Delitto Meredith, Cassazione: "Sottavalutati gli indizi su Amanda Knox e Sollecito"

La Cassazione ipotizza che l'omicidio potrebbe essere stato conseguenza di una "esclusiva forzatura" della vittima "a un gioco erotico spinto di gruppo"

La Corte d’assise d’appello di Perugia ha sottovalutato gli indizi emersi su Amanda Knox e Raffaele Sollecito nel processo per l’omicidio di Meredith Kercher. A scriverlo è la prima sezione penale della Cassazione nelle motivazioni della sentenza - lunga 74 pagine - con cui spiega perché ha annullato con rinvio le assoluzioni pronunciate in appello per i due imputati.

L’omicidio di Meredith Kercher potrebbe essere stato conseguenza di una "esclusiva forzatura" della vittima "a un gioco erotico spinto di gruppo, che andò deflagrando, sfuggendo al controllo". È una delle ipotesi avanzate dalla prima sezione penale della Cassazione che, il 26 marzo scorso, ha annullato con rinvio le assoluzioni pronunciate in appello per Amanda Knox e Raffaele Sollecito. Inoltre, sottolineano i giudici, Rudy Guede - condannato in via definitiva "per concorso in omicidio" a una pena di 16 anni di reclusione - non agì da solo nell’omicidio di Meredith Kercher.

Commenti

schiacciarayban

Mar, 18/06/2013 - 14:41

Non capisco perchè Sollecito non sia partito subito per gli Stati Uniti, con questa giustizia al rallentatore c'è da aspettarsi di tutto.

gibuizza

Mar, 18/06/2013 - 15:04

Ma da quando la Cassazione entra nel merito di un processo? Non è un suo compito e quindi se ne stia zitta.

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Mar, 18/06/2013 - 15:22

Ovvio che il processo è da rifare. Rudy Guede è stato condannato in via definitiva "per concorso in omicidio". Concorso con chi? Nessuno ha pensato di chiederglielo? Un processo fatto con i piedi, col risultato di avere due assassini a piede libero (sono colpevolista, lo ammetto). Chiaro che le colpe principali sono da attribuire ai peggiori investigatori del mondo occidentale, ovvero quelli italiani (RIS; Polizia Scientifica, e altre personaggi simili immeritatamente stipendiati con le nostre tasse). Altro che serie televisive. Vergogna!

myollnir

Mar, 18/06/2013 - 15:27

Ed ecco l'ennesimo caso in cui la Cassazione fa ciò che NON PUO' FARE, ovvero entrare nel merito anziché limitarsi al metodo.

Libertà75

Mar, 18/06/2013 - 15:30

ma il giudice che gli ha assolti? chi lo sta controllando? a pensare male si fa peccato...

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 18/06/2013 - 15:34

Ormai sono tutti a casa a farsi 4 risate a parte il fesso di turno.

Libertà75

Mar, 18/06/2013 - 15:38

gibuizza, la Cassazione fa un controllo di leggimità, ma poiché nel nostro ordinamento vi è (forse per lei purtroppo) da qualche anno anche un controllo (implicito) di coerenza, si ritrova quindi a disquisire sulla condanna al livoriano e di conseguenza la sentenza di secondo grado non è discutibile nel merito solo se espone in maniera logica la colpevolezza piena e totale di Rudi Guede. Le risulta che sia così? Inoltre, leggendo l'articolo, mi pare chiaro che la Cassazione non entri nel merito della colpevolezza, o forse non ha letto? la Cassazione ammette che forse la vittima ha partecipato volontariamente ad un gioco che magari ella per prima ha gestito male, ma in questo caso si parlerebbe di omicidio colposo o meglio con dolo eventuale e che con tutte le garanzie si sarebbe trasformata in una condanna a non più di 5 anni effettivi di carcere

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Mar, 18/06/2013 - 15:43

Ah si, Guede non agi' da solo? Ed in base a quali prove? Oppure soltanto perché, patteggiando e dicendo che c'erano anche Sollecito e la Knox, aderì ai teoremi del Pm, uscendo così subito di scena ed arrivando molto rapidamente(per i tempi della nostra giustizia) ad una sentenza in giudicato? Del Guede sappiamo che c'erano sue tracce biologiche sulla povera Meredith, che provò a costruirsi un alibi andando poi a ballare in discoteca quella sera e che poi scappò all'estero...e se la e' cavata con sedici anni (uscirà tra poco con i vari sconti e premi) invece che un ergastolo..

