Il disco rotto dell'Anm: "Politica ci delegittima"

Sabelli: "Deludente il disegno in esame al Senato, che si limita timidamente a prevedere un aumento dei termini per le fasi di Appello e Cassazione"

"Come Associazione magistrati, in questi anni ci siamo mantenuti fedeli alla missione indicata nei principi del nostro statuto: tutela dell'indipendenza, dell'autonomia, del prestigio e delle prerogative della magistratura e contributo di pensiero nella fase di elaborazione delle riforme legislative e nei progetti di innovazione. Lo abbiamo fatto con una passione pari al rispetto che proviamo per la nostra funzione anche quando essa ci ha indotto a rivolgere critiche forti ma sostenute da null'altro che dal desiderio di essere ascoltati, per sostenere una giustizia in grave affanno". Così il presidente dell'Associazione nazionale magistrati, Rodolfo Sabelli, nella sua relazione di apertura del XXXII Congresso dell'Anm, in corso a Bari.

Secondo Sabelli "un maturo sistema penale dovrebbe mirare anzitutto a realizzare il principio della durata ragionevole del processo, a recuperare l'efficacia del dibattimento, a restituire alle impugnazioni la loro funzione esclusiva di approfondimento e di verifica e a rendere pienamente alla Cassazione il suo ruolo di giudice della legittimità e la sua preziosa funzione di nomofilachia. La via intrapresa, purtroppo, va in altra direzione".

Il presidente dell'Associazione nazionale magistrati sottolinea come debba essere "introdotto un meccanismo di decisione anticipata sulle questioni di nullità e di competenza, accompagnato da termini più rigorosi per la loro eccezione. La rinnovazione dell'istruttoria per il caso di diversità del giudice andrebbe disciplinata in forma più aderente alle necessità realmente imposte dal principio di oralità. Va prevista la domiciliazione necessaria dell'imputato presso il difensore di fiducia, per non vanificare i benefici della notifica telematica. Il ruolo della Cassazione andrebbe definito in misura più rigida, sull'esempio dell'esperienza europea. Sono solo alcuni esempi".

Ma la stoccata più forte di Sabelli è contro la politica: i rapporti fra magistratura e politica, oggi "sono restituiti a una dinamica meno accesa nella forma ma più complessa. Il principio di indipendenza e autonomia dei giudici che nessuno in astratto mette in discussione, costituisce uno dei cardini degli equilibri istituzionali, ma l’indipendenza non si alimenta di ossequio formale ma di una cultura fondata sul rispetto. Sono i temi sui quali oggi si sviluppano tensioni nuove o si riaccendono altre antiche e mai davvero sopite, che alimentano delegittimazione e sfiducia nel sistema giudiziario". A Sabelli ha risposto il responsabile Giustizia del Pd, Davide Ermini: "Bisogna fare attenzione a non fare confusione: fino a oggi nè il governo nè il Parlamento hanno messo mano al sistema delle intercettazioni, non è stata toccata - sottolinea - nessuna delle attuali competenze degli organi inquirenti o di quelli giudicanti. Ci siamo preoccupati solo dell’aspetto legato alla pubblicità delle intercettazioni. Per questo - chiarisce - alcune frasi sulla ’politica non attentà ci appaiono ingenerose".

Sul tema della prescrizione - prosegue Sabelli - "è deludente il disegno in esame al Senato, che si limita timidamente a prevedere un aumento dei termini per le fasi di Appello e Cassazione, senza affrontare l’esigenza di una riforma strutturale dell’istituto, che ponga rimedio ai guasti prodotti dalla legge del dicembre 2005 e accolga i richiami che da tempo giungono dall’Europa, fino alla recente sentenza della Corte dell’Unione sulle frodi Iva". Insomma, il solito disco rotto dell'Anm.

