolare gli sgarri al momento? Non mi sembra che queste sentenze aiutino a far crescere e consolidare uno Stato di diritto.....

uberalles

Ven, 29/04/2016 - 12:47

Niente, niente, una sciocchezza, che volete che rappresenti una vita italiana, tanto poi andiamo a prenderli in Africa e con quello si pareggia il conto. E'solo una registrazione di partita doppia: un morto ammazzato a pugni in Italia, un barcone di cialtroni preso chissà dove e con questo siamo in attivo: perché lamentarsi?

Dordolio

Ven, 29/04/2016 - 13:18

Ah, c'è la direttiva ministeriale... Senti senti.... E tutte le menate che ci propinano allora sulla cosiddetta indipendenza della magistratura? Tutti zitti eh? Tutti sotto coperta, vero? Tutti pesci in barile, giusto?

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Ven, 29/04/2016 - 13:32

Ennesima conferma di una magistratura indecente, sempre pronta a cogliere cavilli in favore dei delinquenti e a scagliarsi con tutti i mezzi contro le vittime e contro chi cerca di difendersi come può.

katy61

Ven, 29/04/2016 - 13:38

Dordolio....simpatico...hai perfettamente ragione colto il punto.

Libertà75

Ven, 29/04/2016 - 13:46

Mando un abbraccio a Simone Giacomini.

Una-mattina-mi-...

Ven, 29/04/2016 - 14:05

UN PAESE CHE NON RISPETTA I SUOI FIGLI NON MERITA RISPETTO. E poi ci dicono di affidarsi alla "giustizia"...

Ritratto di leno lazzari

leno lazzari

Ven, 29/04/2016 - 14:08

Conoscevo il dottore . Una persona che faceva del bene spesso senza alcun compenso. Come a quell'animale che l'ha ucciso . Fiducia mal riposta. Viene da dar ragione a chi dalle mie parti e generalizzando se la piglia coi rumeni in generale . Maledetto questo stato e questa SX perbenista maledetti . Non si può avere comprensione per chi delinque e poi tollerare che anziani a 400 Euro al mese siano costretti a far ricorso alla mensa dei poveri per non fare la fame .

Ritratto di Ventoverde

Ventoverde

Ven, 29/04/2016 - 14:33

Tutta la mia solidarietá a Giacomoni!

FRANZJOSEFVONOS...

Ven, 29/04/2016 - 14:40

CHE SCHIFO DI ITALIA DI MINISTERO NON SI PUO' DARE 25 ANNI. PER QUESTO I RUMENI CHE CONOSCO E SONO IN ITALIA SONO MERAVIGLIATI SCONCERTATI DELLA LEGGE E MAGISTRATURA CHE C'E' IN ITALIA. VENITE IN ROMANIA E VEDETE COME AGISCE LA POLIZIA RUMENA. VOI SIETE DEBOLI CON I PREGIUDICATI DICONO. HANNO RAGIONE HO RISPOSTO GRAZIE ALLA SINISTRA CHE GOVERNA E ALLA DITTATURA COMUNISTA IN ITALIA. HO AGGIUN TO ANCORA C'E' LA CHIESA CATTOLICA CHE CON POLITICI CATTOCOMUNISTI HANNO RIDOTTO L'ITALIA AD UNA CLOACA E CESSO. PER QUESTO HO DATO I MIEI SOLDI DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI ALLA CHIESA ORTODOSSA. E A DON FRANCESCO UNA PERNACCHIA.

FRANZJOSEFVONOS...

Ven, 29/04/2016 - 14:42

DIRETTIVE MINISTERIALI E' LA PUI' GRANDE CAZZATA DEL MONDO. C'E' IL CODICE PENALE LO DOVEVANO APPLICARE ALLA LETTERA O ALL'ARTICOLO CON COMMA. IL MINISTERO O IL MINISTRO CHE E' RESPONSABILE NON HA FATTO ALTRO CHE RENDERSI COMPLICE PER ALTRI REATI IN ITALIA. CON LA GIOIA DELLA SINISTRA

Ritratto di a-tifoso

a-tifoso

Ven, 29/04/2016 - 15:12

@leno lazzari, ore 14:08. Lei ha dimenticati di fare il confronto con i 900 euro al mese (30 euro al giorno) dati agl'invasori, più del doppio dei 400 euro da lei indicati.

il corsaro nero

Ven, 29/04/2016 - 15:17

@uberalles: sono romeni, dunque appartenenti all'unione europea, che diavolo c'entrano i barconi?

il corsaro nero

Ven, 29/04/2016 - 15:19

Caro Simone, hai tutta la mia comprensione!Ciò che non capisco è la storia della circolare del Ministero! Ma i magistrati non parlano sempre e in continuazione dell'indipendenza della magistratura? O la tirano in ballo solamente quando gli fa comodo?

gneo58

Ven, 29/04/2016 - 15:41

concordo in toto con il sig. Giacomoni - io farei lo stesso.

Pinozzo

Ven, 29/04/2016 - 16:12

Quindi in definitiva quanto gli hanno dato a 'sti criminali? uberalles, questi non venivano coi barconi, erano tre rumeni. 'sta cosa della direttiva ministeriale poi mi pare poco chiara.

Ritratto di RomenoXPunizioneGiustizia

RomenoXPunizion...

Ven, 29/04/2016 - 19:35

Il vecchio dottore faceva sesso con la donna di Buduca , una ragazza di 20 anni quando i tre son arrivati. Un vecchio signore di 72 anni con una ragazzina, comprava il suo corpo con tanti regali e tanti soldi . Solo il fidanzato della ragazza ha colpito il vecchio. Ci dispiace ma voi che parlate di "giustizia da se stessi" non vefete che appunto sto tupo di giustizia ha spinto il fidanzato a questo omicidio passionale.

salvatore40

Ven, 29/04/2016 - 21:15

Ormai siamo alla complicità vera e propria a favore e sostegno del crimine e del criminale. Guardiamo in faccia alla realtà. Siamo allo sbando. Si dice che esiste la fuga dei cervelli migliori all'estero. A quando la fuga degli italiani onesti da questa italietta da quattro euro !