Ritratto di mark911

mark911

Mar, 18/06/2013 - 15:58

Altro fulgido esempio di efficienza e professionalità della nostra magistratura sempre impegnata a risolvere "positivamente" casi difficili come questo, quello della povera Yara o di Garlasco (PV) ...ma soprattutto quello a cui stanno dedicano + tempo perchè "la madre di tutti i processi" chiamato caso Ruby dove si cercare di capire, per il bene ed il futuro del Paese, se il Cavaliere ha effettivamente avuto un rapporto fisico o meno con questa ragazza!!! Ma anche qui i nostri magistrati dopo un lungo lavoro di "intelligence" arriveranno alla verità e potranno così godersi le meritate ferie estive !!!

Ritratto di stock47

stock47

Mar, 18/06/2013 - 16:18

Riecco che tornano le fantasie dei giudici in azione! Sollecito e Amanda provenivano da casa del primo, dopo avere fatto sicuramente all'amore, che bisogno avevano di cercare un gioco di gruppo e per di più finito in assassinio e in uno stupro? E' una cosa senza senso. E poi perchè con il livoriano Guedè, assassino dichiarato di Meredith, che Sollecito nemmeno conosceva e Amanda a malapena aveva visto? Certamente uno non va a scopare con il primo sconosciuto e per di più a tentarlo di fare in gruppo. Sicuramente c'era un altro complice di Guedé nella casa ma non erano Sollecito e Amanda ma sicuramente un amico di Guedè, straniero come lui e come lui partecipe del tentativo di stupro. Uno che non sono mai riusciti ad identifcare e a trovare anche perchè il Guedè si è rifiutato di fare la spia ma ha trovato più comodo aderire alle tesi dei PM, perchè altrimenti avrebbe rischiato un aggravamento della sua pena. Sarebbe ora che la smettessero i giudici di attaccarsi allle fantasie, ci siamo stufati di accuse senza prove e condanne date in nome del popolo italiano, che sarebbe meglio dire date in nome loro e della loro fantasia.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 18/06/2013 - 16:26

Quante belle anime candide! Tutti infervorati contro la mala giustizia dei P.M. Non vi sfiora neppure il dubbio che questi due "fumati" siano andati un po' al di là del semplice "petting" coatto?

Ritratto di mark911

mark911

Mar, 18/06/2013 - 16:45

Memphis35, tutto è possibile ma ci vogliono le prove non i dubbi ed il lavoro di un bravo PM è quello appunto di trovare e portare in aula queste prove ma vista l'efficienza della nostra magistratura ho paura che...si continuerà con i "dubbi" che non portano da nessuna parte !!

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Mar, 18/06/2013 - 17:50

@menphis...ci vogliono le prove e valide pure, non quelle alla carlona e catalogate invece come "inoppugnabili" da periti di scarsa competenza. Poi, tanto per parlare (e le chiacchiere contano o dovrebbero contare zero in un'aula di giustizia) e' semmai improbabile che coppiette di diciannovenni o poco più, benché svegli ed attivi sessualmente, si mettano di primo acchito a fare orge e sesso di gruppo piuttosto che una sana sc.. a due nella prima casa libera di uno dei due o anche in camporella. Ma la fantasia sulla Circe assetata di uomini e di sangue turba ancora tanti, a quanto leggo...