Commenti

tofani.graziano

Ven, 23/10/2015 - 13:03

Non e' la politica che vi delegittima(La quale in gran parte delegittimata lo e' gia')Ma siete voi(La magistratura)che interpretando le leggi alla bisogna, vi siete(salvo eccezioni)delegittimati

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 23/10/2015 - 13:11

L'ANM è un ente inutile, perché le querule elegie del Sabelli dovrebbero essere inoltrate al Ministero della Giustizia. Inoltre le interferenze legislative, da lui pomposamente definite "contributo di pensiero nella fase di elaborazione legislativa" dovrebbero essere punite col licenziamento del magistrato colpevole di violare il principio di suddivisione dei poteri dello Stato.

agosvac

Ven, 23/10/2015 - 13:15

Questo sabelli, presidente dell'Anm, non ha capito niente: non è la Giustizia che è in affanno, sono i magistrati, almeno alcuni magistrati, che non riescono assolutamente a farla funzionare. Se un processo dura più di dieci anni è colpa esclusiva dei magistrati. Se alcuni reati vanno in prescrizione è colpa delle lungaggini dei processi dovuti alla cattiva gestione da parte dei magistrati. Sono loro che non riescono a funzionare, non la Giustizia in sé e per sé!!!!!

igiulp

Ven, 23/10/2015 - 13:17

Vi delegittimate da soli. Basta una sentenza come quella su De Luca. E non è certamente l'unica.

maricap

Ven, 23/10/2015 - 13:25

@tofani.graziano - @Gianfranco Robe... Ecco, appunto, niente da aggiungere.

Ritratto di Giano

Giano

Ven, 23/10/2015 - 13:33

La magistratura, già da tempo si è auto-delegittimata moralmente agli occhi degli italiani. Non è più credibile. Bisogna solo sperare di non avere mai a che fare con questa giustizia in mano ad ex sessantottini. L'assoluzione di Erri De Luca è ultima prova di una magistratura che fa un uso spregiudicato della legge: per i nemici si applica, per gli amici si interpreta.

Ritratto di aresfin

aresfin

Ven, 23/10/2015 - 13:48

I veri delegittimati sono gli italiani che voi, super privilegiati, osteggiate e prendete a pesci in faccia tutti i giorni. Vergogna.

giovanni951

Ven, 23/10/2015 - 13:57

é tutta Italia che vi delegittima e anziché lamentarsi chiedetevi perché.

montenotte

Ven, 23/10/2015 - 14:02

Purtroppo Vi siete autodeleggittimati già da molto tempo. Alcune procure non sono imparziali come dovrebbero essere. A cosa serve un organismo inutile come il CSM? Uno sperpero di soldi pubblici questo si.

steacanessa

Ven, 23/10/2015 - 14:07

Che faccia di magistrato! Non passa giorno che non ne facciano qualcuna grossa e poi è colpa degli altri. I politici sono ai vostri ordini, la delegittimazione è cosa vostra!

giorgiandr

Ven, 23/10/2015 - 14:10

il giorno X i magistrati salvano la legge Severino, per non fare un favore a Berlusconi. Così facendo però avrebbero affossato De Magistris, ma "fortunatamente" il giorno dopo (sì, proprio il giorno seguente) De Magistris viene assolto in appello. E poi hanno il coraggio di dire che sono gli altri a delegittimarli.

Ritratto di elio2

elio2

Ven, 23/10/2015 - 14:11

Quando la magistratura si preoccupa tanto di difendere gli interessi di chi delinque, e non dei cittadini onesti, si delegittima. Quando la magistratura emette sentenze politiche, come nel caso del Berlusca, ma non è il solo, e contemporaneamente permette a chiunque in possesso della tessera giusta di farla franca, vedi la truffa ai risparmiatori e poi ai contribuenti, del MPS, il sistema corruttivo sesto, di Penati, lo scandalo rifiuti di Bassolino, Marrazzo e i suoi trans, a cui possiamo tranquillamente aggiungerci un'intera enciclopedia di casi minori, non perseguiti, oppure già prescritti o in via di prescrizione, e possiamo continuare almeno per un'altra settimana, si delegittima da sola, caro il mio Sabelli.

silvano45

Ven, 23/10/2015 - 14:22

Che vergogna fanno politica si dividono in correnti molteplici errori sulla pelle dei cittadini senza pagare mai il conto,interpretano le leggi a secondo del colore politico,usano la politica e la magistratura come una porta girevole......questo signore farebbe bene a leggersi tutte le multe e i richiami che ci fa europa e dovrebbe tacere

STEOXXX

Ven, 23/10/2015 - 14:25

non c'è bisogno che la politica deleggittimi la magistratura, perché si delegittima abbondantemente da sola con certi suoi aberranti comportamenti ....fuori delinquenti conclamati, dentro magari persone per bene che cercano di difendersi dai suddetti delinquenti...dovrebbero vergognarsi anziché ogni volta sparare le solite cxxxxxte !!!!

