Dieselgate, ora trema la Renault

Il gruppo è sospettato di aver barato sulle emissioni delle sue auto diesel. Il titolo francese crolla

Il dieselgate colpisce anche la Francia. Tre giudici del Tribunale di Parigi hanno aperto un'inchiesta sulla compagnia automobilistica Renault. Il gruppo è sospettato di aver barato sulle emissioni delle sue auto diesel. Il titolo Renault, dopo un buon avvio, perde oltre il 4% alla Borsa di Parigi dopo la notizia dell'inchiesta. Nel novembre scorso il ministero dell'Industria francese aveva reso noto che la Dgccrf, la direzione generale per la concorrenza, i consumi e la repressione delle frodi, aveva trasmesso alla giustizia le sue inchieste su una possibile violazione da parte della compagnia automobilistica Renault delle norme sulle emissioni delle auto diesel.

Ora i tre giudici parigini hanno reso noto di aver avviato un'indagine per le "falsificazioni sulla qualità sostanziale e i controlli effettuati che hanno reso la commercializzazione delle auto pericolosa per la salute dell'uomo de degli animali". Alla luce dello scandalo delle emissioni VW, il governo francese ha effettuato 11 mesi di indagini sulle emissioni di Renault e di altre case automobilistiche. I test sulle emissioni delle auto diesel Renault sono risultati particolarmente controversi e su questo i tre giudici hanno deciso di aprire un'inchiesta.

Commenti
Ritratto di elkid

elkid

Ven, 13/01/2017 - 12:01

----sono tutte robe telecomandate --dietro ci sono abili speculatori di borsa

edofoto

Ven, 13/01/2017 - 12:05

i cucinasti... complimenti !! per fortuna sono anni che non compro solo auto giapponesi

edofoto

Ven, 13/01/2017 - 12:06

i cucinasti... pufff i teutonici doppio pufff agnelli & c tripo pufff per fortuna sono anni che compro solo auto giapponesi

ILpiciul

Ven, 13/01/2017 - 12:30

La grandeur française non può essere coinvolta altrimenti rischia di trasformarsi in petiteur. Credo che se si continuerà a grattare la vernice superficiale si faranno belle scoperte. Qui e altrove. Ad ogni modo ricordiamoci che gli italiani sono e saranno i cugini intelligenti dei francesi.

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 13/01/2017 - 12:38

ah ! ah ! ah ! i frnancesi che si autodenuncerebbero ? vera barzelletta ! questi stanno mettendo le mani avanti , sperando di salvarsi dalle commissioni d'inchieste ameriname e coprire il puzzo del... gasolio.

Ritratto di Flex

Flex

Ven, 13/01/2017 - 12:48

Non credete sia ora di abolire il "Diesel" su tutte le autovetture ad uso "privato".

ItalicoCenturione

Ven, 13/01/2017 - 13:25

TEMPO FA HO LETTO UN ARTICOLO CHE RIGUARDAVA IL QUASI IMMINENTE ABBANDONO DEI MOTORI DIESEL DA PARTE DELLE CASE AUTOMOBILISTICHE FRANCESI, ANCHE SUI MODELLI ESISTENTI, PERCHE' I COSTI PER SVILUPPARE TALI MOTORIZZAZIONI CHE RISPETTINO LE NORME AMBIENTALI SAREBBERO TROPPO ELEVATI. PERO' QUESTA ULTERIORE DENUNCIA E' QUANTOMENO SOSPETTA. SPERO SIA UN'ENNESIMA BUFALA (HO LA CLIO DIESEL !!)

antipifferaio

Ven, 13/01/2017 - 13:27

La verità è che la coperta è sempre più corta...le industrie si scannano a suon di denunce per tirare l'acqua al proprio mulino...le banche rubano alla gente in quanto non hanno più denaro...l'economia va a picco con la disoccupazione reale tripla rispetto ai "dati istat"...la soluzione?...un capovolgimento totale, ma prima devono sparire i partiti e la classe dirigente al seguito...

Albius50

Ven, 13/01/2017 - 13:28

NON E' NELLO STILE FRANCESE, sicuramente c'è dell'altro che BOLLE IN PENTOLA; a tal proposito volevo spendere due parole il DIESEL è pericoloso ma le centrali NUCLEARI sono LETALI e i cugini con i KARTOFFEN c'è le hanno fatte spegnere solo a noi poveri PIRLA.

qwertyuiopè

Ven, 13/01/2017 - 13:37

E' evidente che le emissioni reali siano differenti da quelle dichiarate, sia per il tipo di test effettuato che non ha nulla a che vedere con la normale giuda di un auto sia se si fanno i calcoli del'effettivo consumo di carburante che è sempre molto maggiore del dichiarato. Ora bisognerebbe andare a vedere anche l'efficacia del FAP: un dispositivo che aumenta i consumi, riduce le prestazioni e a detta di qualcuno dovrebbe far inquinare meno... un po' un controsenso! ma senza questi aggeggi le macchine, anche i tanto odiati SUV farebbero tranquillamente i 25-30 km con un litro di gasolio... e meno entrate per lo stato con le accise

Albius50

Ven, 13/01/2017 - 16:16

EDOFOTO condivido una UE a senso unico dove l'ITALIA non conta nulla allora è meglio fare acquisti EXTRUE