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Mar, 18/06/2013 - 18:00

@menphis...ci vogliono le prove e valide pure, non quelle alla carlona e catalogate invece come "inoppugnabili" da periti di scarsa competenza. Poi, tanto per parlare (e le chiacchiere contano o dovrebbero contare zero in un'aula di giustizia) e' semmai improbabile che coppiette di diciannovenni o poco più, benché svegli ed attivi sessualmente, si mettano di primo acchito a fare orge e sesso di gruppo piuttosto che una sana sc.. a due nella prima casa libera di uno dei due o anche in camporella. Ma la fantasia sulla Circe assetata di uomini e di sangue turba ancora tanti, a quanto leggo...

GENIUZZO

Mar, 18/06/2013 - 19:15

D'ACCORDO CON LA CASSAZIONE SU "UN GIUOCO EROTICO FINITO MALE" AL QUALE ABBIA POTUTO PARTECIPARE AMANDA. MA SE RUDY GUEDE (IL TERZO) E' STATO GIA' CONDANNATO CON SENTENZA DEFINITIVA A 16 ANNI PER CONCORSO NELL'OMICIDI. E' CHIARO CHE AMANDA E SOLLECITO(PRESENTI SUL LUOGO DELL'OMICIDIO) NON POSSONO ESSERE ASSOLTI(INDIZI A LORO CARICO SOTTOVALUTATI SECONDO LA S. CORTE). ALLA LUCE DI QUANTO SOPRA, UNA DOMANDA SORGE SPONTANEA: CHI HA UCCISO MEREDITH?WAMOS

angelomaria

Mar, 18/06/2013 - 19:33

per una volta la giustizi ha fatto il suo dovere

piertrim

Mar, 18/06/2013 - 19:49

Non so se sia giusta o sbagliata la sentenza e il presunto gioco erotico finito male. Ma è strano che non si sia indagato in tal senso. Anche un inesperto di giustizia come io sono aveva fin dall'inizio ritenuto che il "gioco violento" fosse la probabile causa della morte della povera Meredith.

Ilgenerale

Mar, 18/06/2013 - 20:19

Gioco erotico??? Orge rituali? Gang bang??? ....MA LE PROVE??????? A già, se un PM si mette in testa una cosa non ha bisogno di prove! ...e i 300 euri pizzicati in tasca a Guede' già fuggito in Germania e poi accertato essere soldi della Meredith, quelli cosa erano? Gliela dati Meredith per averla uccisa ?! Ma vada via al cul. Il PM sinistroide non poteva accettare che fosse stato il SOLITO negro e quindi ha costruito il teorema per incastrare i ricchi , bianchi, figli di papa' !!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 18/06/2013 - 20:20

@andrea B però la Circe del processo non era più tale,ma sembrava proprio una verginella,e questa trasformazione è un po' sospetta.

meyer

Mar, 18/06/2013 - 20:40

Ma tutte le persone intelligenti l'avevano capito da un pezzo come era morta la ragazza e per responsabilità di Knox e Sollecito, era assolutamente eclatante. solo una giustizia fasulla come quella italiana mette dentro gli innocenti e manda liberi i colpevoli. ma invece di acclarare la verità gli avvocati della difesa si son battuti con le unghie per farli vergognosamente assolvere. Vergogna su di essi, vergogna sui genitori di Knox e Sollecito i quali hanno subito capito che i loro figli avevano fatto una "cazzata" provocando la morte di Meredith, e cio nonostante hanno fatto di tutto perché i loro degni rampolli non pagassero il fio delle loro malefatte: vergognatevi!

Giacinto49

Mar, 18/06/2013 - 20:42

"Cavoli" ci voleva la Cassazione per sancire quello che era chiaro ad ogni imbecille fin dal primo momento. Che Paese!!! Povera ragazza, l'onestà non paga. Rifate il processo a guede e dategli 40 anni, vedrete che viene fuori la verità. Ormai, però, per la knox è troppo tardi.

cgf

Mar, 18/06/2013 - 20:58

sarà che certe cose per pensarle bene fino in fondo occorre documentarsi bene bene e/o praticare, aspetto che me manca o io ho una mente troppo innocente oppure altri hanno menti depravate.