Ritratto di gianky53

gianky53

Ven, 23/10/2015 - 14:29

Si sono delegittimati con le loro inchieste e le loro sentenze questi tromboni dell'ultracasta. Inutile piangersi addosso, oltre che ridicoli sono anche noiosi.

fcf

Ven, 23/10/2015 - 14:37

Sabelli non deve lamentarsi perché la magistratura si è delegittimata da sola. Siete la vergogna d'Europa.

maubol@libero.it

Ven, 23/10/2015 - 14:42

Ci riuscite benissimo da soli a delegittimarvi! basta seguire i processi, vedere la differenza fra sinistra e destra! mai nessun provvedimento per le giubbe rosse cha sbagliano, che perseguono. cosi' come siamo al ridicolo con rom e clandestini! Arrestati al mattino fuori la sera, liberi di delinquere! Ringraziate di non avere un padrone, un titolare, altrimenti ci sarebbe lo svuotamento dei tribunali!!!!!

cotia

Ven, 23/10/2015 - 15:18

la solita messa cantata a cui partecipano tutti i soliti utili idioti, per sancire i fondamentali della casta e minacciare chi oserà porre in pericolo la loro impunibilità, la loro sacralità e la loro libertà di fare tutto quello che vogliono anche a scapito di quache cittadino incolpevole senza averne le conseguenze..

giove4

Ven, 23/10/2015 - 15:29

prova

ego

Ven, 23/10/2015 - 15:31

La formula suona "in nome del popolo italiano" mai suona ormai quasi beffarda dal momento che tante troppe sentenze rispecchiano soltanto l'ideologia del magistrato di turno. Questa magistratura, per i privilegi ingiustificati di cui gode data la sua inefficienza e per le strampalate interpretazioni che spesso dà della norma giuridica è completamente fuori sintonia rispetto al popolo italiano e al buon senso.

Fjr

Ven, 23/10/2015 - 15:34

Per decenni a fare da stampella ai sinistri, ma che cavolo vogliono questi?Rispetto?Il rispetto ve lo dovete guadagnare non a parole ,ma nelle aule dei tribunali quando emettete una sentenza, che stranamente pende sempre e solo da una parte, qualcuno la chiama ideologia, io la definisco in un unico modo convenienza,lacrime di coccodrillo in previsione di una frana a marchio PD , quindi nel caso cosa fate tutti a pendere a destra?Dicetelo in anticipo cosi' almeno abbiamo il tempo di organizzarci.

Edmond Dantes

Ven, 23/10/2015 - 15:41

No, ci riescono benissimo da soli. Non si capisce perché un medico che prescrive accertamenti non contemplati dalle linee guida debba essere punito mentre viene consentito ad un magistrato di stravolgere la lettera di una legge con una propria fantasiosa interpretazione. Cari magistrati, non si possono pretendere solo onori, occorre sobbarcarsi anche gli oneri, come per ogni categoria. Altrimenti si spaccia per tutela del prestigio quella che è solo inerzia a difesa di irresponsabilità ed impunità. Se il livello della politica lascia a desiderare quello della nostra magistratura che si barrica nella logica di casta lascia spazio solo per una sua radicale rifondazione, verosimilmente possibile ormai solo attraverso forti rotture istituzionali.

