Il costruttore-eroe di Amatrice: "Ho fatto sempre case solide"

Ad Amatrice il 90enne Saro Rubei ha costruito circa 80 case che hanno retto tutte al sisma del 24 agosto scorso e i suoi concittadini lo hanno ringraziato

In molti lo ringraziano per aver salvato loro la vita. Saro Rubei, 88 anni, nella vita ha fatto il macellaio, il coltivatore, ma tutti ad Amatrice lo conosco come il più abile costruttore di case perché le sua hanno retto alle scosse del terremoto del 24 agosto scorso.

"Molti di loro mi hanno chiamato o sono venuti qui per ringraziarmi. Uno vive a 50 metri dall'hotel Roma ed è salvo. Ha detto che quando ha guardato fuori di casa gli sembrava di essere in un sogno”, dice a Repubblica riferendosi ai proprietari di quelle case. “In uno dei miei palazzi abita la famiglia del geometra del Comune. È venuto qui in lacrime ad abbracciarmi. Ha detto- prosegue - che il mio cervello andrebbe studiato e replicato".

Saro, dal 1969 al 1985, ha costruito circa 80 case, di cui 60 in paese. “Facevo tutto da solo, all'inizio realizzavo uno schizzo della casa. Poi – racconta - sceglievo i materiali e arruolavo gli operai. Il geometra si occupava di fare tutte le carte, completare il mio disegno e presentare le varie richieste di autorizzazione, magari senza neanche vedere la casa". “Era sempre tutto in regola con le leggi del tempo”, garantisce Saro che spiega di aver cercato di costruire sempre case belle solide perché fin da piccolo aveva una gran paura dei terremoti.

Ora lui, dal 2000 gestisce un agriturismo che“non ha avuto nemmeno una crepa” ma solo qualche vaso rotto. "L'ho tirata su da solo nel 1975, - dice - con l'aiuto di alcuni amici contadini, senza ingegneri e altri tecnici e a quel tempo ci tenevo i cavalli. Erano tanti e quindi l'ho fatta a tre piani e bella resistente. Ho usato ferro in quantità, cemento e cemento compresso”. “Non ho badato alla quantità di materiali, perché – conclude - volevo farla bella solida. È successo così anche con le altre case che ho costruito".

Commenti

joecivitanova

Mar, 06/09/2016 - 12:55

..auguri ingegneri..!! g.

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Mar, 06/09/2016 - 14:02

Dove si dimostra che per fare case che resistano ai terremoti non servano tante leggi e tante lauree, ma solo tanto buon senso!!!

Ritratto di gianpiz47

gianpiz47

Mar, 06/09/2016 - 14:08

Cemento compresso? Questa mi è nuova, anche dopo 43 anni di professione; non mi risulta che il cemento venga compresso, caso mai vibrato, tuttalpiù possiamo parlare di cemento armato precompresso proprio perchè armato, e la precompressione è data tramite l'armatura: non mi risulta neanche che le strutture precompresse vengano usate nelle modeste abitazioni civili che ho visto ad Amatrice e dintorni, ma vengono impiegate prevalentemente nei complessi industriali o nei ponti o viadotti presenti nella zona del terremoto.

goligo

Mar, 06/09/2016 - 15:00

chissà che avrà capito il giornalista...

venco

Mar, 06/09/2016 - 15:09

Sicuramente case fatte con il cervello

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Mar, 06/09/2016 - 15:09

Questo è l'esempio lampante che se si può scegliere come lavorare e con chi lavorare, si ottengono ottimi risultati.