Tra De Luca e De Magistris è la guerra dei fischi

Il governatore contestato in piazza a Napoli: "Sempre i soliti noti, esagitati e organizzati", il sindaco: "Ero al concerto tra la gente, tutto spontaneo"

Tra De Luca e De Magistris ora rischia di scoppiare la guerra dei fischi. Al centro del contendere, la contestazione di cui è stato oggetto il governatore della Campania nella serata di lunedì, in piazza Plebiscito a Napoli, poco prima del concerto di Franco Battiato che ha inaugurato il Napoli Teatro Festival. Fatto su cui il presidente della Campania e il sindaco della città hanno due interpretazioni completamente diverse.

A margine dell'evento, Vincenzo De Luca ha tenuto un intervenuto, in cui tra l'altro ha sottolineato come non bisogna cedere al terrore che sparge sangue in tutta Europa ma che parte del pubblico, evidentemente, non ha apprezzato. Al governatore i fischi non sono andati giù e subito ha scritto nelle ore successive una puntuta replica ai contestatori affidata ai social: “Voglio esprimere il mio ringraziamento ai trentamila che ieri, raccogliendo il nostro invito, si sono ritrovati in piazza Plebiscito in un clima di compostezza e partecipazione. Abbiamo espresso il nostro cordoglio per le vittime degli attentati terroristici e la nostra solidarietà alle famiglie, insieme all’impegno a non cedere alla nuova barbarie. Poche centinaia di esagitati, sempre organizzati e sempre gli stessi, non sporcheranno l’immagine di Napoli, città civile, tollerante e accogliente”.

A qualche ora di distanza, però, è arrivata la replica del sindaco di Napoli. Dalla diretta Facebook di Repubblica Napoli, Luigi De Magistris afferma che secondo lui non c'è stato alcun "disegno" dietro alla contestazione al governatore e, anzi, ha definito fuori luogo l'intervento del presidente della Regione poco prima di un grande evento culturale. “Ero lì tra la gente per seguire il concerto che è stato molto bello. Oggi tutti vogliono venire a far cultura, anche gli altri enti che non guardavano più alla nostra città. Io posso dire di essere testimone: stavo tra la gente, l’intervento del presidente De Luca è stato fortemente sommerso da fischi, non me la sento di giudicare. Secondo me quell’intervento non c’azzeccava, la gente era venuta a sentire Battiato e si sentiva molto la presenza dell’estabilishment politico regionale. Se posso essere sincero - ha aggiunto il sindaco -, mentre lui era in prima fila io seguivo lo spettacolo tra la gente, mescolato tra i miei concittadini e posso dire che questa non era cosa organizzata, i fischi sono stati spontanei".

Commenti

uberalles

Mer, 07/06/2017 - 14:21

Giggì, stavolta hai fatto fesso chillo fetenton'e de Luca...Bravo, la claque era ben organizzata!!

forbot

Mer, 07/06/2017 - 14:40

Caro De Magistris, ero già negli anni 1950 cliente di un De Magistris con sede ai Quattro Palazzi -( P.za Nicola Amore ) ma ora tu non sei il mio sindaco; perciò ti dico con tutta franchezza: fra te e De Luca, ci corre un abisso. Intanto mi devi dire perchè sei uscito dalla Magistratura per fare il Sindaco di una città che non sai governare. Con chi ti sei abbaccato? De Luca è l'uomo che dovrebbe governare l'Italia, non solo la Campania. Quì per raddrizzare le cose ci vogliono uomini forti e senza peli sulla lingua, altro che calchi.

Ritratto di orione1950

orione1950

Mer, 07/06/2017 - 15:57

In verità, i due meriterebbero un ciclone di pernacchie napoletane!!!

Cheyenne

Mer, 07/06/2017 - 17:27

DUE PERSONAGGI DA COMICA

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 07/06/2017 - 17:54

forbot , da dove scrivi dalla segreteria di de luca ,non per difendere de magistris che è inconsistente ma è uno che se la cavicchia (diciamo senza infamia e senza gloria ma migliore di tutti i sindaci di sinistra napoletani degli ultimi 50 anni) hai nominato piazza nicola amore , sai chi era nicola amore ? era senatore del regno , questore e capo della polizia fu due volte sindaco di napoli ,l'unico vero sindaco che dalla fine dell'800 ad oggi napoli ha avuto .orione 1950 la dicitura corretta è "pernacchio"(maschile)

Anonimo (non verificato)

un_infiltrato

Mer, 07/06/2017 - 20:34

De Luca e Giggino De Maggistris: due personaggi in cerca d'autore. Proprio come nella commedia di Pirandello, attori che provano la commedia 'Il giuoco delle parti" in cui per farsi credere, sono i personaggi a raccontare agli attori la loro storia perché possano rappresentarla.

forbot

Mer, 07/06/2017 - 23:17

@ giovinap ; Cos'è una domanda che mi fai? Mi dispiace dirti che come sindaco di sinistra non ne ho visto nessuno veramente all'altezza di Nicola Amore. Ma neanche di Achille Lauro. - Non sò se ricordi Napoli del !930 -1940- Io la ricordo bene e quel ricordo ho sempre nel cuore. Per quello che vedo, quando vi ritorno, auguro che nasca un nuovo Nicola Amore.-

eolo121

Mer, 07/06/2017 - 23:26

o napoli gioie e dolori...