Cheyenne

Ven, 23/10/2015 - 15:45

L'ANM è un altro inutile centro di potere della KASTA la maggior parte dei magistrati sono incompetenti e ignoranti oltre che faziosi. Il PM dovrebbe essere come è in tutti i paesi occidentali sottoposto al ministro della giustizia e i collegi giudicanti fatti solo da giurati civili

Ritratto di perigo

perigo

Ven, 23/10/2015 - 16:01

Con questa scusa insulsa, la lobby/ casta/ società segreta dei magistrati continua ad operare scientificamente selezionando accuratamente chi colpire e quando colpire. Sembra un'excusatio non petita che inesorabilmente evidenzia l'accusatio manifesta di una strategia occulta per fare piazza pulita di tutto ciò che si frappone tra loro ed il potere assoluto.

Ritratto di massacrato

massacrato

Ven, 23/10/2015 - 16:05

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO... Ma quale popolo? Quello che RISCHIA già, se esprime i propri pensieri anche soltanto con lo sguardo? Se il magistrato deve rappresentare la volontà popolare, DEVE ESSERE ELETTIVO come in America, con un incarico a tempo determinato: mi pare 3 al massimo 6 anni per i PM e 4 al massimo 8 per i Giudici, e poi tutti tornano al lavoro di prima. Personalmente gradirei meno addetti ai lavori e più GIURIE POPOLARI: allora sì, credo POTREMO sentenziare "IN NOME DEL POPOLO ITALIANO_!"

giovanni PERINCIOLO

Ven, 23/10/2015 - 16:24

Non c'é alcun bisogno della politca per delegittimarvi, ci riuscite benissimo da soli!

VittorioMar

Ven, 23/10/2015 - 16:27

ci riescono benissimo da soli..

giovanni PERINCIOLO

Ven, 23/10/2015 - 16:28

..."a recuperare l'efficacia del dibattimento"... L'efficacia del dibattimento sarà recuperata solo il giorno in cui accusa e difesa saranno realmente alla pari e cio' si puo' ottenere solo con una rigida separazione delle carriere, cosa che i magistrati rifiutano benché cio' sia quanto avviene nella maggioranza dei paesi civili.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 23/10/2015 - 16:38

SI LAMENTANO SEMPRE, PRENDONO UNA BARCA DI SOLDI, LASCIANO LIBERI I DELINQUENTI E NON FANNO NIENTE DALLA MATTINA ALLA SERA.

sesterzio

Ven, 23/10/2015 - 16:47

E dai con la tarantella della delegittimazione!Un magistrato deve essere integerrimo,non politicizzato e deve smetterla di fare il divo.Non dovrebbe avere nemmeno la tessera del club del golf. E dovrebbe lavorare,visto la paga profumata,per non fare durare un processo per tempi biblici.

giove4

Ven, 23/10/2015 - 16:47

La magistratura è (o dovrebbe essere) un ordine, cioè una struttura di “impiegati” statali (di alto livello) al servizio dei cittadini e deputati ad applicare, nei limiti del possibile, le leggi dello stato. Nella nostra realtà, anche considerata la propria autonomia dai poteri dello stato e l’impunità di cui godono , i magistrati occupano, nella società, la stessa posizione propria degli squali nel mondo marino … in cima alla catena alimentare. Allora perché creare sub organizzazioni come ANM e MD? Per difendersi da chi …? , per tutelarsi da chi …? E’ abbastanza evidente che tali strutture siano nate per esercitare un “improprio” potere con la finalità di orientamento politico sia nell’ambito interno alla stessa magistratura sia all’esterno, mortificando, questa volta si, l’autonomia e la coscienza del singolo magistrato.

paolo1944

Ven, 23/10/2015 - 17:19

Altro che delegittimazione politica: la supercasta, arroccata nel suo fortino inespugnabile è ormai invisa al popolo, da destra a sinistra ormai tutti hanno capito. Avete sottomesso con il terrore il paese e la politica, pretendereste anche di piacere? ormai la gente vi ha inquadrato, sanno chi siete, e vi odia. Urge riforma totale, ad ogni costo.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Ven, 23/10/2015 - 17:23

Ci pensate da soli,e comunque non venite delegittimati: da DIPENDENTI PUBBLICI quali siete dovete render conto a chi vi paga lo stipendio.Il popolo,per l'appunto.

