Crac della Parmalat, la Cassazione conferma tutte le condanne

Lieve sconto di pena di cinque mesi per il patron Calisto Tanzi

Condanne definitive per il crac della Parmalat. Lo ha deciso la quinta sezione penale di Cassazione che ha confermato sostanzialmente il verdetto emesso in appello dai giudici bolognesi e le 15 condanne inflitte in secondo grado. Lieve sconto di pena di cinque mesi solo per il patron Calisto Tanzi e il braccio destro Fausto Tonna, di 4 mesi per Giovanni Tanzi e di tre mesi per Luciano Silingardi per la prescrizione dell’accusa di associazione a delinquere. La Suprema Corte era chiamata a decidere se confermare o meno la sentenza pronunciata dalla Corte d’Appello di Bologna il 23 aprile 2012 che condannò l’ex patron del gruppo di Collecchio, Calisto Tanzi, a 17 anni e 10 mesi di reclusione, e a 9 anni l’ex direttore finanziario della Parmalat Fausta Tonna.

Commenti

laura

Ven, 07/03/2014 - 18:08

BENE. Non mi stanno bene le condanne a soli 9 anni per quel verme che ha ucciso il vigile e 6 anni e 4 mesi a quel poveretto che si e' difeso da un ladro. La giustizia, in Italia e' una barzelletta.

jeanlage

Ven, 07/03/2014 - 18:21

Da notare: un processo che ha visto volare milioni di Euro è iniziato oltre dieci anni prima di quello a Berlusconi ed è finito un anno dopo. La giustizia italiana è lenta. Quando si tratta di berlusconi è velocissima. Peccato che non ha nulla a che vedere con la giustizia.

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 07/03/2014 - 18:28

Tanto non li sconta, i soldi sono in Uruguay, che gli frega.

Agev

Dom, 09/03/2014 - 20:13

Perché non dire tutta la verità .. Sicuramente il Sig. Tanzi avrà avuto molte responsabilità .. Ritengo però che le vere responsabilità del disastro economico della Parmalat .. siano delle banche .. Penso che il Sig. Tanzi negli ultimi anni di gestione non potesse decidere più nulla tranne che avvallare le decisioni prese dalle stesse banche . Queste sono le reali responsabili del disastro Parmalat .. Il Sig. Tanzi .. pur avendo avuto certamente delle grosse responsabilità .. è passato come l'unico responsabile del disastro .. un vero e proprio capro espiatorio ... Un tipico agnello sacrificale . Al Di La dei suoi errori/confusione .. Onore all'uomo ed imprenditore che aveva saputo creare dal nulla un vero e proprio impero .. Aveva saputo creare ricchezza e benessere . Gaetano