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Mar, 18/06/2013 - 21:35

Ok signore e signori,appuntamento tra 10 anni per la sentenza definitiva...perché la giustizia italiana è veloce ed efficiente :-)

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Mar, 18/06/2013 - 21:40

"ilgenerale" gang bang??ahahaha...concordo con te comunque

Klotz1960

Mar, 18/06/2013 - 22:44

AHAHAHA AHAHAHAH AHAHAHHA che spettacolo! Due assassini liberi, dopo una condanna ed una assoluzione, ed ora la Cassazione che scrive romanzi, anzi no, trattati filosofici. Sta a vedere che dopo la tesi e l'antitesi, ora arriva la sintesi. Che spettacolo pietoso. Che mancanza di rispetto per la vittima.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 19/06/2013 - 00:43

Non si riesce più a distinguere se nelle aule di tribunale italiane si celebrino processi o si scrivano copioni per spettacoli gialli. MI ILLUDEVO CHE UN PROCESSO SI BASASSE SU PROVE ACCERTATE E NON SULLE ELUCUBRAZIONI DEI MAGISTRATI.

brunog

Mer, 19/06/2013 - 02:17

Le ipotesi non sono prove, la magistratura italiana ancora sembra non saperlo.

precisino54

Gio, 20/06/2013 - 14:03

Ieri avevo inviato- X gibuizza 15:04 e myollnir15:27; anche se la Cassazione svolge principalmente una funzione c.d. "normofilattica" dal punto di vista di legittimità, non di rado viene adita pure per questioni di merito! In assenza della conoscenza delle motivazioni del ricorso della procura sarebbe per lo meno auspicabile non dire sciocchezze. X cangrande17 – 15:22; non posso che condividere le tue perplessità, sull'operato di alcuni reparti speciali assurti agli onori della cronaca nella vicenda di Novi Ligure. Purtroppo errori a vario titolo sono sempre possibili specie quando si cammina sul filo e si pretende di spaccare il capello. Una cosa è comunque certa la sentenza definitiva su Guede parla di omicidio in concorso; nella stanza non sono state rilevate tracce di soggetti sconosciuti; quindi i maggiori indiziati non possono che essere quelli che ruotavano intorno all'appartamento. Purtroppo per esperienza sappiamo come in questi casi invece che sigillare i luoghi si procede con continui accessi nel tempo, che spesso non fanno che inquinare i reperti, quando non danno la possibilità alle difese di arrampicarsi. Nella fattispecie poi si è pure avuta una effrazione degli ambienti non correttamente vigilati. Indubbiamente le serie televisive di oltre atlantico ci danno una idea delle vicende poco reale. Guede sentito in merito alla presenza di altri, mi pare affermi di non essere in grado di riconoscerli in quanto sotto effetto di sostanze stupefacenti. Appare comunque oltremodo originale la questione dell'accusa della Fox a Lumumba: se non era presente come poteva indicarlo? X mark911- 15:58, io partirei da Cogne, di cui si è tanto detto ma poco di certo si sa: vedi arma del delitto, tempi per cambiarsi e per pulirsi, esatto momento dell'evento! Per non dire di alcune incongruenze date dalla BPA (blood pattern analysis). L'errore che spesso in questi casi viene fatto è che a parte la possibilità scientifica, va considerata la possibilità logica e temporale, per non dire della componente emotiva. Come si può sorvolare su questi aspetti? Nel caso di Garlasco si è considerata possibile una camminata di Stasi ricostruita al computer con simulazioni, piuttosto che quella logica di chi avrebbe dovuto essere nel panico! E che dire della telefonata dello stesso al 118? Uno un po’ normale avrebbe messo maggiore pathos, che diamine si trattava della fidanzata da quattro anni, non del gatto di casa!