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Ven, 23/10/2015 - 17:23

Magistrati, VOI siete già POLITICI quindi vi autolegittimate. Invece farei una Legge DOC: la MAGISTRATURA come le FORZE ARMATE NON DEVONO fare Politica ne DEVONO introdursi pena azioni disciplinari e Legali. Che ne pensate???

honhil

Ven, 23/10/2015 - 17:27

Sempre il presidente dell'associazione dei magistrati, in merito al caso Saguto, ha dichiarato: "La sola ipotesi che possano essere realizzate condotte meno che corrette è fonte di sconcerto e di grave turbamento nell'opinione pubblica e tra i magistrati, foriera di danni incalcolabili". Esatto. Ma, nonostante ciò, ancora nessuno ha chiesto le dimissioni di quelle doghe. E’ dai frutti neri che produce la magistratura che viene la delegittimazione e non dalla politica. La cui colpa grave è, tuttavia, quella di non avere fatto una seria riforma della Giustizia.

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Ven, 23/10/2015 - 17:36

Per delegittimarsi da soli basta e avanza la sentenza che ha permesso a why not di restare in sella cancellando per lo stesso la legge Severino ma mantenendola inalterata per il Berlusca e poi non parliamo delle sentenze farlocche o di parte,basti pensare a quel tizio che fomenta la ribellione NO TAv,il tutto poi coronato da un presidente che ronfa a più non posso, ben attento di non scavalcare l'altro ottuagenario golpista,pertanto smettetela di frignare e datevi una mossa,l'ora è tarda.

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Ven, 23/10/2015 - 17:36

Ma sembra impossibile che non riusciate a comprendere quanto state calpestando il pensiero dominante del popolo retto. Ma capite o non riuscite a farlo, che state celebrando un turpe rito, pregno di ideologia, che contrasta col comune buon senso, dando esagerato valore alla vita di chi non merita ne rispetto ne appoggio? Non si può entrare a piede teso nella partita della vita tifando per il male a scapito di chi non vuol soccombere per mano scellerata. Siete su quello scranno per difendere il probo e non per annientarlo.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Ven, 23/10/2015 - 17:41

...ci siamo mantenuti fedeli alla missione......ecc.ecc. bla bla bla. Amano raccontarsi balle alle quali ci credono pure!!!!!

papik40

Ven, 23/10/2015 - 17:50

Ci vuole un bel coraggio ad affermare che i magistrati si sono attenuti ai principi del loro statuto. Com'e' possibile l' "indipendenza" di un magistrato se e' apertamente schierato politicamente!!! Anche i magistrati come tutti noi possono avere la loro idea politica ma NON DEVONO ESTERNARLA perche' le loro sentenza saranno sempre soggette ad essere mal giudicate !!! Sono invece concorde con la "giustizia in grave affanno" per le deficienza elencate dal Dott. Sabelli ma anche perche' sia alla vittima e sia alla parte lesa NON E' PERMESSO di interrogare e controinterrogare i testi per proteggere la corpoazione degli avvocati che quasi mai fanno le domande e controbattono le risposte con cognizione di causa non essendo ovviamente dotati di scienza infusa!

vince50_19

Ven, 23/10/2015 - 17:54

Una litania! Quasi quasi da aggiungere alle novene..

papik40

Ven, 23/10/2015 - 17:54

La prescrizione in un paese civile dovrebbe decadere al momento dell'iscrizione dell'imputato nel relativo registro anche per non dare ai magistrati la possibilita' di scegliere, con le lungaggini processuali ed i vari cavilli e strattaggemmi difensivi, chi far decadere o meno!!!!

terzino

Ven, 23/10/2015 - 17:58

Delirio di onnipotenza, guai a toccarli. La politica li delegittima? ma se loro sono i primi a fare politica con le varie correnti. Nessuno può essere al di sopra della Legge, nemmeno e soprattutto loro che dovrebbero applicarla e non interpretarla a proprio uso e consumo per avere notorietà e poi confluire nella politica che tanto criticano. Sono loro stessi che si delegittimano con sentenze mostruose al di sopra di ogni cavillo e soprattutto buon senso. Un pò di sana autocritica non guasterebbe. Certo c'è qualche eccezione, ma proprio qualche.

