Crisi, meno spese per il Natale

Sei italiani su dieci ridurranno le spese natalizie. Solo l’1,8% è pronto ad aumentarle

Un Natale al verde. La crisi economica pesa ancora sul bilancio delle famiglie. E così il 40,5% degli italiani è intenzionato a mantenere invariato il proprio budget di spesa natalizia e solo l’1,8% è pronto ad aumentarlo. Nel dettaglio, ben il 31,5% dei consumatori stanzierà un budget inferiore ai 100 euro, il 63,5% tra i 100 e i 300 euro. Soltanto il 5% è intenzionato a spendere oltre 300 euro per i regali. Quasi 6 italiani su 10 sono intenzionati a spendere complessivamente meno rispetto allo scorso Natale e aumentano gli acquisti di importi minimi. A ridurre la spesa sono in prevalenza i consumatori più giovani (fino a 34 anni) e quelli più avanti negli anni (oltre 64 anni), le donne più degli uomini, i residenti nelle grandi aree metropolitane, in cui tendono a concentrarsi i tratti più evidenti della crisi in atto. Ma nonostante il clima dimesso, la stragrande maggioranza degli italiani (quasi l’86%) non rinuncerà al rito dei regali di Natale i cui destinatari saranno principalmente i familiari più stretti (coniuge, figli, genitori, fratelli per il 55,9%); seguono altri parenti in generale (50,7%), "altri conoscenti", le persone magari con le quali si intrattengono rapporti di lavoro (40,7%), gli amici (39%). Ben il 42,8% spenderà per sé. 

Commenti
Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 07/12/2013 - 11:19

Grazie all'ottimo lavoro svolto dal governo Monti, prima, e Letta, poi, siamo, per indigenza, secondi solo alla Grecia. Ed il debito pubblico continua a galoppare:127% (Dati ISTAT di ieri). Sento già i piagnistei del dopo feste. Quando ci si lamenterà che "i consumi interni non decollano". Una sola domanda: dove c.... è finita la destra estrema?

Ritratto di vaffa..3...

vaffa..3...

Sab, 07/12/2013 - 13:25

...ma per i PARASSITI di stato è sempre festa

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Sab, 07/12/2013 - 16:02

per favore non spendete soldi protestate contro lo Stato che vi odia e tartassa non generate iva ed accise fate lo sciopero dei regali ed acquisti, comprate usato, scambiatevi le cose e comprate all'estero che risparmiate, preferite lo sconto allo scontrino e fattura che non potete scaricare dal modello Unico. Tanto le tasse non diminuiscono mai SIETE IL BANCOMAT DELLA GERMANIA ED EUROPA UNITA

Roberto Casnati

Dom, 08/12/2013 - 06:09

Il santo Natale, ahimè, è da tempo il santo dei commercianti, quindi tutti i mali, come si dice, non vengon per nuocere e forse la crisi ci farà ricordare il vero senso del Natale. Oltre a tutto non vedo perché si debbano spendere delle fortune per acquistare il superfluo o l'inutile presso commercianti ladri ce da sempre eguagliano il potere d'acquisto dell'euro alle vecchie 1000 lire, mentre noi lo paghiamo 2000 lire. Mi auguro che un Natale di crisi serva far chiudere bottega a molti dei suddetti commercianti!

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 08/12/2013 - 07:27

Per me...SI!