De Magistris finisce a processo con l'accusa di diffamazione

Per l'accusa ha diffamato il gup di Why Not: si aprirà il 5 dicembre il processo al sindaco di Napoli, l'ex pm Luigi De Magistris

Il processo al sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, si aprirà il 5 dicembre prossimo. L'ex pm è stato rinviato a giudizio con l'accusa di diffamazione, mossa contro di lui dall’ex gup distrettuale di Catanzaro, Abigail Mellace (oggi presidente di sezione penale a Crotone), e dal marito di quest’ultima, l’avvocato imprenditore Maurizio Mottola d’Amato.

Come riporta il Quotidiano del Sud, ad accogliere la richiesta di rinvio a giudizio della procura è stato il terzo gup chiamato a pronunciarsi sulla vicenda, dopo che per la seconda volta la Corte di Cassazione aveva annullato con rinvio una sentenza di non luogo a procedere. Il 5 dicembre si ritornerà a parlare in aula della dirompente inchiesta "Why not" sulla gestione dei fondi comunitari in Calabria, che, dopo aver provocato perfino la caduta dell’allora governo Prodi, travolse anche il giudice. Con 34 assoluzioni e solo 8 condanne, era stato proprio il gup Mellace, a marzo del 2013, a portare il fascicolo al capolinea, ritenendo infondata buona parte della impostazione accusatoria. Da lì l’ira dell’ex pm, sfogata sul proprio blog con dichiarazioni che il giudice e il marito ritennero parziali e infondate, comprese quelle relative al presunto coinvolgimento in Why not dell’imprenditore Mottola d’Amato, tirato in ballo da De Magistris per un suo biglietto da visita trovato tra le carte di uno dei principali indagati e risalente, in realtà, all’epoca in cui svolgeva la professione di avvocato.

Subito scattò la denuncia delle parti offese, determinate a far condannare De Magistris che, però, per ben due volte ottenne un proscioglimento, sempre annullato dalla Cassazione, fino a ieri. Con grande soddisfazione delle parti offese, che, nel corso degli anni, più volte hanno sollecitato inutilmente De Magistris a trovare "il coraggio di farsi processare senza trincerarsi dietro lo scudo dell'immunità". Ai giudici del tribunale di Salerno, adesso, il compito di portare la vicenda giudiziaria al traguardo.

Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 29/06/2017 - 18:26

La vendetta della statue rimosse di Cialdini. Stammi bene Giggino......

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 29/06/2017 - 18:43

metodo della sinistra e tipico del PM abituato a non farsi accusare.... :-)

Cheyenne

Gio, 29/06/2017 - 18:45

DE MAGISTRIS UN GRANDE MASCALZONE UN INETTO COME MAGISTRATO UN BUFFONE COME SINDACO

fifaus

Gio, 29/06/2017 - 19:30

mbferno: ma tanto Giggino se la caverà comunque..

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Gio, 29/06/2017 - 22:37

Sati sereno giggino. Tanto non ti faranno nulla.