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Ven, 23/10/2015 - 18:22

Anche nella magistratura, com'è ovvio e come capita in cucina, non tutte le ciambelle escono col buco... be', bisognerebbe porre radicale rimedio.

albertzanna

Ven, 23/10/2015 - 18:30

E lei Savelli, con quela faccia così, pretende d'essere preso seriamente? Voi vi delegittimate da soli, avendo fatto dello stato di diritto e della legge imparziale, una enorme patumiera in cui rimestate solo i cavoli vostri per favorire i vostri interessi, che non sono quelli di applicare la legge con vera giustizia, ma di applicarla affinchè chi giudicate innocente, anche se ha ammazzato la madre per venderne la pelle, poi vi debba della gratitudine, che utilizzerete, torno a ripetere, solo nel vostro interesse esclusivo di magistrati politicamente orientati a sinistra. Quindi lei è imputato di vilipendio della legge. albertzanna

Giorgio5819

Ven, 23/10/2015 - 18:34

Fare qualcosa per "legittimarsi" agli occhi degli italiani no eh? Troppo laborioso. Cancellare schieramenti politici di associazioni di magistrati palesemente contrari alla loro deontologia ?.....

FraZa

Ven, 23/10/2015 - 18:37

La CASTA dei magistrati non ha capito che questo paese sta cambiando.. Un cittadino che si difende dalla azione dei ladri, deve ora mettere in conto l solo guai, preoccupazione, e l'inizio di una "via crucis" . Piu' trasparenza, coerenza, onesta', etica e senso della realta' non farebbero affatto male. Cara ASSOCIAZIONE PER LA TUTELA E DIFESA DEL MAGISTRATO (leggi ANM) ma e' cosi' difficile da capire?.

Giorgio Mandozzi

Ven, 23/10/2015 - 18:43

I magistrati si delegittimano da soli. Non debbono nemmeno impegnarsi: basta che continuino a fare quello che fanno. Indagini senza fine e quasi sempre senza riscontro se non c'è un reo confesso, nonostante madornali errori sono sempre impuniti, lavorano a piacere e possono mandare certificati di malattia per un anno e fare regate senza timore di perdere il posto. Il CSM, poi, è come un dopolavoro per scambiare quattro chiacchiere ed informarsi sul tempo che farà! E SI LAMENTANO! FANNO BENE!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 23/10/2015 - 18:50

i magistrati hanno paura delle riforme! per questo parlano cosi, ma continuano a fare danni ai poveri innocenti, perchè non sanno come si cerca una prova, come si conduce un interrogatorio, o come interpretare correttamente una legge e per di piu, non sanno essere indipendenti dalla politica (specie di sinistra!), e non è affatto un caso la vicenda di berlusconi, il pluri indagato per fatti inesistenti e privi di ogni accusa fondata!!

bruna.amorosi

Ven, 23/10/2015 - 18:55

poveretti questi magistrati ancora nn lo hanno capito che si sono delegittimati da soli da quando si sono fatti corrompere dalla sinistra italiana . perciò è inutile che piangono non li stima più nessuno almeno le persone per bene davvero non li stima .

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Ven, 23/10/2015 - 19:19

Francamente la storiella della delegittimazione ha stancato e, come più di un lettore ha fatto notare, spesso lo fate da soli. Pensate a quante persone innocenti avete rovinato la vita senza MAI pagare dazio. Alle infinite sentenze ridicole che emettete e con le qual calpestate i più elementari concetti di senso comune. Siete una casta intoccabile, strapagata, arrogante e molti di voi sono anche inefficienti ed incapaci. Lo dimostrano le infinità di senteze di primo grado ribaltate in secondo e terzo grado. Dalton Russell.

claudioarmc

Ven, 23/10/2015 - 19:24

Mi fanno venire il vomito.

