Delitto di Udine, il gip: "Ragazze a cavalcioni sul torace della vittima"

Inquirenti impegnati a individuare il movente dell’omicidio, più che mai orientato verso l’ambito economico che con ogni probabilità legava i tre

Le due 15enni e Mirco Sacher in una gelateria

"Entrambe erano salite a cavalcioni sopra di lui, sulla pancia e sul torace". Sarebbe cominciata così, secondo le dichiarazioni fatte dalle due 15enni ai carabinieri e al pm, riportate dal gip nelle tredici pagine di ordinanza della convalida del fermo, la colluttazione che ha portato al morte di Mirco Sacher. Una ragazza lo avrebbe inizialmente "afferrato per le mani" mentre l’altra lo avrebbe preso per il collo imitata poi dall’amica che, in quei momenti concitati, avrebbe ricevuto un morso al seno dal 67enne nel tentativo di rialzarsi.

Secondo la ricostruzione fatta dagli inquirenti, la colluttazione sarebbe terminata quando, dopo che Sacher aveva detto "basta", era diventato viola in viso e aveva smesso di respirare. La colluttazione sarebbe cominciata, secondo il racconto delle ragazze, da un approccio sessuale non gradito dalle 15enni quando, anzichè accompagnarle in stazione l’uomo si sarebbe fermato in una strada ferrata e avrebbe iniziato a "toccare le gambe e il seno" di una delle due giovani. A quel punto la ragazzina sarebbe uscita infastidita dalla vettura, subito seguita dall’amica. Anzichè allontanarsi le due ragazze sarebbero, però, rimaste vicino alla macchina, a scherzare, scambiandosi piccoli pugni per gioco mentre l’uomo avrebbe cercato di avvicinarle a sé finché Sacher avrebbe fatto sbattere la testa di una contro un palo. A questo punto si sarebbe scatenata la reazione della giovane che lo avrebbe buttato a terra. "Forse per far presa per rialzarsi aveva preso per il braccio l’altra giovane facendola finire a terra", hanno detto gli inquirenti spiegando che da qui sarebbe nata la lotta di cui sono stati riscontrati segni nelle visite all’ospedale Burlo Garofolo di Trieste. "Oltre all’ematoma sul seno è anche pacifico - spiega sempre il gip - che nel corso dell’ispezione è stato riscontrato un ematoma al capo della ragazzina, compatibile con un urto contro il palo".

Le indagini sul delitto mirano anche a ricostruire le spese effettuate domenica dai tre dopo che sono praticamente spariti i 150 euro prelevati dal pensionato in mattinata, prima di incontrare le ragazze: non sarebbero stati trovati infatti soldi né in casa né in auto o addosso alle ragazze. Da qui la richiesta di risalire alle movimentazioni bancarie per gli anni 2011 e 2012 e confrontarle con quelle degli ultimi mesi, quando ci sono stati numerosi prelievi. Gli inquirenti intendono, infatti, verificare se si è trattato di movimenti regolari o forzati, insoliti o meno. Dai racconti e dalle dichiarazioni di amici e parenti delle due ragazzine Sacher apparirebbe come "una figura secondaria". Gli investigatori continuano a setacciare tra i conoscenti delle ragazzine nel tentativo di ricostruire con precisione, attraverso testimonianze, il rapporto esistenti tra le quindicenni e l’anziano, ciò nel tentativo di individuare il movente dell’omicidio, più che mai orientato verso l’ambito economico che con ogni probabilità legava i tre.

Commenti
Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 12/04/2013 - 16:43

E chiamale ragazzine!!!!!

Ritratto di stufo

stufo

Ven, 12/04/2013 - 17:20

All'italiana. Mille versioni e 10mila pagine di illazioni.

michele lascaro

Ven, 12/04/2013 - 17:28

Parrebbe più logica l'idea di una serie di ricatti, con estorsione, a spese del Sacher. Oggi le ragazzine ne sanno più dei delinquenti incalliti e l'idea di avere un po' di soldini le affascina. Poi, non ci vuole molto ad abbassare i pantaloni di un morto e accusarlo di tentata violenza.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Ven, 12/04/2013 - 17:44

Qualunque sarà la verità resta il fatto che un anziano è morto e che gli italiani dovranno sborsare altri soldi per mantenere in galera due giovanissime mignotte assassine.

-cavecanem-

Ven, 12/04/2013 - 18:16

Le due zoccolette la faranno franca, e intanto l'anziano ingenuo o zozzone e' morto. In Italia funziona cosi', tutelano sempre il criminale specialmente se giovane, o straniero.

linoalo1

Ven, 12/04/2013 - 18:17

Ma,i genitori non pagano mai?Non e forse un evidente caso di non educazione da parte dei genitori?Lino.

fedele50

Ven, 12/04/2013 - 18:37

poverine , non hanno fatto niente.........giocavano ........ma hanno ucciso, ora si pentiranno , e bla bla bla , una corda, un ramo , e via, due di meno , come tanti assassini che manteniamo e ci costano milioni dei euro.

fedele50

Ven, 12/04/2013 - 18:37

poverine , non hanno fatto niente.........giocavano ........ma hanno ucciso, ora si pentiranno , e bla bla bla , una corda, un ramo , e via, due di meno , come tanti assassini che manteniamo e ci costano milioni dei euro.

gianni71

Ven, 12/04/2013 - 18:47

@..cavecanem.." ...anziano ingenuo e sozzone..." di chi parli? Mi ricorda qualcuno che ha governato questo Paese gli ultimi 12 anni!

Sapere Aude

Ven, 12/04/2013 - 19:24

Qualsiasi operazione economica si fonda sul do ut des. Che cosa non è stato dato o ricevuto per scatenare l'omicidio?

Ritratto di randel

randel

Ven, 12/04/2013 - 19:35

@gianni71.......Posso indovinare a chi ti riferisci ?????

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Ven, 12/04/2013 - 20:21

Gianni 71, rassegnati, dovrai sorbirtelo al governo altri 10 anni, ahh aha...insomma, un po' di riconoscenza!

Ritratto di Imperius

Imperius

Ven, 12/04/2013 - 23:03

Penso che ci sia di mezzo uso di droga da parte delle ragazze. Le 150 Euro prelevate dalla vittima servivano a comprare la droga per poi passarla alle ragazze, e loro lo ricambiavano con prestazioni sessuali. Quel giorno peró qualcosa é andato storto......

lilipi3

Gio, 18/04/2013 - 13:06

Che ci faceva un uomo di quell'età con due ragazzine? E di chi è la responsabilità se queste hanno agito sotto effetto di droga? Chiamarle mignotte,a quell'età, è maschilismo. Sono due disgraziate,sbandate, che nessuno ha educato e che vedevano il denaro come principale valore(come fa tanta gente anche adulta)