FRANGIUS

Ven, 23/10/2015 - 19:57

AVETE RAGIONE:LA POLITICA VI DELIGITTIMA.NON FATE PIU' POLITICA SINISTROIDE NELLA VS/ PROFESSIONE E ATTENETEVI ALLA GIUSTIZIA CHE NON E' DI SINISTRA NE' DI DESTRA.MA CERTO COSI' VI CONVIENE VISTO CHE SIETE STRAPAGATI PER IL LAVORO SCARSO E MALFATTO CHE FATE.IL POPOLO ODIA LA VS/ IPOCRISIA E LE VS/ SENTENZE PARTITICHE.

paolonardi

Ven, 23/10/2015 - 19:58

Caro presidente nell' elencare le benemerenze dell'associazione che presiede si e' dimenticato la piu' impirtante: l'applicazine dei codici che parlamento, espressione democratica drl popolo italiano, ha appravoto nella lettera e nello spirito. Il popolo italiano non vi ha legittimato a legiferare ed interpretare le leggi esistenti quando inforcate gli occhiali con lenti rosse.

Ritratto di moshe

moshe

Ven, 23/10/2015 - 20:04

Siete voi con le vostre porcate che vi delegittimate!

squalotigre

Ven, 23/10/2015 - 20:39

papik40 - non beva prima di mettere mano alla tastiera. Già i processi durano una vita perché i magistrati devono andare in tv e scrivere libri e quindi non hanno tempo di occuparsi del lavoro per cui sono lautamente pagati. Se bastasse un'iscrizione nel registro, i processi durerebbero una sessantina d'anni durante i quali il povero imputato dovrebbe stare sotto la spada di Damocle di una condanna. Le indagini non possono durare un tempo indefinito. Già 2 anni per andare a processo per gravi imputazioni sono un tempo più che congruo. Le motivazioni di una condanna o di un'assoluzione dovrebbero essere depositate non dopo un anno ma dopo due giorni perché basta mettersi a tavolino e scriverle, dal momento che la sentenza è stata emessa in base ad esse che dovrebbero essere chiare. Se i magistrati non riescono a fare il proprio lavoro devono dedicarsi all'agricoltura e rispondere dei propri errori come tutti.

Nonmimandanessuno

Ven, 23/10/2015 - 20:51

Excusazio non petita ...

albertzanna

Ven, 23/10/2015 - 20:59

E lei Savelli, con quella faccia così, pretende d'essere preso seriamente? Voi vi delegittimate da soli, avendo fatto dello stato di diritto e della legge imparziale, una enorme pattumiera in cui rimestate solo i cavoli vostri per favorire i vostri interessi, che non sono quelli di applicare la legge con vera giustizia, ma di applicarla affinché chi giudicate innocente, anche se ha ammazzato la madre per venderne la pelle, poi vi debba della gratitudine, che utilizzerete, torno a ripetere, solo nel vostro interesse esclusivo di magistrati politicamente orientati a sinistra. Quindi lei è imputato di vilipendio della legge. albertzanna

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 24/10/2015 - 02:15

L'ANM sta vergognosamente delegittimando il parlamento italiano con inaccettabili ingerenze nella politica CON UNA GIUSTIZIA POLITICIZZATA. Ciononstante hanno la faccia tosta di fare le vittime. LA RIFORMA DELLA MAGISTRATURA DOVRÀ PREVEDERE ANCHE E SOPRATTUTTO L'ESPULSIONE DI QUEI MAGISTRATI CHE ABUSANO DEL POTERE GIURISDIZIONALE A FINI POLITICI.

Iacobellig

Sab, 24/10/2015 - 07:04

I MAGISTRATI GANNO ROTTO, PENSINO A LAVORARE SE NE SONO CAPACI CON I SOLDI CHE SI METTONO IMMERITATAMENTE IN TASCA, MENTRE IL GOVERNO VIGILI SUGLI STESSI, FACENDO TIMBRARE LE PRESENZE GIORNALIERE, ATTUANDO VERIFICHE SUL LORO OPERATO!

linoalo1

Sab, 24/10/2015 - 08:18

Abituati a fare sempre quello che vogliono,ora cominciano ad avere paura di essere giudicati sul loro operato!!!!